- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (170) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Di questo i giornali non parlano,di Hamza Roberto Piccardo

Di questo i giornali non parlano

di Hamza Roberto Piccardo

Lui è Samba. Nasce a Niagane, in Senegal. Ha 23 anni. Lascia la famiglia e sbarca in Italia. Si stabilisce a Milano. Cerca lavoro, qualsiasi cosa. Non ha paura di faticare. Vorrebbe un impiego stabile e sicuro, ma non è facile. Passa da un’occupazione all’altra. Fa il metalmeccanico, il muratore. Trova un posto in un centro commerciale come addetto alla sicurezza.Gli piace, ma anche quello si rivela temporaneo. Continua a cercare. I soldi gli servono per la famiglia. Vuole portare in Italia la moglie e i cinque figli. Tiene duro e va avanti. A Milano ci sta bene, si sente sicuro. Trova una casa in zona Certosa. È il 17 settembre del 2019. Ha 52 anni. Samba sta andando al mercato in via Benedetto Marcello. Vuole comprare dei vestiti. Qualcosa di bello, ma a poco prezzo. Un regalo da spedire ai figli in Senegal. Esce dalla metro di Stazione Centrale. In piazza c’è casino. Un uomo impugna delle forbici. Urla. Si scaglia contro un militare che sta salendo su di un mezzo. Lo colpisce al collo e alla spalla. Il soldato cade a terra. I due compagni lo soccorrono. Intervengono i carabinieri. L’uomo stringe le forbici. Le agitata in aria. È difficile avvicinarsi. Samba resta fermo. Pensa a cosa fare. L’uomo è pericoloso, potrebbe ferire lui o qualcun altro. Sa che non gli si può mica sparare. Deve inventarsi qualcosa. Si avvicina a un carabiniere. Gli dice dammi un attimo il manganello ci penso io, lo stendo con un colpo. Il militare lo osserva stupito, gli chiede se sta scherzando. Samba si guarda attorno, con la coda dell’occhio vede una catena legata a un palo, era di una bicicletta che hanno rubato. La prende. Va verso l’uomo che brandisce le forbici. Gli sferra un unico colpo, netto. Alla spalla. L’uomo è tramortito. Cade a terra. Molla le forbici. Samba le allontana con un calcio. I Carabinieri gli saltano addosso, lo immobilizzano e lo arrestano. Samba Diagne si allontana. Ha fatto la sua parte. Gli agenti lo invitano a seguirli in centrale per deporre. L’uomo che ha fatto arrestare è accusato di terrorismo. In queste ultime ore alcune aziende si sono fatte vive per offrirgli un lavoro.
Di questo però i giornali non parlano...



Sabato 21 Settembre,2019 Ore: 08:43
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Editoriali

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info