- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (279) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org IL PORCELLUM IL MALE MAGGIORE - IL VOTO DI PREFERENZA, PER FAVORE,<b>di Agostino Spataro</b>

IL PORCELLUM IL MALE MAGGIORE - IL VOTO DI PREFERENZA, PER FAVORE

di Agostino Spataro

L’oracolo ha parlato, ma non ha detto un bel nulla

Si farà la riforma elettorale? Come, quando, con quali forze? Credo che queste e altre domande consimili frullino nella testa della gran parte degli italiani, forse più di quelle che nascono dalla crisi economica, poiché il “porcellum” è, oggi, il male maggiore.

Ieri, ha parlato l’oracolo del governo Letta ossia il ministro per le Riforme Quagliarello il quale, secondo l’Adn-Kronos, ha chiarito “che in questa prima fase sia necessario un intervento di 'salvaguardia' che renda certamente costituzionale il sistema vigente e, 'sterilizzando' il problema immediato della legge elettorale, agevoli il percorso complessivo di riforma istituzionale, all'interno del quale anche il tema della legge elettorale troverà una compiuta definizione".

Alla faccia del caciocavallo! Se questo è un chiarimento, possiamo star freschi. Poiché il signor ministro non ha chiarito un bel nulla. Ha solo teso a rassicurare la maggioranza che non si farà una seria riforma di quella legge ignobile chiamata “porcellum” che sta, pericolosamente, infiacchendo il sistema democratico italiano.

Una legge disastrosa e anticostituzionale, come, ora, si accorgono anche le alte Corti che dovrebbero (di più) vigilare su tale delicatissima materia.

Con questa legge, infatti, è stato espropriato il cittadino-elettore del diritto (costituzionale) di potere scegliere, col voto, il suo candidato al Parlamento.

E’ stato compiuto un grave misfatto politico ai danni della democrazia e della sovranità popolare, trasferendo il potere elettivo dal popolo a un gruppo ristretto di capipartito (una diecina in tutto) i quali, di fatto, nominano i membri di Camera e Senato.

E così, nelle liste bloccate, e quindi in Parlamento, si trova di tutto: mogli, figli, amanti, portaborse, avvocati e fiscalisti di fiducia e via via degradando…

La “legge porcata” che a tutti piace

Al “porcellum”, imposto a colpi di maglio dal centro destra, si sono assuefatti anche i capipartito del centro-sinistra che hanno goduto delle sue malefiche virtù.

Insomma, inutile girarci intorno: la mancanza del voto di preferenza fa comodo a Berlusconi e ai leghisti, ma anche ai loro (ex) avversari i quali, per altro, durante l’ultimo governo Prodi potevano modificare la legge-porcata, ma non l’hanno fatto.

E anche oggi, di fronte a tanto disastro, gli esponenti del centro-sinistra si guardano bene dal chiedere la re-introduzione di almeno una preferenza.

Soltanto l’Udc- bisogna dargliene atto- si è battuta per le preferenze, anche se, alla fine, ha votato la legge – vergogna.

Sappiamo che la preferenza comporta qualche problema, soprattutto quello della compravendita dei voti, superabile con una sola preferenza numerica (non nominativa) e, ancor di più, con l’introduzione del voto elettronico, come si fa in Usa, in Brasile e in tanti Paesi anche in via di sviluppo.

Ridateci il voto di preferenza, per favore!

Che Berlusconi non voglia le preferenze si può capire poiché senza il potere di nomina (dei parlamentari) il suo trono vacillerebbe. Invece, nessuno capisce la ritrosia del Partito Democratico che sembra condividere con il Pdl l’avversione per il voto di preferenza.

E nemmeno convincono “le fughe” di taluni esponenti del PD i quali, pur di non re-introdurre il voto di preferenza, vorrebbero importare modelli elettorale da altri paesi (da Francia, Germania, Spagna, ecc).

Ovviamente, su tale questione l’opinione pubblica desidera conoscere la posizione, pubblica e chiaramente motivata, di SEL, della Lega Nord e del Movimento di Grillo.

In assenza di una motivazione convincente, si accrediterebbe l’idea, già abbastanza diffusa, che non si voglia dare agli elettori il diritto di scegliere il parlamentare perché - si teme- provocherebbe una “rivoluzione copernicana” nel sistema politico italiano: il sole non sarebbe più il capo-partito che nomina, ma l’elettore che sceglie, col voto, anche il capo partito.

Infine, notiamo che la nomina, oltre a delegittimare i deputati e il ruolo del Parlamento, provoca un’incomprensibile disparità fra i diversi livelli della rappresentanza democratica: i deputati europei, i consiglieri regionali, provinciali e comunali sono eletti col voto di preferenza, solo quelli di Camera e Senato sono nominati dall’alto.

Una condizione anomala che non sta né in cielo né in terra, ma solo nelle teste dei capi partito ossia di privati cittadini (perché tali sono secondo la Costituzione) i quali esercitano un diritto espropriato agli elettori. E così non si continuare!

Agostino Spataro

24 maggio 2013




Venerdì 24 Maggio,2013 Ore: 17:13
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
domenico stimolo catania 26/5/2013 23.07
Titolo:
Per oltre 45 anni la democrazia in Italia sull’uso del voto è stata elementare, per come si addice alla democrazia. Voto con il proporzionale e con preferenza, per tutti i livelli nella gerarchia competitiva (specificità dell’ambito territoriale). Semplice e trasparente.
Poi, sono arrivate le “menti fini”. I contorsionisti dell’equilibrismo….ad uso e consumo. Risultato: ormai tutte le tecniche operative del voto sono differenziate, tra di loro. Circoscrizionali, comunali, provinciali, regionali, camera, senato, europee.
Preferenza sì, e poi no. Maggioranze nazionali, camera, che esistono solo in virtù di enormi regali, frutto della più bizzarra ed infausta fantasia. Al senato, vale la regione.
Per chi si allea vale una soglia, per gli altri, singoli, il metro si espande a dismisura.
In alcuni ambiti solo il primo turno, per altri, più che la singola tornata vale la doppia.
In più c’è la bellezza del voto unico o del voto disgiunto. Si veda le comunali. La scelta del sindaco si accavalla e si separa rispetto ai partiti.
La nostra democrazia di voto è diventata un vero e proprio casino…..secondi i gusti di questi o di quelli.
Poi, come nel caso di Roma, dato che ormai tutti…. gli amici degli amici, diretti ed indiretti, presentano lista, giusto per allegro gioco, la scheda si allunga…..arriva a un metro e quaranta. La cabina, però, è sempre la stessa, e non permette la stiratura completa.
I cittadini sono diventate cavie degli esperimenti di laboratorio degli “scienziati pazzi”. Si incazzano e non vanno più a votare.
I Padri costituenti si rivoltano nelle tombe, ma non frega proprio a nessuno…..dei “soloni” manovratori.
E poi, tutti i ciarlanti di turno, che con il loro continuo chiacchiericcio si mantengono lauto soldo, dicono che la nostra democrazia è in crisi.

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Politica

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info