- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (307) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org A NATALE… CI HA LASCIATO UN UOMO E UN POETA,di Mario Pavan

A NATALE… CI HA LASCIATO UN UOMO E UN POETA

Pensiero a Fernando Bandini


di Mario Pavan

Cessare di vivere il giorno di Natale, dopo aver scritto tra i tanti libri che resteranno( e ottenuto meritati premi ) come “Il ritorno della Cometa” e “Santi di di Dicembre”, è un segno. Il segno che un poeta raggiunge il”suo” Cielo proprio il giorno del Dio che si incarna tra noi uomini.
Ed è il segno che tutto è grazia , meglio è il nostro dire grazie anche a lui.
Al di là della grande e alta produzione poetica riconosciuta a livello nazionale per raccolte in italiano, latino e dialetto della nostra terra e della sua professionalità di stimato professore , Fernando Bandini, per quelli della mia generazione, di vent’anni più giovani di lui , era un modello: di umanità, innanzitutto.
E anche di coerenza, fedele alle sue idee di un socialismo quasi di Dio, che voleva giustizia per l’uomo, per ogni uomo nel nome della Libertà e della Democrazia, valori per lui assoluti e che, noi giovani consiglieri comunali, alla nostra prima esperienza amministrativa fin dal 1975 , accanto a lui, già nome noto, sui i banchi della Sala Bernarda ,imparavamo nel quotidiano. E quando il prof. Fernando Bandini prendeva la parola in quelle sedute memorabili di anni irripetibili, regnava il silenzio quasi religioso dell’ascolto , un ascolto condiviso, libero e scevro da qualsiasi tatticismo.
Lo abbiamo apprezzato innanzitutto così, così lo abbiamo conosciuto, oltre la sua altezza di intellettuale e di docente che ha dato molto anche a Vicenza. E a molte sue storiche istituzioni.
E come altri vicentini , anche Fernando Bandini resterà per sempre nei cuori come un uomo vero e come ce ne sono pochi, perché forgiato anche a prove non sempre vittoriose nell’agone politico( non però della Politica con la “P” maiuscola), fiero del suo testamento di libertà, di convinzione e di coerenza. Ed è quello che conta di più, a cominciare proprio da questi giorni di un Natale da concretizzare.
Mario Pavan
Vicenza, Natale 2013



Lunedì 30 Dicembre,2013 Ore: 13:23
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Testimoni del nostro tempo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info