- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (387) - Visite oggi : (2)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Islam e libertà religiosa,di Giovanni Sarubbi

Editoriale
Islam e libertà religiosa

di Giovanni Sarubbi

 Islamofobia e antisemitismo
Giovanni SarubbiLa libertà religiosa per i musulmani residenti in Italia, immigrati o cittadini italiani che siano, semplicemente non esiste. E se non esiste per loro, significa che la libertà religiosa non esiste per nessuno, sebbene essa sia sancita come diritto inalienabile nella nostra Carta Costituzionale. Ne sono testimonianza i tanti referendum, assolutamente illegittimi, che si tengono in tutte le città, soprattutto al centro nord, dove si vorrebbe erigere una moschea. O le oramai numerose leggi regionali, quella lombarda già operante e quelle Veneta e Ligure in via di approvazione, finalizzate ad impedire, attraverso mille cavilli giuridici, la possibilità di costruire moschee. O cose ancora peggiori come le aggressioni a singoli musulmani, soprattutto donne, o danneggiamenti o veri e propri attentati nei confronti dei luoghi di culto islamici. Oppure la chiusura sistematica di luoghi di culto islamico, che raccolgono soprattutto immigrati, come sta accadendo dal mese di giugno 2016 a Roma, dove ne sono stati chiusi ben 5 e sono state emesse altre tre ordinanze nei confronti di altrettante strutture di culto presenti a Roma da circa 20 anni, come la storica moschea al-Huda di Centocelle.
Nei confronti dei musulmani italiani è in atto, oramai da oltre un quindicennio, una vera e propria persecuzione che ricorda ciò che è successo, nel nostro paese ed in Europa, durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale contro gli ebrei. L’islamofobia, che attualmente stanno vivendo i musulmani, si configura sempre più come una variante dell’antisemitismo. Stessi i metodi, stessi i contenuti di ciò che viene diffuso contro i musulmani descritti come violenti e assassini,stesse le forze politiche che hanno fatto dell’islamofobia la loro caratteristica di fondo. Secondo l’Eurispes, nel suo rapporto reso noto agli inizi del 2016, «ben il 39,8% degli italiani si trova a guardare con sospetto le persone dai tratti medio-orientali». Al momento di scrivere queste note, questa percentuale ha superato il 50%. Siamo il paese più razzista d’Europa.
I numeri
La comunità musulmana in Italia, secondo gli ultimi dati disponibili, costituisce sicuramente la seconda religione del nostro paese. Essa è composta da circa un milione e seicentomila immigrati e da circa 245mila cittadini italiani passati, secondo Eurispes, dai «10.000 cittadini del 2001 (appena lo 0,9%) ai 40.000 del 2008 (3,4%) fino alle 245.000 unità dell’anno scorso (15%)»[1]. E si tratta di cifre destinate a crescere sia per l’arrivo di nuovi migranti, sia per il fenomeno delle conversioni di cittadini italiani che, secondo i responsabili di molte organizzazioni islamiche, è in aumento ma di cui non c’è al momento una stima attendibile. Il numero così rilevante dei musulmani cittadini italiani è attribuito però, dai centri di ricerca, al fenomeno della naturalizzazione dei migranti e non alle conversioni. In ogni caso ci sono circa due milioni di persone musulmane senza diritti religiosi in spregio della nostra Costituzione.
Islam plurale
E si tratta di un Islam che nella sua composizione è plurale, sia per le molte correnti di pensiero che lo attraversano fin dalla sua nascita (sunniti, sciiti, kharigiti nate subito dopo la morte del Profeta Muhammad), sia per quelle che poi sono nate nel corso dei 1438 anni di storia dell’Islam(malikiti, shafi’iti, hambaliti, hanafiti e tanti altri), sia soprattutto per le tante nazionalità diverse che compongono il variegato mondo degli immigrati giunti nel nostro paese, ognuna con un proprio modo di intendere l’Islam nella propria vita quotidiana. È un fenomeno tipico di tutte le grandi religioni che, espandendosi su scala mondiale, si sono incarnate nelle specifiche culture di ogni paese. Non si può trattare allo stesso modo un musulmano della penisola arabica, dove l’Islam è nato, con un musulmano pachistano, o indiano, o turco, o libico o marocchino. Come succede anche per i cristiani.
E già da qualche anno, assistiamo nel nostro paese al fenomeno dei luoghi di culto organizzati su base etnica. Stesso fenomeno esiste per i cristiani. Affianco alle prime moschee che raccoglievano musulmani di varie provenienze etniche, negli ultimi anni si sono organizzate, per lo più spontaneamente e senza alcun coordinamento, luoghi di culto di singole etnie o nazionalità. Pachistani, bengalesi, senegalesi, nigeriani, marocchini... ritrovandosi casualmente in una determinata città si sono uniti incontrandosi in scantinati o garage trasformati in luoghi di culto, senza andare a cercare le moschee già esistenti. E spesso queste ultime hanno grandi difficoltà ad entrare in contatto con queste comunità, chiuse al proprio interno e con grandi difficoltà a relazionarsi con la realtà del nostro paese. Succede a Roma, a Napoli, e in tutte le grandi città. Le stesse organizzazioni storiche dell’Islam in Italia, come l’UCOII o quelle che fanno capo alla Grande Moschea di Roma, hanno difficoltà ad entrare in rapporti con tale realtà che è oggi più complessa e articolata di quella descritta dal CESNUR[2].
La legge sulla libertà religiosa e l’intesa
A distanza di 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione vige ancora la legge fascista dei culti ammessi e vige ancora, nella pratica corrente, l’idea che la religione cattolica sia tuttora “Religione di Stato”, come era sotto il fascismo. Nella vita quotidiana del ministero dell’Interno, che si occupa dell’applicazione della legge sui culti ammessi, tutte le religioni diverse da quella cattolica sono guardate con sospetto, anche se esse hanno da tempo l’Intesa con lo Stato secondo l’art. 8 della Costituzione[3]. Eppure la stessa religione cattolica è oggi, di fatto, una minoranza della popolazione. Pur dichiarandosi cattolici, secondo Eurispes, il 71,1% della popolazione, percentuale questa già molto bassa rispetto a quella di una decina di anni fa, il numero dei praticanti e di quelli che rispettano integralmente tutti i precetti cattolici sono solo il 5,3%.
A causa dell’islamofobia crescente, il percorso per la stipula di un’intesa fra l’Islam in Italia e lo Stato Italiano, sul tipo di quello realizzato per una molteplicità di religioni, non solo cristiane, non è neppure cominciato, pur essendoci proposte in tal senso fin dal 1990 formulate all’epoca dall’UCOII. Ostacoli su ostacoli vengono frapposti a che l’intesa si realizzi. Si va dal fatto che l’Islam non è univocamente rappresentato, cosa che non ha pesato in alcun modo, ad esempio, per le confessioni cristiane ognuna delle quali, con l’eccezione dei Testimoni di Geova, ha l’intesa con lo Stato ratificata e operante; ai sermoni che devono essere in italiano e non in arabo e via cavillando.
