- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (273) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Rapporto del Comitato contro la Tortura: condanna per le politiche italiane,di Gruppo EveryOne

Rapporto del Comitato contro la Tortura: condanna per le politiche italiane

di Gruppo EveryOne

Milano, 5 maggio 2010. Il 28 aprile scorso è stato reso pubblico il Rapporto del Comitato Europeo per la Prevenzione della Tortura, che fa parte del Consiglio d’Europa. Sollecitato da una rete di Ong - fra cui il Gruppo EveryOne, consulente del Comitato - in base a episodi di grave abuso istituzionale contro minoranze etniche e migranti, il Comitato ha compiuto un'ispezione in Italia dal 27 al 31 luglio 2009, raccogliendo evidenze, documenti e testimonianze delle violazioni. Il Rapporto inquadra l'Italia come uno dei Paesi membri Ue in cui avvengono casi gravi e reiterati di xenofobia e trattamenti disumani nei confronti degli stranieri e dei profughi. Ecco un passo della lettera inviata dal Comitato al governo italiano insieme al Rapporto: "Il Comitato Europeo per la Prevenzione della Tortura invita le autorità italiane a rivedere nella sostanza le attuali azioni di intercettazione dei migranti in mare, come pure ad assicurare che ogni persona che venga a trovarsi all'interno della giurisdizione italiana - incluse quelle intercettate in mare al di fuori delle acque territoriali italiane da natanti di controllo nazionali - ricevano la necessaria assistenza umanitaria e le cure mediche indicate e che venga rispettato il loro diritto al non respingimento". Il principio del "non refoulement" è un cardine della Convenzione di Ginevra, documento che l'Italia ha sottoscritto nel 1951. Lo stesso principio è sancito dall'articolo 3 della Carta dei diritti fondamentali nell'Unione europea, la quale precisa che il non respingimento va sempre adottato anche per "le persone che possano essere esposte al rischio di tortura, umiliazioni, trattamenti inumani e degradanti qualora tornassero in Paesi nei quali esiste questo pericolo". Il Rapporto condanna senza mezzi termini i respingimenti effettuati dall'Italia verso la Libia, nonché l'iniquità degli accordi secondo i quali esseri umani vulnerabili debbano essere costretti a subire condizioni di detenzione inumane nel Paese di Gheddafi. Parole dure anche per la presenza di minori, malati e soggetti particolarmente fragili a bordo delle imbarcazioni respinte in Libia, con un'altra serie di violazioni dei Diritti del minore e dei diritti fondamentali della persona.
Per ulteriori informazioni:
Gruppo EveryOne
+39 393 4010237 :: +39 331 3585406


Mercoledý 05 Maggio,2010 Ore: 17:15
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Osservatorio sul razzismo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info