- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (386) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Brescia: Siamo sulla stessa barca, cerchio di silenzio,di Guglielmo Loffredi

Brescia: Siamo sulla stessa barca, cerchio di silenzio

di Guglielmo Loffredi

Una interessantisssima esperienza a Brescia contro il pacchetto sicurezza ed il razzismo di cui è impregnato con i “cerchi di silenzio” che vuole essere uno stimolo per la costituzione di altri cerchi in Italia. Il gruppo “Siamo sulla stessa barca” , che organizza l’evento ogni mese, è nato lo scorso anno su iniziativa del Movimento Nonviolento di Brescia.


Siamo sulla stessa barca 
Viviamo un tempo di crisi della parola, dopo molte parole non sempre necessarie. Parole consumate, abusate, urlate, quindi malate che non generano vita. Abbiamo fortemente bisogno, invece, di ritrovare parole che siano lievito….Parole sussurrate, ospitali, rigenerate e disarmate dal silenzio
 
“Siamo sulla stessa barca”, è un’iniziativa organizzata dal Movimento Nonviolento di Brescia a cui aderisce un gruppo di cittadini impegnati a Brescia, da oltre un anno, a testimoniare pubblicamente il dissenso sui provvedimenti che costituiscono il famigerato: “pacchetto sicurezza”, il primo mercoledì di ogni mese con un’ora di silenzio in cerchio. Il pacchetto sicurezza nella sua applicazione ha determinato: respingimenti in mare dei migranti, ha costruito una immagine distorta nella società associando il termine: clandestino = criminale, ha aggravato la sofferenza delle famiglie migranti ostacolandone i ricongiungimenti. Inoltre, ha favorito la nascita di regolamenti di polizia urbana restrittivi e sanzionatori che impediscono di fatto la condivisione di spazi di convivialità e di gioco; scelte che alimentano la cultura della discriminazione e la negazione dei diritti fondamentali delle persone che l’umana coscienza riconosce e la “carta dei diritti dell’uomo” sancisce.
Il reato di clandestinità previsto nelle Disposizioni in materia di sicurezza pubblica , ( Legge 15 luglio 2009, n. 94, ),  incide pesantemente sulla vita dei minori di origine straniera favorendone l'esclusione dai servizi scolastici, sociali e sanitari, relegandoli di fatto alla marginalità e rendendoli praticamente invisibili. Inoltre i bambini migranti già più frequentemente esposti alla violenza del carcere e allo sfruttamento del lavoro minorile, se figli di genitori irregolari, vengono,privati anche del diritto ad un nome e, di fatto, non potranno in futuro regolarizzare la loro permanenza nel nostro Paese. Attualmente in Italia sono presenti più di 800.000 minori stranieri (dati ISTAT).
Il nostro intento è di mantenere un presidio democratico e di sensibilizzare la cittadinanza offrendo un momento collettivo di riflessione e di protesta non violenta. Il nostro silenzio vuole anche essere un richiamo all’apparato esecutivo a ripensare ad una seria e costruttiva politica sull’immigrazione che favorisca l’incontro tra le varie differenze sul piano dell’accoglienza e del rispetto reciproco.
Le iniziative attualmente in corso sono: un digiuno a staffetta iniziato il 14 maggio che  continua tuttora e un’ora pubblica di silenzio il primo mercoledì del mese dalle 18 alle 19 in Piazza Rovetta a Brescia. Lo scopo è di sensibilizzare la cittadinanza offrendo un momento collettivo di ponderazione e di protesta non violenta.
L’ora di silenzio viene proposta con questa modalità: i partecipanti, il cerchio è aperto a tutti, si dispongono in cerchio, in assoluto silenzio, portando dei cartelli inerenti il tema scelto per la giornata. Finora i temi proposti alla considerazione di ognuno sono stati:
 Siamo sulla stessa barca
ORA DI SILENZIO - DONNE MIGRANTI
06 ottobre 2010
La condizione di migrante implica il dover affrontare diversi ostacoli legati a discriminazioni razziali ed etiche, a difficoltà di inserimento lavorativo, alle incomprensioni dovute alla lingua e alle diverse tradizioni che spesso creano problemi di natura sociale e culturale esponendo di per sé a grandi rischi di violenza e morte, essere donne e migranti, significa essere esposte ad un doppio svantaggio, a una doppia discriminazione data dalla propria appartenenza di genere. Le donne migranti, che spesso fuggono da abusi, violenze e guerre o lasciano il proprio paese per ricongiungersi ai familiari, devono spesso misurarsi con un sistema di abusi, molestie, ricatti e violenze sessuali sia in quelle stesse famiglie che nei luoghi di lavoro e nella società. Inoltre, in nome della "nostra sicurezza", le profughe respinte alle frontiere vengono rimandate in Libia dove, nei campi di concentramento, sono spesso vittime di stupri e violenze terribili. 
Gli altri temi trattati:

ORA DI SILENZIO. I LAVORATORI NON SONO MERCE
01 settembre 2010
ORA DI SILENZIO .PRIGIONIERI DI UN REGOLAMENTO
TRA NORME DISCREZIONALITA' CONVIVENZA NEGATA
18 agosto 2010
ORA DI SILENZIO. PRIGIONIERI DI UN REGOLAMENTO
TRA NORME DISCREZIONALITA' CONVIVENZA NEGATA
21 luglio 2010
ORA DI SILENZIO RIMANDIAMOLI A CASA...DOVE?
07 luglio 2010
ORA DI SILENZIO - PRIGIONIERI DI UN REGOLAMENTO
 TRA NORME DISCREZIONALITA' E CONVIVENZA NEGATA
02 giugno 2010
ORA DI SILENZIO PRIGIONIERI DI UN REGOLAMENTO
TRA NORME DISCREZIONALITA' E CONVIVENZA NEGATA
05 maggio 2010
ORA DI SILENZIO - QUANDO I BAMBINI...
07 aprile 2010
ORA DI SILENZIO - I LAVORATORI NON SONO MERCE…
03 marzo 2010
 ORA DI SILENZIO - I LAVORATORI NON SONO MERCE...
03 febbraio 2010
ORA DI SILENZIO - QUANDO I BAMBINI...
06 gennaio 2010
ORA DI SILENZIO QUANDO I BAMBINI...
TRA DIRITTI SICUREZZA MIGRAZIONE
02 dicembre 2009
ORA DI SILENZIO TRA DUE FUOCHI...
GUERRE DIRITTI IMMIGRAZIONE
04 novembre 2009
ORA DI SILENZIO - RIMANDIAMOLI A CASA...DOVE?
07 ottobre 2009
ORA DI SILENZIO - E' CAPITATO ANCHE A NOI
02 settembre 2009
UN'ORA DI SILENZIO - DIRITTI DOVERI
14 luglio 2009
ORA DI SILENZIO - GIORNATA DEL RIFUGIATO
20 giugno 2009
DIGIUNO A STAFFETTA
14 maggio 2009

Come può esserci sicurezza se si agisce in modo ingiusto?
È la giustizia che genera la pace e ci fa dono della sicurezza, non funziona al rovescio.
 
CI SENTIAMO SICURI:
  • se pensiamo la terra come dono di tutti
  • se coltiviamo la pace in noi
  • se viviamo le differenze e l’incontro come opportunità
  • se ci riconosciamo, almeno un poco, nell’altro
  • se abbiamo rispetto per le cose che non comprendiamo
  • se….
Guglielmo Loffredi
 

Siamo sulla stessa barca

A questo indirizzo è presente un filmato:
 


Sabato 16 Ottobre,2010 Ore: 19:06
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Osservatorio sul razzismo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info