- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (277) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org L'iniziativa dei preti austriaci non si ferma,

L'iniziativa dei preti austriaci non si ferma

Newsletter 10 di Pfarrer-Initiative


Newsletter 10
di Pfarrer-Initiative
in “www.pfarrer-initiative.at ” del 20 settembre 2011 (traduzione: www.finesettimama.org)

Cari membri, sostenitrici e sostenitori!
Fin dal momento in cui l' “appello alla disobbedienza” è stato reso pubblico, ci è stato chiesto di ritrattare tale testo. È una cosa che in coscienza non possiamo fare perché continuiamo ad esser convinti del suo contenuto. La disobbedienza nei confronti di singole leggi e regole ecclesiastiche restrittive in vigore già da anni fa parte della nostra vita e del nostro lavoro pastorale. Dichiarare pubblicamente qualcosa di diverso da ciò che pensiamo e da come agiamo, renderebbe più acuta la dissonanza nella Chiesa e nella pastorale.
Siamo però consapevoli che la parola “disobbedienza” deve essere intesa come stimolo. Per questo spieghiamo volentieri che non intendiamo affatto una disobbedienza generalizzata per il gusto della contrapposizione, bensì un'obbedienza graduata, che dobbiamo innanzitutto a Dio, poi alla nostra coscienza e infine anche alle disposizioni ecclesiastiche. Abbiamo sempre considerato in quest'ordine la dottrina della Chiesa, il papa e i vescovi. E così vogliamo proseguire.
Per ora non è stata stabilita alcuna data per un ulteriore incontro del cardinale Schönborn con i quattro membri del nostro consiglio direttivo dell'arcidiocesi di Vienna. In quel dialogo da parte nostra devono essere date delle risposte alle domande che nel primo incontro ci sono state presentate in forma scritta.
Da diverse parti ci viene ripetutamente consigliato di cercare con il cardinale delle “soluzioni” sui temi più semplici tra quelli da noi affrontati. Nel consiglio direttivo però siamo dell'opinione che partner di dialogo dei vescovi su questi temi non deve essere la Pfarrer-Initiative, ma tutta la comunità cristiana: ad esempio in una prosecuzione del “Dialogo per l'Austria” o nel quadro dei futuri incontri previsti con i consigli delle comunità parrocchiali o di un altro procedimento sinodale. In caso contrario sarebbero alcuni rappresentanti dell' “alto clero” con alcuni rappresentanti del “basso clero” a parlare di ciò che riguarda tutto il popolo di Dio. Anche la richiesta di “scindere in vari punti” il nostro “pacchetto dell'appello” ci pare molto problematica. I temi che abbiamo citato sono tutti quanti, spesso e da tempo, preoccupazioni e domande formulate a noi dalla comunità cristiana, che non tocca a noi valutare.
I vescovi continuano a ripeterci, che noi come Chiesa locale possiamo procedere nel cammino solo con il papa e con la chiesa universale. Allora si pone però la domanda, fino a che punto il papa e la direzione della chiesa universale possono essere anch'essi invitati a procedere nel cammino con noi. Si mostra però sempre più chiaramente, che i nostri problemi e le nostre preoccupazioni non sono affatto solo temi “austriaci”. L'eco positiva che ci giunge da altri paesi negli ultimi tempi è in netto aumento. E perché i nostri vescovi non dovrebbero preoccuparsi di un consenso per cammini sperimentali a livello di chiesa universale? Il cardinale Schönborn ha detto tempo fa in un'intervista che ci sarebbe la possibilità per tali cammini. Solo che lui non si curerebbe di ciò.
Si ripete continuamente che i nostri temi e le nostre domande sono troppo “piccoli”, sono problemi minori. Si dice che si devono affrontare i “grandi” problemi: la ricerca di Dio da parte dell'uomo, i temi del futuro della nostra società e del mondo. Ma anche quando noi nel nostro “appello” e in altri testi affrontiamo prima di tutto problemi immediati della pastorale quotidiana, nelle nostre comunità sono molto ben presenti anche le “grandi” questioni. Altrimenti, di che cosa ci preoccupiamo prima di tutto nelle nostre comunità e con le nostre collaboratrici e collaboratori, se non della ricerca di Dio da parte dell'uomo, del linguaggio che possiamo usare per parlare di lui e per annunciarlo? Non sono forse prima di tutto le nostre comunità, quelle in cui si discute e si pratica la solidarietà con i poveri, sia vicini a noi che nel sud del mondo? Non ci preoccupiamo forse prima di tutto nelle comunità anche di come affrontare i grandi problemi della vita dei partner e delle famiglie, dei giovani e degli anziani ecc.? E se la Chiesa deve essere in dialogo con il nostro tempo sulle grandi questioni, quanto credibile è la “lingua del corpo” della Chiesa, se in essa non c'è un'adeguata partecipazione del popolo alle decisioni e agli orientamenti? Se si rinuncia all'esperienza di vita e di fede di tanti uomini e donne, e si fa sorgere l'impressione che si abbia timore dell'influenza del popolo della Chiesa come invasione di un pericoloso spirito del tempo? Per non parlare dell'esclusione delle donne dagli incarichi “sacri” della Chiesa, in una società che, superando la Chiesa, ha fatto la scelta (che è biblica!) dell'uguaglianza della donna.
Per l'inizio di ottobre siamo invitati alla riunione annuale dell'Associazione irlandese dei preti cattolici (ACP) a Dublino. Là ci sarà occasione di contatto con rappresentanti di analoghe reti di preti provenienti dagli Stati Uniti. L'ACP conta già 500 membri e si impegna in Irlanda sugli stessi temi e preoccupazioni nostri. Aumentano anche le collaborazioni con colleghi tedeschi. Recentemente si è messo in contatto con noi anche un prete dal Messico.

