- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (2)
Visite totali: (943) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Il tempo della fine,di Giovanni Sarubbi

Editoriale
Il tempo della fine

di Giovanni Sarubbi

Viviamo il tempo della fine che è anche il tempo della verità. Viviamo il tempo della fine di un sistema sociale, che domina sul piano mondiale, che ha oramai raggiunto un livello di iniquità mai prima raggiunto. Gli imperi, storicamente, hanno fatto tutti una brutta fine.
Sono tempi, quelli attuali, paragonabili a quelli della fine dell'Impero Romano, con disfacimento di tutte le strutture sociali, morali, etiche di quella società. In più oggi stiamo vivendo il tempo della fine anche da un punto di vista ambientale, cosa mai verificatasi prima nella breve storia dell'umanità.
Si muore sempre più di cancro e nessuno si chiede, di fronte all'ennesimo amico, familiare o conoscente il perché. Chi vive nella Terra dei fuochi in provincia di Caserta, lo associa alle discariche dei rifiuti tossici presenti su quel territorio, così fa anche chi vive a Taranto, associando quelle morti all'ILVA, o a Casal Monferrato, patria dell'amianto, o in tutti quei luoghi dove vi sono stati disastri ambientali gravi. Per il resto si parla di sfortuna, di fatalità magnificando le doti del morto di turno come se questo servisse a riportarlo in vita o a punire i responsabili di quelli che in realtà sono dei veri e propri omicidi.
Omicidi perpetrati da chi, consapevolmente, fa eseguire attività inquinanti per ricavarne profitto. E le fa fare, di solito, alle persone più povere e ricattabili, agli ultimi operai delle fabbriche, che forse magari neppure si rendono conto di quello che fanno, e che mettono il cosidetto “lavoro” prima del rispetto della propria dignità di persona e del rispetto della vita dei propri familiari e di tutti gli altri abitanti di questo pianeta.
Ma il tempo della fine è anche il tempo della verità. E' il tempo durante il quale tutte le bugie giungono al pettine e si manifestano per quello che sono, bugie, falsità, imbroglio, truffe, ladrocini.
E una di queste bugie è arrivata a capolinea proprio in questi giorni e si chiama Renzi, primo ministro del governo Italiano.
Il “giovane” primo ministro Renzi parla contro i “poteri forti” che vorrebbero impedirgli di approvare il nuovo diritto del lavoro, che altro non è se non l'ennesimo attacco ai diritti di chi lavora a favore dei padroni dei mezzi di produzione, quelli che il buon vecchio Marx chiamava capitalisti. E Renzi parla contro i “poteri forti” seduto di fianco a Marchionne, amministratore delegato della FIAT che è la quintessenza dei poteri forti di questo paese. Di quella FIAT che, per dirla con le parole di un altro potere forte che risponde al nome di Diego Della Valle, ha “succhiato tutto il succhiabile da questo paese[1] per poi andarsene all'estero.
L'immagine di Renzi seduto di fianco a Marchionne che parla contro i “poteri forti”, che per loro sarebbero gli operai a cui vogliono togliere le briciole dei diritti che gli sono rimasti, credo sia la visione moderna di quel passo del libro dell'Apocalisse (Ap 17,4-5) dove viene descritta una donna “vestita di porpora e di scarlatto, adorna d'oro, di pietre preziose e di perle” che “ teneva in mano una coppa d'oro, colma degli orrori e delle immondezze della sua prostituzione” e che sulla sua fronte aveva scritto un nome misterioso: "Babilonia la grande, la madre delle prostitute e degli orrori della terra". La bugia non è stata mai più manifesta di quell'immagine ma, siamo convinti, che la maggioranza di questo paese non l'ha ancora compresa.
E questo perché i poteri forti, come ci ricorda sempre l'Apocalisse, sono abituati da millenni a mostrarsi deboli, addirittura vittime di quelli che loro ammazzano e schiavizzano. E lo fanno per continuare ad ingannare, rapinare, schiavizzare e uccidere. Come sta facendo in questo tempo della fine la superpotenza USA, che schiavizza mezzo mondo ma che si dichiara vittima di un terrorismo che essa stessa genera e alimenta per giustificare il proprio delirio di potenza. Invertono il senso delle parole, pace diventa guerra, debolezza diventa forza, viltà diventa coraggio.
Ma viene il tempo, ed è quello della fine che stiamo vivendo, nel quale la verità non può essere più nascosta e tutte le cose risultano chiare e nessuno potrà più dire io non ho capito, io non c'ero, io non so di che cosa tu parli.
Hanno chiamato questo nuovo diritto del lavoro Jobs Act, giusto per confondere le idee con un termine inglese, come se un termine inglese potesse servire a coprire ciò che nuovo non è perché si tratta di idee e norme risalenti al primo capitalismo, quello del 1800, quando i lavoratori non avevano alcun diritto e già era molto se riuscivano a sopravvivere. Se ne sono accorti l'economista Piketty (Leggi qui), lo stesso Krugman (leggi qui e qui) che comunisti non sono.
Cosa volete di più dai lavoratori? Ritenete che questi potranno ancora a lungo rimanere schiavi di un sistema che li uccide sul lavoro, che li costringe alla disoccupazione, a fare a meno delle medicine per curarsi, al cibo per vivere, al diritto all'istruzione, ad una casa e ad una vita degna di essere vissuta? Ritenete che l'accumulazione di immense ricchezze nelle mani di pochi individui a livello nazionale e mondiale possa darvi l'immortalità?
Il tempo della fine è un tempo con il quale ogni essere vivente deve fare i conti sul piano personale. E questo tempo verrà anche per gli oppressori di turno, per i re come per l'ultimo mendicante. E allora le ricchezze immense accumulate andranno al vento e produrranno solo morte su morte ed il nome di chi le ha possedute verrà maledetto in eterno. Di questo potete essere certi.
Giovanni Sarubbi
NOTE
[1]Trasmissione su La7 del 26 settembre 2014 ore 20.30



