- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (255) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org 28 ottobre, i tutta Italia contro la vivisezione,di Adriano Gregori

28 ottobre, i tutta Italia contro la vivisezione

di Adriano Gregori

Gentili amici e conoscenti
Sono qui ancora una volta a disturbarvi per segnalarvi che sabato prossimo, in tutta Italia ci saranno delle manifestazioni presidi contro la vivisezione.
Alla luce della disposizione appena approvata in sede parlamentare, non ancora Legge visto che la delega è al Governo, dove per farla breve, lo dico con parole mie: "tutto è vietato a meno che non sia strettamente necessario.." esiste ancora la necessità di manifestare tutta la contrarietà a queste metodologie barbare, antiquate ed obsolete.
edoardogandini.eu
Perfino il prestigio giornale scentifico British Medical Journal rifiuta l'idea e le metodologie della "sperimentazione animale": in un editoriale apparso nel 2004 leggiamo che «la regola abituale del British Medical Journal è dirottare diligentemente la ricerca che coinvolge animali su altre riviste». È detto nel modo elegante che ci si può aspettare da una rivista scientifica britannica, ma il senso è durissimo: questa storica rivista medica rifiuta a priori, salvo
eccezioni, gli articoli di vivisezione. Insomma, l'irrilevanza clinica della ricerca di base sugli animali era un segreto di Pulcinella prima ancora che studi dettagliati quantificassero i dubbi.
bmj.com
Oltre al fatto che ogni specie animale, compresa la nostra, è diversa da tutte le altre, quindi se veramente volessero curare le malattie (e non produrre solo farmaci da vendere) è sull'uomo che bisogna studiare, non su un topolino. E' inutile inoculare un tumore su una cavia e poi cercare di curarla, bisognerebbe parlare di prevenzione, del mondo in cui viviamo, di inquinamento, elettromagnetismo, del cibo che mangiamo, non ultimi di telefonini e wi-fi e dei danni dovuti agli incidenti nucleari. Non appena si ha a che fare con organismi viventi, entrano in gioco un'infinità di fattori sconosciuti e non mai esattamente identificabili, perché hanno a che vedere col mistero della vita stessa, e che non è certamente dato a individui insensibili, disumanizzati di penetrare. Difatti i cosiddetti "ricercatori" sugli animali non hanno risolto un solo problema fondamentale della salute, ma sono stati capaci soltanto di creare
un'infinità di nuovi problemi. Tutte le nozioni valide che abbiamo in materia di salute provengono dal campo clinico e non da quello sperimentale. Gli esperimenti sugli animali non portano ad alcuna reale conoscenza sull'effetto della sostanza da provare, perchè animali di specie diverse, o addirittura diverse razze o ceppi di animali della stessa specie, risponderanno in modo diverso ad un dato stimolo, come ad esempio alla somministrazione di un farmaco.
Alcuni esempi, tra le decine e decine tra cui scegliere: la stricnina lascia indifferenti la cavia, il pollo, le scimmie, fino a dosi sufficienti a mandare invece in convulsioni un'intera famiglia umana; l'insulina provoca malformazioni nelle galline, nei conigli e nei topi: invece mai nulla di simile è stato osservato nell'uomo. E, inoltre, se il risultato ottenuto su un topo è diverso da quello ottenuto su un gatto, a chi somiglierà di più l'uomo, al topo o al
gatto? La risposta è che non lo si può sapere a priori. - Se la penicillina fosse stata testata sulle cavie da laboratorio (nelle quali è talmente tossica da risultare letale) non sarebbe mai stata utilizzata nell’uomo. Il talidomide, di contro, ha provocato la nascita di 10.000 bambini focomelici benché, testato sugli animali, si era dimostrato innocuo!
facebook.com
facebook.com
Di seguito i riferimenti per le varie città. (La maggior parte delle notizie si trovano su facebook. Per chi non fosse iscritto su tale piattaforma e per chi ne avesse qualche timore ad iscriversi, mi permetto di dire che non serve mettere tante notizie personali, anche se le chiedono, basta il nome o un nome fittizio e via. Secondo me è uno strumento validissimo per condividere le proprie idee ed è un altro mezzo per dire la propria).
facebook.com
VICENZA facebook.com
Per NAPOLI facebook.com
Per BARI
facebook.com
Per ROMA facebook.com
Per GENOVA facebook.com
Per MODENA
facebook.com
Per BOLOGNA : facebook.com
Per VARESE
facebook.com
Per FIRENZE
facebook.com
Per MONTECATINI TERME : facebook.com
Per REGGIO EMILIA : facebook.com
Per TRIESTE : facebook.com
Per VERONA : facebook.com
Per COMO : facebook.com
Per AOSTA : facebook.com
Per TARANTO : facebook.com
Per PADOVA : facebook.com
Per TORINO : facebook.com
Per AREZZO : facebook.com
Per FANO : facebook.com
Per MILANO : facebook.com
Per BUSTO ARSIZIO - VARESE : facebook.com
Per CAGLIARI : facebook.com
Per BRESCIA : facebook.com
Per MASSA CARRARA : facebook.com
Per BERGAMO : facebook.com
Per VERCELLI : facebook.com
Per DESENZANO : facebook.com
Per PERUGIA : facebook.com
Per PRATO : facebook.com
Per FOGGIA : facebook.com
Per LIVORNO : facebook.com
Per CATANIA : facebook.com
Per BORGO SAN LORENZO (FI) : facebook.com
Per ALBENGA:
facebook.com
Queste alcune cose che si potranno fare con la nuova direttiva:
Sarà infatti possibile: Sperimentare sui primati anche in assenza di gravi motivazioni riguardanti la salute umana (articoli 5, 8 e 55); sperimentare su cani e gatti randagi (articolo 11); riutilizzare lo stesso animale anche in procedure che gli provocano intenso dolore, angoscia e sofferenza (articolo 16); sperimentare senza anestesia e/o non somministrare antidolorifici ad un animale sofferente se i ricercatori lo ritengono opportuno (articolo 14); somministrare
bloccanti neuromuscolari che paralizzano l’animale ma lo lasciano sveglio, terrorizzato e pienamente cosciente di ciò che gli viene fatto (articolo 14); somministrare scosse elettriche fino a indurre impotenza; tenere in isolamento totale per lunghi periodi animali socievoli come i cani e i primati (Allegato VIII); praticare toracotomie, cioè l’apertura del torace, senza somministrare
analgesici (Allegato VIII); costringere gli animali al nuoto forzato o altri esercizi fino all’esaurimento… (Allegato VIII).
leal.it (3a pagina del pdf).
QUINDI VI RINGRAZIO E VI PREGO GENTILMENTE SE CONDIVIDETE DI DIVULGARE A TUTTI I VOSTRI CONTATTI E A QUESTI DI CHIEDERE DI FARE ALTRETTANTO
Grazie,
Adriano Gregori
Trieste



Giovedì 26 Settembre,2013 Ore: 21:03
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Ambiente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info