La nostra situazione attuale di membri e sostenitori:
Preti: membri: 338, sostenitori: 69
Laici: sostenitori/sostenitrici: 1037

Un'ultima indicazione per i nostri membri: la nostra riunione generale sarà domenica 6 novembre 2011, alle 15 a Linz, sarà inviato un invito personale. Ringraziamo di cuore per i molti segni di solidarietà negli ultimi mesi.

I membri del consiglio direttivo
Helmut Schüller, Hans Bensdorp, P. Udo Fischer, Franz Großhagauer, Gerald Gump,
P. Arno Jungreithmair,
Peter Paul Kaspar, Franz Lebenbauer, Franz Ofenböck, Wolfgang Payrich


Lunedě 10 Ottobre,2011 Ore: 14:15
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
Federico La Sala Milano 10/10/2011 15.53
Titolo:Helmut Schüller, alla prima riunione del “Movimento dei parroci irlandesi”
Il principale rappresentante della Pfarrer-Initiative, Helmut Schüller,
alla prima riunione del “Movimento dei parroci irlandesi”

di “Ja-Kirchenzeitung” e Helmut Schüller

in “www.ja-kirchenzeitung.at” del (traduzione: www.finesettimana.org)

L’associazione irlandese “Association of Catholoic Priests” (ACP) fondata in primavera si è riunita per la prima volta a Dublino il 4 e 5 ottobre per la sua riunione generale costituente. Era presente Helmut Schüller, principale rappresentante della “Pfarrer-Initiative” austriaca, con la quale l’ACP desidera collaborare in futuro. L’ “Appello alla disobbedienza” dei preti austriaci è stato accolto con favore.

La riunione, a cui hanno preso parte 350 persone, ha espresso una severa critica nei confronti della gerarchia e ha richiesto decise riforme nella Chiesa, riferisce il quotidiano “The Journal”: una verifica della dottrina della Chiesa sulla sessualità, un nuovo modo di scegliere i vescovi, l’ordinazione di uomini sposati e di donne. Uno dei principale relatori, Kevin Hegarty, ha detto che la Chiesa irlandese è divisa in due: “Da un lato la Chiesa che costruisce comunità, che mi dà piena soddisfazione, e dall’altro la Chiesa istituzionalizzata, a cui mi sento estraneo.” Ha anche affermato che la Chiesa negli ultimi 30 anni ha impedito le riforme e si è ritirata in un ghetto per difendere strutture superate.

