- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (365) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org A tre anni dalla LAUDATO SI’,di Michele Zarrella *

Otto domande, otto risposte l'otto ogni mese
A tre anni dalla LAUDATO SI’

Disinvestire dalle fonti fossili


di Michele Zarrella *

 

A giugno fanno tre anni che è stata pubblicata la LAUDATO SI’ di papa Francesco. Quali effetti sta provocando?

Le istituzioni cattoliche hanno recepito il messaggio dell’enciclica e si stanno impegnando per la protezione del creato disinvestendo da quelle società che estraggono le fonti fossili.

Solo le istituzioni cattoliche?

No. Tutti quelli che condividono il messaggio dell’enciclica stanno togliendo i loro investimenti da quelle società che estraggono fonti fossili. Tutti possono Firmare l'impegno di disinvestire dai combustibili fossili a questo link.

In effetti si sta formando un movimento globale?

Le istituzioni cattoliche di tutto il mondo si stanno unendo in numero sempre maggiore per disinvestire da quelle società che fanno profitto con le fonti fossili. E il 22 aprile annunceranno questo loro impegno con un comunicato congiunto a livello globale.

Chiunque ha un ruolo importante da svolgere.

Ciascuno di noi deve fare la sua parte. Riducendo al minimo l’uso delle fonti fossili. Aborrendo ogni forma di spreco. E disinvestendo i propri capitali da quelle società che estraggono le fonti fossili. C’è bisogno urgente di mantenere carbone, petrolio e metano nelle viscere della Terra. In questo madre Terra si è dimostrata più “sapiente” dell’Homo sapiens. È inoltre moralmente inaccettabile una economia che toglie l'essenziale a molti per il lusso di pochi. Si vive meglio quando chi ci è a fianco sta bene.

Ripercorriamo le tappe che la LAUDATO SI’ ha messo in moto.

Giugno 2016. Quattro organizzazioni cattoliche hanno annunciato il loro disinvestimento da combustibili fossili per commemorare l'anniversario della pubblicazione della LAUDATO SI' (riportato dal Guardian).

Settembre 2016. Il Cardinale Peter Turkson ha rilasciato una dichiarazione sul disinvestimento nella Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (conferenza stampa vaticana).

Settembre 2016. Un rapporto ha chiarito i numeri dietro l'urgente necessità di mantenere il petrolio nel terreno. Leggi "Il limite del cielo" da Oil Change International, Global Catholic Climate Movement e partner.

Ottobre 2016. Il Movimento Globale Cattolico del Clima ha annunciato che sette organizzazioni cattoliche che hanno disinvestito dai combustibili fossili in occasione della festa di San Francesco.

Dicembre 2016. Raddoppio della dismissione di azioni dai conbustibili fossili (https://www.theguardian.com/environment/2016/dec/12/fossil-fuel-divestment-funds-double-5tn-in-a-year).

Gennaio 2017. Si è tenuta a Roma la conferenza "LAUDATO SI’ e Investimenti Cattolici", con i discorsi del Cardinale Turkson, Christiana Figueres e del Cardinale Ribat.(National Catholic Reporter).

Maggio 2017. Disinvestimento da società che fanno profitti dai conmbustibili fossili di 9 istituzioni cattoliche ha stabilito un nuovo record per la cessione congiunta di cattolici. (National Catholic Reporter).

Ottobre 2017. Cessione delle quote di 40 istituzioni cattoliche è stata ampiamente trattata dalla stampa, tra cui Reuters e il Guardian.

È possibile anche avere dei consigli sul modo in cui disinvestire?

Si. C’è un sito dedicato a questo: Impara come disinvestire .

Ormai gli investimenti sulle fonti fossili anche dal punto di vista economico non sono più validi?

Esattamente. Nei prossimi dieci anni si avranno sempre più perdite economiche per chi investe nelle fonti fossili, per vari motivi che hanno spiegato i commercialisti intervenuti al convegno del Gennaio 2017.

Forse la strada dei disinvestimenti sarà più incisiva di quella morale?

Molto probabilmente sì. L’Homo sapiens è più interessato al profitto che alla salute e alla salvaguardia del creato. Nonostante la propensione all'egoismo e al profitto, quando i problemi diventano globalmente enormi e localmente caotici, ho ancora fiducia nella sapienza dell'uomo. Credo fermamente che l'umanità saprà scoutersi presto dal torpore dello status quo e dalle sirene di una pubblicità invitante al consumismo e allo spreco. Abbiamo la tecnologia per costruire una società basata sulle fonti rinnovabili. È molto importante farla subito. Sta a noi volerla fare. E per farla basterà rispondere a questa domanda: "Con quali occhi vogliamo guardare il futuro?". Ad avere una coscienza si vive meglio, non dimentichiamolo. 

     Gesualdo, 8 aprile 2018

    *Ingegnere e astrofilo

    Per contatti

    zarmic@gmail.com

    sito web: digilander.libero.it

    Torna alla sezione Ambiente

     Vai alla sezione Astronomia

     



    Domenica 08 Aprile,2018 Ore: 09:45
     
     
    Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
    Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

    Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
    Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
    Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
    Tweet
    Indice completo articoli sezione:
    Ambiente

    Canali social "il dialogo"
    Youtube
    - WhatsAppTelegram
    - Facebook - Sociale network - Twitter
    Mappa Sito


    Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
    Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
    Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
    Questo sito fa uso dei cookie soltanto
    per facilitare la navigazione.
    Vedi
    Info