- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (255) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

Per "Dio" - quanto interesse, e quanto "entusiasmo"!!!, di <i>Federico La Sala</i>

Per "Dio" - quanto interesse, e quanto "entusiasmo"!!!

Ma di quale "Dio" tutti sono "pieni"?!
Un omaggio ad Alessandro Baricco e Leonard Boff


di Federico La Sala

Oggi, e finalmente, abbiamo un’ Iliade (quella riscritta da Baricco: bravissimo, ha colto perfettamente nel segno), all’altezza del nostro tempo e della nostra civiltà. Un’iliade senza più gli Dei e senza più le Dee: è proprio quella che dice bene di noi stessi e di noi stesse - quella del tempo che viviamo e che meritiamo, non quella dei Greci e dei Troiani. Dice della nostra vita e del nostro tempo - di noi, vivi-morti o morti-vivi, senza nessuna più differenza e senza più senso alcuno. In un presente senza passato e senza futuro, abbiamo dimenticato tutto - e non sappiamo più nÚ distinguere, nÚ meravigliarci, e nÚ interrogarci sulle parole che usiamo o meglio ci usano (e non solo le parole!). Tutti gli dei sono morti: c’è un solo dio - e tutto è fatto uguale a tutto, dalla teleologia e dalla teologia del dio-denaro e del dio-capitale. Ancora più di ieri, Marx ha miliardi e miliardi di ragioni: egli conosceva bene i greci ..... e anche Dante!

Gli antichi greci, quando parlavano del "dio" o degli "dei", sapevano di chi parlavano: e, quando in modo particolare erano guidati da loro o cadevano sotto il loro potere o erano da loro ispirati, sapevano di Chi si trattava - ne conoscevano vita, storie, e miracoli: Apollo, Atena, Zeus, Era, Afrodite, Ares, Poseidone, Demetra, Eros ... Con la parola "entusiasmo", essi ci dicono di più di un trattato di antropologia, di teologia, e di filosofia messi insieme: per loro, tutto era "pieno di dei" - e dappertutto c’erano dei e dee! "Entusiasmo" vuol dire propriamente - e significativamente - "ispirato dal dio", "dominato dal dio", "preso dal dio". E i greci, quando venivano a trovarsi in tale situazione e stato, sapevano di quale "dio" in persona erano "pieni" e lo dichiaravano - senza alcun problema!

Gesù, quando insegnò il "Padre Nostro", sapeva - in spirito di verità (e non di menzogna!) - "Chi" era il "Padre": non il dio Mammona o il dio Moloch o il dio Baal. Gesù (che significa "il dio che salva") ci ha svelato "Chi" è questo "dio che salva" e ci ha detto il Suo nome: Amore ("Dio è Amore"). E, questo nome, è lo stesso di quello del "dio" del Cantico dei cantici - e non altri (prima di tutti gli altri): il dio dei nostri padri e delle nostre madri: è Amore-Ahavah, il dio che è "più forte di Morte" e la vince (su questo, cfr. il prezioso lavoro di Giovanni Garbini, Cantico dei cantici: Testo, traduzione, note e commento, Paideia Editrice, Brescia 1992). Ricordiamo: teniamo presente (forse questo Nome - non altri - è la Stella, che può portare tutti gli esseri umani a casa, dai propri genitori - ’Maria’ e ’Giuseppe’ - e ritrovare il nostro Padre e il Nostro dio, quello della Resurrezione dalla Morte, della Vita e della Verità).

Oggi, di nuovo e ancora tutti lo gridano, tutti ne parlano: Dio, Dio lo vuole, Dio è con noi...... Tutti lo hanno arruolato nelle proprie forze armate - soprattutto. Ma quanti "Dio" ci sono?! La parola"Dio" è tornata di gran moda - e di grande attualità. E’ tale e tanto l’ "entusiasmo" che anche i cavalli, se avessero la parola, griderebbero: "Avanti, all’attacco, Dio lo vuole, Dio è con noi"! Ma di che si parla, di chi parlano? E di chi sono "pieni" o vogliono essere "pieni"? Al di là delle apparenze, è tutto come sempre: ognuno per sÚ (e contro tutti), e "Dio" con tutti. Il "quadro" ha già la sua moderna didascalia: l’uomo è un lupo per l’altro uomo - e la guerra di tutti contro tutti continua, alla grande! Questo è il nostro "Dio": "allegria", "allegria"! Non c’è da meravigliarsi (da un certo punto di vista): il concetto di Dio dopo Auschwitz non è affatto chiaro ...e il Nome stesso di Dio non si sa ancora quale sia. Si fa finta e si continua come prima, ancora come se la buona-notizia non ci fosse mai stata data - come se il messaggio a duemila anni e più dopo il suo "invio" non ci fosse mai stato portato. O diversamente, come molti hanno detto e creduto, "Dio non esiste" o "Dio è morto"... che nessun messaggio mai è arrivato o arriverà. La "notte" è eterna - non finisce mai: è inutile svegliarsi - continuiamo a dormire! A che domandare? Nella notte tutte le vacche sono nere: essere e non-essere sono la stessa cosa! Zero, sotto zero, zero assoluto: un inferno - come Dante aveva ben capito - e ben denuciato, fin dal primo Giubileo! Ricordiamo, ricordiamo.... Chissà? Forse, se riuscissimo a ricordarci di tutti gli dei e tutte le dee, riusciremmo a ricordarci anche del Nostro grande Amore.... Il politeismo non è affatto in contraddizione con il monoteismo - con il dio dei nostri padri e delle nostre madri. E, a ricordare e a ben pensarci, nemmeno con la critica dell’economia politica di Marx!



Mercoledý, 08 dicembre 2004
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Federico La Sala - dal sito www.ildialogo.org&body=https://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/filosofia/quantointeresse08122004.htm"> Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Filosofia

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info