Se ci fossero elezioni democratiche, la Chiesa cattolica vivrebbe oggi in Irlanda la stessa debacle del “Fianna Fail”, il partito che per decenni ha guidato il paese, che nelle ultime elezioni alcuni mesi fa è praticamente caduto nell’irrilevanza.

ACP conta già 535 membri e secondo Sean McDonagh nei prossimi giorni si presume che ci saranno 100 nuovi associati.

Helmut Schüller ci ha inviato la seguente relazione sulle sue impressioni dell’incontro di Dublino (i titoli dei paragrafi sono della redazione): C’è fermento tra i preti cattolici irlandesi. Non si può spiegare altrimenti il fatto che la “Association of Catholic Priests” (ACP) fondata in primavera abbia già 535 membri. E questo con finalità ben chiare, come la piena realizzazione della visione e dell’insegnamento del Concilio Vaticano II, con particolare accentuazione del primato della coscienza individuale, della posizione e della partecipazione attiva di tutti i battezzati, di una Chiesa nella quale tutti i battezzati siano trattati allo stesso modo.

servizio invece di potere
Ovvero: il rinnovamento delle cariche nella Chiesa con la finalità di includere i doni, la saggezza e l’esperienza di tutta la comunità dei credenti, uomini e donne. Ovvero: il cambiamento del sistema direttivo della Chiesa, che deve essere basato sul servizio e non sul potere e deve promuovere una cultura della consultazione e della trasparenza a tutti i livelli della Chiesa, specialmente nella nomina delle guide della Chiesa.

verifica della dottrina della Chiesa sulla sessualità
Ovvero: verifica della dottrina cattolica sulla sessualità con il riconoscimento del profondo mistero della sessualità umana e dell’esperienza e saggezza del popolo di Dio. Inoltre: la promozione di pace, giustizia e salvaguardia del creato, a livello locale, nazionale e globale. Il riconoscimento della separazione di Chiesa e Stato. Cerimonie liturgiche in una lingua di facile comprensione, che includa e sia accessibile. Il rafforzamento dei rapporti con i cristiani di altre Chiese e con le persone di altre fedi.

abbandonati dai vescovi
L’ACP vuole porre fine al silenzio dei preti che c’è stato fin’ora, esprimendosi con voce autonoma e anche partecipare attivamente alle discussione fondamentali della società irlandese. Si percepiva chiaramente il grande malumore per la mancante direzione della Chiesa da parte dei vescovi a proposito del notevole invecchiamento e del crescente sovraccarico di impegni dei preti. Anche difronte alla rivelazione e alla discussione pubblica di abusi sessuali nella Chiesa i preti si sentono assolutamente lasciati soli dai vescovi. Forte è stata anche la critica alla lingua del nuovo messale di lingua inglese e della sua imposizione dall’alto.

ACP riflette sul percorso della Pfarrer-Initiative
Il Consiglio direttivo dell’ACP ha ricevuto una chiara approvazione da parte dei membri di formulare i singoli obiettivi in maniera ancora più precisa e concreta, e di rappresentarli. A questo proposito all’ “Appello alla disobbedienza” della Pfarrer-Initiative in Austria è stata riservata particolare attenzione, appello su cui i membri della ACP erano già bene informati. Al termine della mia relazione sulla situazione attuale ho avuto richieste di chiarimenti in innumerevoli conversazioni. Nelle discussioni plenarie è stato più volte proposto di riflettere sulla possibilità dell’ACP di seguire un percorso analogo. Il Consiglio direttivo dell’ACP ha accolto queste proposte e ha espresso il suo grande interesse per un collegamento in rete con la PfarrerInitiative.

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Crisi chiese

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info