- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (300) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Non guardateci straniti,di Virginia Mariani

Non guardateci straniti

di Virginia Mariani

Una nuova esperienza di vita da condividere


Da qualche tempo ho capito qualcosa in più di me stessa: se non ne faccio esperienza diretta, non comprendo situazioni e sentimenti. È una grave mancanza e più passa il tempo e più mi rendo conto che ho vissuto gran parte della mia esistenza a metà perché senza una vera e profonda empatia verso il prossimo.

Ebbene due mesi fa, il primo aprile, sono diventata mamma del non tanto piccolo Lucio che per nove mesi è stato il destinatario dei miei pensieri scritti in rima (libricino allegato) e che ora è la presenza totalizzante delle mie giornate. Il suo arrivo ha cambiato tutto, o quasi, e se prima viveva in me ora sono io che vivo in lui e per lui. Fin da quando ho pensato di conservare il suo cordone ombelicale: mesi e mesi di ricerche, di contatti mail, di colloqui con specialisti, di conti con le proprie sostanze economiche… per poi decidere che forse è meglio donarlo, poiché la conservazione forse è più un business che altro. E quindi altri mesi per capire come fare fino al giorno in cui raggiungo l’ospedale per avviare la pratica e rendermi conto che neanche donare è facile: pagine e pagine da compilare, con malattie mai sentite anche dei parenti prossimi da denunciare, con l’impegno di sottoporsi a controlli e analisi prima e dopo il parto… me ne ritorno a casa piangendo (ma non basta un sì o un no?) perché il cordone andrà buttato. Probabilmente sarebbe andata comunque così dato il lunghissimo travaglio vissuto con accanto mio marito, ma fatto è che mi sono sentita impotente nel gestire la mia stessa volontà.

Già, la mia volontà era pure quella di dare alla luce il mio bambino con parto indolore: tante ricerche pure su questo per valutare pro e contro, ma per seguire e possibilmente essere seguita dal mio ginecologo ho dovuto partorire in una struttura che non effettua questa provvidenziale pratica. Ne chiedo le ragioni e la risposta è che si risparmia sugli anestesisti investendo quel denaro in altro. La struttura è privata a partecipazione pubblica e è un ente ecclesiastico: come non pensare che la donna non possa partorire senza dolore per non contravvenire al dettato veterotestamentario?

“Forse…”, “non…”: è una serie di dubbi e di negazioni che mettono in questione l’essere e negano all’assere di sussistere. Ma quasi quasi fanno bene quelle persone che rinunciano a pensare e a mettere in discussione il sistema per lasciarsi vivere e lasciare fatalisticamente che tutto vada come deve!

Eppure non desisto e proprio perché questa nuova esperienza mi ha resa più vera e consapevole continuerò, nel mio piccolo e per il mio piccolo, a essere quel ‘tafano’ di socratica memoria nel porre agli altri, e prima ancora a me stessa, domande su ciò che ci circonda, a partire dallo stile di vita e dall’impatto ambientale che hanno le nostre scelte: dunque stiamo crescendo Lucio con i pannolini lavabili e con una serie di altri accorgimenti, dal limitato uso di detersivi all’uso oculato dell’acqua, in modo da limitare sprechi, anche di denaro, e inquinamento. Quando ne parliamo in famiglia e a ogni occasione, anche con i fratelli e le sorelle di chiesa, inizialmente ci guardano per lo più straniti, ma davvero non importa: sento che anche questo fa parte del nostro essere pienamente discepoli di Gesù Cristo!

Virginia Mariani



Sabato 23 Luglio,2011 Ore: 21:28
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Pianeta donna

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info