- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (260) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Sulla manifestazione del 30 a Niscemi: NO MUOS,di Domenico Stimolo

Sulla manifestazione del 30 a Niscemi: NO MUOS

di Domenico Stimolo

La manifestazione, alfine, è stata grande. Diecimila i partecipanti: del paese e provenienti da tutta la Sicilia, con mezzi propri e con oltre 50 pullman, tutti autofinanziati. Presenti delegazioni dei No TAV, NO Dal Molin e di altre realtà nazionali. Un lungo corteo, combattivo e vivace si è snodato lungo la stretta stradella – costellata da sali e scendi- che da contrada Ulmo, attraversando la grande plurisecolare sughereta, porta alla grande radura della base militare. In teste le intrepide donne del “Comitato mamme di Niscemi”. Quasi 5 Km di percorso, di partecipazione attiva e “musicale”. Tanti i giovani, le donne, gli uomini, gli anziani. Per un’isola di Pace, di fratellanza ed accoglienza, senza MOUS e per lo smantellamento delle 47 altissime antenne operative da 20 anni. Per un’isola senza rischi per la salute, smilitarizzata, contro le guerre.

Lungo la strada i manifestanti hanno salutato con gioia il grande campo del presidio dove dall’inizio dell’anno si sono alternati, giorno e notte, cittadini di Niscemi e rappresentanti dei tanti Comitati regionali NO MUOS, per fermare i mezzi che trasportavano le strutture di assemblaggio dei mega antenne satellitari.

Gli interventi si sono svolti davanti ai cancelli ( super presidiati da polizia e carabinieri), su un camion…… vecchia maniera. La radura circostante, per le connessioni ambientali e per le similitudini d’immagine somigliante a Portella della Ginestra, brulicava di migliaia di corpi e univoci sentimenti, assisi o all’inpiedi sulle collinette circostanti. Una scena forte, pregnante dei “sapori antichi”, di lotta e riscatto, della Sicilia.

La strada del ritorno è stata impervia, per la stanchezza e per l’ “attraversamento” del buio ormai addivenuto. Molti manifestanti, a seguito di un “disguido” – forse provocato – riguardo la sosta dei pullman, dal punto di concentramento sono stati costretti ad aggiungere altri chilometri alle gambe per raggiungere il paese, dove in serata si è svolto un secondo corteo, con altri comizi finali e concerto.

La manifestazione, il giorno prima, è stata preceduta dall’annunzio del presidente Crocetta dell’attuazione procedurale operativa della revoca dell’ autorizzazione da parte della Regione siciliana….finalmente dopo la formale comunicazione di molte settimane addietro. Ora partiranno le indagini e le verifiche scientifiche sui concreti rischi per la salute dei cittadini e per l’ambiente.

Un dato è certo, gli Stati Uniti hanno fretta. La battaglia di resistenza, civile e democratica, continua.

domenico stimolo




Martedì 02 Aprile,2013 Ore: 14:32
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Ambiente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info