- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (280) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org I profughi del cambiamento climatico siano una prioritÓ per le chiese,di Agenzia NEV del 18-11-2009

Ambiente.
I profughi del cambiamento climatico siano una prioritÓ per le chiese

di Agenzia NEV del 18-11-2009

Lo chiedono i cristiani dell'Asia e del Pacifico riuniti a Chiang Mai (Thailandia)


Roma (NEV), 18 novembre 2009 - Ci sono luoghi del mondo in cui i cambiamenti climatici stanno già avendo conseguenze devastanti tanto che le chiese cristiane dell'Asia e del Pacifico hanno indicato tra le proprie priorità il sostegno ai profughi per motivi climatici. Dal 2 al 6 novembre scorso a Chiang Mai, in Thailandia, il Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), la Conferenza cristiana dell'Asia e la Conferenza delle chiese del Pacifico hanno infatti convocato una Consultazione ecumenica su “Povertà, benessere ed ecologia in Asia e nel Pacifico”. Inserita nell'ambito del processo del CEC, denominato AGAPE, per la ricerca di un'alternativa all'economia della globalizzazione, la Consultazione ha ospitato le testimonianze delle vittime del cambiamento climatico: dagli abitanti di isole che stanno per essere sommerse dall'innalzamento dei mari, ai contadini che vedono continuamente devastati i loro campi da inondazioni senza precedenti, alle vittime di carestie che non possono più usufruire dei tradizionali sostegni sociali spazzati via dalla globalizzazione. L'incontro si è concluso con la sottoscrizione della Dichiarazione di Chiang Mai nella quale i partecipanti si impegnano a promuovere “un nuovo protocollo sul reinsediamento dei migranti per cause ecologiche” e a sostenere “i diritti dei profughi causati dal cambiamento climatico”. I partecipanti hanno anche sottolineato lo stretto legame tra crisi ecologica e ingiustizia economica, considerando che oltre la metà dei poveri del mondo vive in Asia. “La connessione della crisi economica e di quella ecologica – hanno dichiarato i sottoscrittori della Dichiarazione – è espressione di una più vasta crisi etica, morale e spiritale” per combattere la quale “è necessario un radicale rinnovamento spirituale fondato sull'imperativo biblico dell'opzione preferenziale di Dio per i minimi (giustizia) e per la sacralità della creazione (sostenibilità)”. Per il testo completo della Dichiarazione di Chiang Mai: http://www.oikoumene.org/?id=7285 .


Giovedý 19 Novembre,2009 Ore: 12:38
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Ambiente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info