- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (307) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Un meraviglioso futuro,di Mario Mariotti

Editoriale
Un meraviglioso futuro

di Mario Mariotti

Ha una bella fortuna, il PD, ad avere un leader come Renzi! Tante belle parole, tanti slogan, tante immagini, visioni, proclami, desideri, sogni più o meno americani...
"Se la Sinistra non cambia, diventa destra!" Perfetto: "Se A non diventa B, diventa B!" Siamo nelle più perfette formule democristiane, che sono di portata storica: le convergenze parallele, il correre stando fermi, l'avanzare indietreggiando, il progredire regredendo, e via dì seguito. C'é solo un dettaglio trascurabile ad annebbiare il consenso al sindaco di Firenze, che ha fatto carriera promettendo di abbassare le tasse ai Fiorentini come la ''dentiera ventilata di Arcore" aveva promesso a tutti gli Italiani.
Il dettaglio é che qualcuno ha litigato con Aristotele e col principio di identità. Se A non cambia, rimane A; e se cambia diventa B. Se la Sinistra non cambia, questo dice la logica, rimane Sinistra; e se cambia, diventa Destra, non certo se non cambia! Ed è qui che il futuro premier del PD dimostra la lucidità politica di un alcolista anonimo in recidiva, con complicazioni all'apparato circolatorio nella parte alta del corpo, altrimenti detta colombaio. Il Partito Democratico é già cambiato, e dal gran che é cambiato, per ritrovare in lui qualcosa di Sinistra, bisogna tagliare in mezzo il bosone di Higgs!
Una volta la Sinistra si rifaceva a Marx, e il Partito Comunista Italiano riusciva a creare dei grossi problemi al capitalismo, di cui la Democrazia, dalla fantomatica e virtuale ispirazione cristiana, era la naturale paladina. (Nessuno ha mai capito perché il Signore dovesse essere stato venduto ai ricchi, ai potenti, a mammona..)
In quell'era geologica del precedente millennio, qualcuno si ricordava che le fondamenta della Sinistra erano l'anticapitalismo e la critica alla religione che lo benedice. C'era anche qualche neuroleso visionario che lavorava e vigilava sull'internazionalismo proletario, obiettivo importantissimo, dato che l'internazionalismo capitalista era già vecchio e collaudato prima che gli Egizi facessero le piramidi, e se esso internazionalismo non veniva posto in essere, i poveri di tutto il mondo restavano divisi, e i padroni delocalizzavano le loro Multinazionali dove li potevano sfruttare fino all'osso,(senza però lasciarli crepare, perché dopo non avrebbero avuto futuro loro stessi in quanto padroni).
Adesso la Sinistra, avendo dimenticato le proprie radici, avendo perso il riferimento degli ultimi, delle vittime del capitalismo, perché le proprie lotte l'hanno portata ad essere ceto medio, é diventata essa stessa analoga alla Democrazia Cristiana di buona memoria; mentre quest'ultima, senza più una Sinistra a farle da contrappeso, é andata talmente a Destra, vedi PdL, da uscirne, per approdare nella congrega degli imbonitori, dei piazzisti, degli affaristi, dei corruttori, degli evasori e dei puttaruieri. Ecco, allora, lo sviluppo futuro di un PD guidato da Renzi: l'aggiunta della lettera C alla P ed alla D, in modo che emerga con chiarezza che l'ex PCI é diventato il nuovo Partito Democratico Cristiano; che la A ha già fatto il passaggio alla B, che esso é già cambiato cambiando, e non certo rifiutando di farlo. (veramente il titolo PDC potrebbe anche prestarsi ad una lettura diversa: Partito dell'organo maschile, ma questo bisogna solo pensarlo, e non dirlo).
L’ossequio per S.R.Chiesa, la reverenza per il Vaticano, che é uscito da Porta Pia ed ha trasformato il nostro Paese in un novello Stato Pontifìcio, consigliano moderazione, e il PD, che secondo Renzi deve andare a pescare voti nella Destra, deve moderare i toni e non spaventare quel 10% di famiglie che possiede il 50% della ricchezza nazionale.
Che bella questa evoluzione politica di quelli che, solo perché è caduto il Muro di Berlino, ne hanno approfittato per seppellire con lui il progetto di una libertà connessa alla giustizia, alla fratellanza, all'egualitarismo dei cittadini fra loro! Ci sarà qualcuno, fra tutti coloro che si nutrono di immagini e di slogans, che si renda conto che il far politica di destra per recuperare i voti della Destra significa essersi trasformati in Destra?
Caro Matteo, apri i fanali: la Sinistra é già cambiata, e proprio perché é cambiata non é più tale. La Destra l'ha già accolta dentro di sé, e a braccia aperte, anche se fa finta di contrastarla. Una volta che Sinistra e Sindacato hanno accettato il capitalismo, il mercato e la competizione, la prima é diventata Destra, e il Sindacato é diventato corporazione, a difendere gli occupati e a spedire i disoccupati alla Caritas. Per quanto mi riguarda, io, che sono vecchio e che ho assistito a questa tristissima involuzione della cultura e della politica italiana, sono tentato di vendere il televisore, perché si é trasformato in un orifizio di scolo di tutte le porcate e bestemmie della Verità che, da 50 anni stanno contaminando il profondo del nostro spirito, compreso quello delle nuove generazioni, che vengono incancherate dal mito del "beati i ricchi", e dagli esempi blasfemi di etica calpestata che la quasi totalità della classe politica sta producendo.
Continuo a credere nel comunismo, che oggi chiamo economia di comunione, semplicemente perché é giusto e perché lo pratico. Io non ho avuto il problema della rifondazione, perché l'economia di comunione la fondo su Nostro Signore, sulla Verità, di cui l'ignaro teologo dell'Incarnazione, Carlo Marx, é stata solo una tarda eco sbiadita...
Quando ci decideremo ad incarnare amore e condivisione, le differenze ricchi-poveri si estingueranno e il mondo diventerà accogliente per tutti i viventi. Finché continueremo a perseguire il "beati i ricchi", saremo artefici, e al tempo stesso vittime, dell'inferno scelto e praticato da noi stessi.
Continuiamo, allora, a sceg1iere dei leader che incrociano i guantoni con Aristotele: possiamo stare tranquilli: la A, restando A, si troverà ad essere B, e le teste di C assisteranno beate al rincoglionimento "dello universo mondo"; lo stesso mondo continuerà ad essere un inferno, per lo sterminato popolo degli esclusi della Terra!
Mario Mariotti



Sabato 16 Novembre,2013 Ore: 14:43
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Editoriali

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info