- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (275) - Visite oggi : (2)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org NOI SIAMO CHIESA: POTERE, DENARO E SEGRETEZZA LE VERE CAUSE DEL “VATILEAKS”,da Adista Notizie n. 24 del 23/06/2012

NOI SIAMO CHIESA: POTERE, DENARO E SEGRETEZZA LE VERE CAUSE DEL “VATILEAKS”

da Adista Notizie n. 24 del 23/06/2012

36745. ROMA-ADISTA. Troppo potere concentrato nella Curia romana e segretezza assoluta nella gestione delle grandi risorse economiche: più che i corvi svolazzanti nei corridoi dei Sacri palazzi e i maggiordomi infedeli, sono queste le cause profonde e strutturali delle crisi vaticana di questi mesi – dal “Vatileaks” al licenziamento del presidente dello Ior Ettore Gotti Tedeschi – secondo il movimento Noi Siamo Chiesa che chiede di «affrontare alla radice le cause della crisi», senza tergiversare.

«Le reazioni dei più importanti vertici ecclesiastici, dopo un grande imbarazzo, sono state quelle di ricordare che, comunque, la Chiesa è fondata sulla roccia e che la sua storia ha visto ben di peggio», scrive Noi Siamo Chiesa. È vero, «ma sarebbe stato opportuno anche un qualche atto, seppur parziale, di riconoscimento di colpe o di errori e di conseguente pentimento», perché tutto quello che è accaduto – e che continua ad accadere – lascia comunque intravedere «interessi torbidi» e «contrasti profondi nella Curia romana che appaiono fondati non su diverse, più che comprensibili, opzioni pastorali, ma su rivalità personali e su questioni di potere».

Sono tre le cause di fondo di quanto sta accadendo, da affrontare «senza esitazioni», chiede Noi Siamo Chiesa. «L’eccessivo concentramento di potere nella Santa Sede, sempre più accresciutosi negli ultimi anni, malgrado il Concilio avesse prospettato l’attuazione di una reale collegialità episcopale. I possibili vantaggi di una gestione rigidamente monarchica (unità, sostanziale e non formale, della Chiesa, punto di riferimento morale in un mondo travagliato da problemi sempre maggiori) sono ormai superati dai suoi difetti che, tra l’altro, non vengono neanche riconosciuti (dispotismo curiale sulle Chiese locali e sugli ordini religiosi; assoluta uniformità della teologia e della vita sacramentale; esaltazione, poco evangelica, della figura e del ruolo del papa)». Poi «il fattore corruttivo che, quasi naturalmente, deriva dalla gestione accentrata di grandi risorse economiche – lo Ior ma non solo – e da altre strutture che fanno capo allo Stato della Città del Vaticano. In questo contesto qualsiasi discorso sulla povertà della Chiesa e nella Chiesa non ha più senso». Infine «la completa segretezza nell’amministrazione di questi ingenti beni, fuori da una vera legalità e da un controllo, italiano o internazionale, esterno alle strutture ecclesiastiche, crea le premesse per ogni possibile stortura. Nel migliore dei casi ipotizzabili, sembra che si ragioni con la logica che il fine giustifica qualsiasi mezzo. I fatti hanno dimostrato, soprattutto da trent’anni a questa parte, che, in questo quadro di mancanza di trasparenza diffusa, ogni tentativo di riforma è fallito, anche quando, forse, la volontà all’inizio c’era».

Pertanto, sostiene Noi Siamo Chiesa, «occorre affrontare alla radice le cause della crisi e riteniamo che sia indispensabile che questa consapevolezza cresca nel Popolo di Dio. Ogni rappezzo, ogni destituzione di persone e ogni avvicendamento, o il rilancio dell’immagine, facendo solo appello al ruolo indefettibile della Chiesa, servono a ben poco», perché «non riusciranno a rompere il circolo vizioso costituito dall’intreccio tra potere ecclesiastico autoritario e assolutista, potere mondano e assenza di democrazia che sono presenti nella nostra Chiesa», una «contro-testimonianza che oscura e tradisce l’Evangelo di Gesù». (l. k.)

Articolo tratto da
ADISTA
La redazione di ADISTA si trova in via Acciaioli n.7 - 00186 Roma Telefono +39 06 686.86.92 +39 06 688.019.24 Fax +39 06 686.58.98 E-mail info@adista.it Sito www.adista.it



Mercoledì 20 Giugno,2012 Ore: 15:39
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
claudio bellavita torino 25/6/2012 05.49
Titolo:non è tanto difficile chiarire se IOR fa riciclaggio
basta sapere se le buste paga dei dipendenti del Vaticano, enti collegati e magari quelli dell'ospedale Bambin Gesù sono in contanti. Questo vuol dire la possibilità di riciclare circa un miliardo di euro all'anno, cui va aggiunto l'importo dell'annuo "obolo di san Pietro" che si può presupporre in contanti. Il mezzo è la valigia diplomatica delle nunziature.
Corre voce che a essere bene presentati ( il che, ovviamente, ha un costo a parte) il riciclaggio in IOR costa il 10%: però non conosco nessuno che lo abbia fatto.

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Crisi chiese

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info