- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (522) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org VIVA IL POTERE, ABBASSO I POVERI,  di Mario Pancera

Kakania non finisce mai / 2  
VIVA IL POTERE, ABBASSO I POVERI

  di Mario Pancera

Non conta più l’uomo, ma i soldi. Abbiamo davanti agli occhi una spelonca di ladri di fiducia e di speranza


Un giorno del 1971, dom Giovanni Franzoni, allora giovane abate benedettino della basilica romana di San Paolo fuori le Mura (per intenderci, quella dove Giovanni XXIII aveva annunciato il Concilio), diceva: «La missione della Chiesa non è solo quella di portare il messaggio di Cristo e la sua grazia agli uomini, ma anche quella di animare e perfezionare l’ordine temporale con lo spirito evangelico».

Ripeto: «Perfezionare l’ordine temporale con lo spirito evangelico». E poi spiegava quello che stava facendo la sua comunità: «…abbiamo assunto iniziative che possono avere un’incidenza anche politica in senso lato: lotta contro gli armamenti, contro ogni forma di oppressione, di violenza, di discriminazione, iniziative concrete per i malati mentali, solidarietà con i terremotati, con gli operai in sciopero per la difesa del loro posto di lavoro; ci siamo schierati dalla parte dei poveri, degli sfruttati, degli emarginati dalla società e abbiamo fatte nostre le loro rivendicazioni».

Oggi siamo allo stesso punto: «Abbiamo fatte nostre le loro rivendicazioni». Chi? I potenti, i parlamentari cattolici, gli imprenditori, le bande di ladri e truffatori indagati e anche già condannati a pene detentive che tuttavia siedono alla Camera e al Senato o in enti pubblici e scrivono e approvano o disapprovano le leggi per tutti gli altri cittadini? I ladri di fiducia e di speranze che, ai danni degli italiani, hanno scritto e fruiscono di una legge che essi stessi chiamano comunemente «porcata»? Quanti di costoro fa proprie le rivendicazioni dei poveri, dei malati, degli sfruttati, dei disoccupati, degli emarginati? Siamo come quarant’anni fa.

Vent’anni prima, confrontandosi con un frate predicatore famoso che riempiva le piazze a favore della Democrazia cristiana, don Zeno di Nomadelfia gridava: «Perché dici che i ricchi devono dare? Sta’ a sentire: perché non insegni alla gente che deve prendere?». Anche questo grande difensore dei poveri venne richiamato; come si permetteva di difendere i poveri? In un documento dell’arcivescovo Schuster, fu addirittura accusato di eresia e di «occulto misticismo comunista». Tornò volutamente allo stato laicale. Vi rimase otto anni, prima di poter riprendere la sua pienezza sacerdotale. Ma il potere aveva vinto.

Perfino lo Ior, l’Istituto per le opere di religione, che dom Franzoni criticava duramente, è tornato alla ribalta oggi con nuovi scandali. L’abate benedettino fu rapidamente sollevato dal suo incarico (aveva l’autorità di vescovo e, come tale, doveva rispondere soltanto al papa, allora Paolo VI): fu sospeso a divinis, poi allontanato del tutto. Fine della sua parabola monastica. Cosa aggiungere? Nulla: ha vinto il denaro, hanno vinto i ricchi e il potere. I poveri, i malati, gli emarginati restano gli oppressi, i dominati. Se almeno rappresentassero in qualche modo la borghesia, farebbero come i francesi nel 1789, invece sono soltanto miserabili. Non conoscono nemmeno la data. Possono soltanto diventare schiavi. Non hanno voce in capitolo, quando parlano infastidiscono. La Storia ricorda che per metterli a tacere del tutto nel secolo scorso Hitler inventò le camere a gas.

Mario Pancera




Mercoledì 12 Dicembre,2012 Ore: 15:17
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
Augusto Salvioli Reggio Emilia 20/12/2012 13.27
Titolo:
é vero quello che è scritto e non ci fa certo onore. Però eravamo stati avvisati. Nel Vangelo non a caso c'è scritto "i poveri li avrete sempre" perchè Gesù conosceva la natura dell'uomo. Quindi con la politica non si risolverà mai il problema della giustizia e non si risolverà mai il problema della disuguaglianza fra uomini. Questo non ci esime dal tentarlo sempre seguendo le indicazioni evangeliche della ricerca di pace, e quindi sapendo che non si otterranno mai rei risultati definitivi ma solo dei miglioramenti. Penso che sapendo questo uno più difficilmente si lascia prendere da scoramento e quindi lascia perdere tutto o da senso di impotenza che potrebbe sfociare anche in attività violente

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Editoriali

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info