- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (343) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Cara CGIL,di Paolo Rossi

Lettera
Cara CGIL

di Paolo Rossi

Cara CGIL

sono un lavoratore del nord che ha cominciato a lavorare in fabbrica a sedici anni pensando di continuare per 35. Nel “96 ci hanno convinto che bisognava aggiungerne altri cinque per consolidare il sistema previdenziale. Recentemente, quasi di nascosto, ci hanno aggiunto prima un annetto e poi qualche mese, senza che i contributi versati migliorino il rendimento pensionistico. Quando avrò 58 anni, se non ci fregano ancora, lo stato comincerà a restituirmi i contributi che ho iniziato a versare 42 anni prima. Se rispetterò la mia aspettativa di vita, per 22 anni riceverò una pensione sempre più svalutata, se invece lascerò questa valle di lacrime in anticipo, solo una parte di quei soldi sarà reversibile a mia moglie.

Il salario netto di un dipendente che guadagna 1400 euro, frutta allo stato oltre 2700 euro annui di irpef, altri centinaia di euro se li pigliano regione e comune, e ben 7800 sono versati per i contribuiti previdenziali. Con 42 anni di contribuzione ti danno una pensione di circa 1200 euro al mese che vent’anni dopo varrà forse la metà. Non credo proprio di pesare sulla collettività andando in pensione a 58 anni dopo quasi 42 di contribuzione, anzi ho la sensazione di essere derubato, e mi girano molto quanto sento politici di tutte le razze, da Straguadagno a Rutelli a Renzi, parlare a vanvera dei miei soldi e quindi della mia vita.

In un paese con centinaia di miliardi di evasione, mafia camorra e ‘ndrangheta, lavoro sommerso, caste e corporazioni intoccabili, politici incapaci, clero parassita, enti e cariche inutili, sprechi e ruberie, nani, ballerine, calciatori e cialtroni ad ogni angolo, mi è insopportabile anche solo l’idea che pensino di mettere ancora le mani nelle mie tasche per qualsiasi motivo, e sono pronto a fare di tutto quanto è lecito per impedirglielo.

Paolo Rossi



Sabato 27 Agosto,2011 Ore: 15:41
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info