Domenica 28 Settembre,2014 Ore: 14:38
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
martino pirone arcisate 28/9/2014 16.52
Titolo:
Una valutazione allucinante, ma vera e indiscutibile, per descrivere il tempo in cui viviamo. Il clou di questa analisi sta nell'ultimo periodo e un esempio pratico ce lo ha fornito recentemente il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che alla sua giovane età di 89 anni e nonostante percepisca un altissimo appannaggio, oltre ad innumerevoli privilegi, non ha disdegnato di incamerare un rimborso spese di 900 € per un viaggio a Bruxelles, quando il costo era di 90 €. E non ha voluto rispondere al giornalista che gli ha contestato il fatto.
Difficilmente ci salveremo. 
Autore Città Giorno Ora
giulia guzzo San Giovanni in Fiore (CS) 01/10/2014 13.07
Titolo:ricercare la verità
Condivido e apprezzo le parole del Direttore Giovanni Sarubbi. E' tempo di verità perchè la menzogna e l'inganno ci hanno portato a gravi conseguenze siano sul piano politico che morale, E' ora che i politici di turno  mettino via la maschera che per troppo tempo ha coperto i loro volti,vengano allo scoperto ad ammettere le proprie responsabilità difronte alla classe operaia ingannata e derisa,difronte ai disoccupati,agli immigrati e a tutti quelli che non hanno il diritto alla parola,il diritto alla casa,all'assistenza e quantaltro. L'azione sociale e politica continua ad essere cieca,vuota,ingiusta.Troppe sono le ricadute sulla spesa pubblica e le spese sociali. La sicurezza individuale e collettiva sono a rischio.Ognuno di noi deve scegliere se stare dalla parte dei deboli oppure dalla parte degli ingiusti.

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (2) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Editoriali

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info