L’11 luglio 2016 c’è stata una riunione del Consiglio per i rapporti con l'Islam Italiano presso il Ministero dell’Interno dove è stata presentata un documento redatto da un gruppo di esperti, presieduto dal Valdese Paolo Naso, dove si traccia un percorso che, secondo le intenzioni dei proponenti, dovrebbe portare alla realizzazione dell’Intesa o quanto meno creare i presupposti affinché essa si realizzi[4]. Questa proposta è in itinere e al momento non sappiamo come andrà a finire. Tutti i percorsi hanno i loro pro e i loro contro. Viviamo una fase nella quale la stessa possibilità che si raggiunga un’intesa, qualunque essa sia, con l’Islam è vista come il fumo negli occhi dalle forze politiche di destra, Lega Nord in testa. Un’intesa sarebbe dunque estremamente necessaria anche se non risolutiva perché poi bisogna affrontare la lunga battaglia per la sua approvazione parlamentare che, come sanno bene i Testimoni di Geova che hanno un’intesa firmata fin dal 1999, potrebbe essere rimandata sine die, soprattutto se al governo dovessero andare le forze apertamente islamofobe.
Una via per l’intesa
Dopo la riunione del Consiglio per i rapporti con l’Islam dell’11 luglio ed il documento reso noto in quella sede, è stata lanciata la proposta di realizzare, per via telematica, una “Costituente islamica d’Italia” con l’ambizione di coinvolgere la maggioranza dei musulmani che vivono in Italia. La proposta è stata lanciata da Hamza Piccardo, già fondatore dell’UCOII e autore della traduzione in italiano del Corano più diffusa in Italia. L’idea è quella di dare una base democratica ad un comitato eletto democraticamente con lo scopo di realizzare l’intesa con lo Stato, che superi le contrapposizioni oggi esistenti fra le varie componenti della comunità islamica italiana. Difficile dire, al momento, se questa ulteriore proposta possa trovare spazio e agibilità politica all’interno della comunità musulmana. Ciò che ostacola l’intesa sono anche, e di questo non si discute mai apertamente e francamente, le molte questioni pratiche e materiali che stanno dietro l’intesa, a cominciare dalla questione dell’8 per mille.
La destra: l’islam è una minaccia e i migranti un pericolo
Ma perché siamo arrivati a questo punto nerissimo della nostra storia? C’è chi agita quotidianamente lo spauracchio della “invasione religiosa islamica”. Alcuni numeri smentiscono categoricamente questa presunta invasione. Secondo il Dossier Statistico Immigrazione curato dal Centro Studi e Ricerche Idos/Immigrazione[5], tra gli oltre 5 milioni di immigrati stanziati in Italia, oltre la metà (53,8%) sono cristiani (circa 2.700.000 persone) e solo il 32,2% è musulmano (circa 1.600.000 persone) . Rispetto al 2013, i cristiani sono 6 punti decimali in più, mentre i musulmani sono 9 punti decimali in meno e i fedeli di religioni orientali 6,7% sono 3 punti decimali in più. È chiaramente inventata la paventata ‘invasione religiosa’ islamica.
L’islamofobia è dunque creata ad arte. Bugie su bugie vengono diffuse dai grandi mass-media che diffondono i proclami apertamente razzisti dei partiti della destra che sono fatti passare come “legittime opinioni politiche”. Ma il razzismo non è una legittima opinione politica, come non lo è il fascismo.
 Queste posizioni hanno una lunga storia alle spalle. Risalgono al 1993 quando Samuel P. Huntington[6]
inventò la dottrina dello “scontro di civiltà” per dare supporto ideologico all’espansionismo Statunitense che si era manifestato immediatamente dopo la caduta del Muro di Berlino ed il crollo dell’URSS (1989-1990) e del campo cosiddetto socialista dei paesi dell’est. Crollo che aveva portato quasi immediatamente alla prima Guerra del Golfo contro l’Iraq, che gli USA guidarono come unica potenza egemone sul piano mondiale. La dottrina di Huntington, sullo scontro di civiltà intese come religioni, è quella che ha dato il via alla campagna mediatica su scala mondiale contro l’islam che, da allora, fu individuato come il nemico da battere per mantenere la superiorità occidentale. Caduta l’URSS, i politologi statunitensi come Huntington inventarono il nuovo nemico contro cui dirigere le forze armate americane. Huntington sostenne l’idea che la divisione del mondo in Stati sia riduttiva, e che questo vada invece suddiviso a seconda delle civiltà enumerandone nove: Occidentale, Latinoamericana, Africana, Islamica, Sinica, Indù, Ortodossa, Buddista e Giapponese. È stato Huntington ad affermare che «Le frontiere dell'Islam grondano sangue», sostenendo che le guerre non si sarebbero combattute per motivi economici o ideologici ma saranno legate alla cultura.
Huntington reinventò, ad uso e consumo dell’imperialismo statunitense, la dottrina delle “guerre di religione”. Gli attentati dell’11 settembre del 2001, che diedero inizio a quella che poi Papa Francesco ha chiamato “terza guerra mondiale a pezzi”, sono stati letti nell’ottica di Huntington della “guerra di religione”, pur essendo la sua dottrina del tutto confutabile sul piano scientifico e storico.
Il dialogo antitodo alla guerra
«Ma quei giorni – scrive il comunicato stampa del 12 settembre 2016 del Comitato organizzatore della Giornata del dialogo cristiano-islamico giunta alla sua XV edizione riferendosi al dopo 11 settembre - furono usati anche per rilanciare il dialogo tra le religioni e l’impegno per la pace. Mentre veniva dispiegata la più grande macchina da guerra che la storia abbia mai registrato, compresi potenti media che hanno soffiato sul fuoco dell’odio e hanno diffuso l’idea della “guerra di religione”, dal basso, uomini e donne di pace, teologi, giornalisti, studiosi, associazioni, lanciarono con un appello l’idea di una Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico che, da allora, è diventata un appuntamento fisso della nostra vita sociale, coinvolgendo singoli, comunità religiose, e istituzioni a tutti i livelli, dai comuni alla Presidenza della Repubblica».
Il dialogo, la libertà religiosa, e la pace sono l’unica possibilità che la nostra specie ha per sopravvivere nei secoli a venire.
BIBLIOGRAFIA
Fra gli ultimi libri editi in Italia segnaliamo particolarmente i seguenti testi:
L’Islam è una minaccia” - Falso, di Franco Cardini, Editori Laterza 2016
L’islam in 20 parole, di Lorenzo Declich, Editori Laterza 2016
 

NOTE
1Vedi i seguenti link:
http://eurispes.eu/content/rapporto-italia-2016-la-sindrome-del-palio
http://www.dossierimmigrazione.it/docnews/file/Scheda%20Dossier%202015%20in%20italiano.pdf
http://riforma.it/it/articolo/2016/02/01/litalia-e-le-religioni-nel-2016
http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/502296/Migranti-e-religioni-in-Italia-2-6-milioni-di-cristiani-e-1-6-milioni-di-musulmani
http://www.infodata.ilsole24ore.com/2015/11/18/lislam-cresce-piu-in-fretta-di-tutte-le-altre-religioni-in-crisi-i-non-credenti-2/?refresh_ce=1
2CESNUR – Centro Studi sulle nuove religioni http://www.cesnur.org/ - http://www.cesnur.com/lislam-e-i-movimenti-di-matrice-islamica-in-italia/
3Molti sono i fatti che potrebbero essere citati a sostegno di tale tesi che omettiamo per motivi di spazio.
4Ruolo pubblico, riconoscimento e formazione degli imam,A cura della Commissione del Ministero dell'Interno presieduta da Paolo Naso in http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/islam/commenti_1468394499.htm
5http://www.dossierimmigrazione.it/pagina.php?cid=5_18
6Vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Samuel_P._Huntington



Domenica 23 Ottobre,2016 Ore: 12:49
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Editoriali

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info