- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (594) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org IMPIANTI FOTOVOLTAICI,di Michele Zarrella

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Proroga dei contributi fino al 2013.


di Michele Zarrella

L’installazione degli impianti fotovoltaici è incentivata dallo Stato con il Nuovo Conto Energia che è stato prorogato fino al 31 dicembre 2013.
Chi decide di installare un impianto fotovoltaico ha diritto ad un contributo statale che si ottiene in funzione dell’energia elettrica prodotta per un periodo di 20 anni. Gli importi a chilowattora per chi produce energia elettrica attraverso impianti fotovoltaici, sono differenziati in base alle potenze nominali e al livello d’integrazione architettonica dell’impianto, secondo apposita tabella:
 

 
A)  fino al 30-04-2011
B)dal 1°-05-11 al 31-8-11
C)   fino al 31-12-11
Potenza di picco
Impianti su edifici
Altri impianti
Impianti su edifici
Altri impianti
Impianti su edifici
Altri impianti
kW
€ / kWh
€ / kWh
€ / kWh
€ / kWh
€ / kWh
€ / kWh
1< P <=3
0,402
0,362
0,391
0,347
0,380
0,333
3< P <=20
0,377
0,339
0,360
0,322
0,342
0,304
20< P <=200
0,358
0,321
0,341
0,309
0,323
0,285
200< P <= 1000
0,355
0,314
0,335
0,303
0,314
0,266
1000< P<=5000
0,351
0,313
0,327
0,289
0,302
0,264
> 5000
0,333
0,297
0,311
0,275
0,287
0,251

 
Per il 2012 e 2013 le tariffe di cui alle colonne C) saranno diminuite del 6% all’anno. Esse sono modellate in base all’andamento del mercato sia dell’energia che dei costi dei pannelli.
 
L’accesso alle tariffe incentivanti avviene in base ai chilowattora prodotti. L’iter per l’attribuzione del contributo a un impianto inferiore a 20 kWh da installare sul tetto è il seguente:
-         presentazione di una semplice comunicazione all’Ufficio tecnico del comune;
-         invio del progetto e dello schema elettrico all’ufficio dell’ENEL competente per territorio, con richiesta di contratto di connessione e adeguamento della stessa (è previsto un versamento per il sopralluogo di 120,00 €);
-         dopo il sopralluogo e il benestare del tecnico dell’ENEL, tramite internet, si deve adempiere agli obblighi informativi previsti dall’art. 8 dell’allegato A della delibera dell’Autorità per l’Energia elettrica ed il Gas (AEEG) 89/07 al gestore della Rete Elettrica Nazionale (Terna);
-         a impianto ultimato e collaudato, viene collegato alla rete nazionale e si redige apposito verbale con l'operatore dell' ENEL;
-         infine, si invia tutta la suddetta documentazione, con il verbale dell’ENEL di installazione dei contatori e della messa in produzione, al Gestore dei Servizi Elettrici (GSE), l’ente che, esaminata la regolarità della documentazione, entro 60 giorni, attribuirà il contributo.
Ulteriore procedura va eseguita per i fabbricati sottoposti a vincoli architettonici e/o paesaggistici per i quali va richiesta il “nulla osta” alle autorità competenti o per impianti superiori a 20 kW.
Il costo di un impianto fotovoltaico varia da 5.000 euro/kW più IVA per impianti di piccola potenza (1 - 20 kW) a 3.500 euro/kW più IVA per impianti di grande potenza (200 – 1.000 kW). L’ammortamento è stimato fra gli 8 e i 12 anni. Tale intervallo risulta molto ampio perché l’ammortamento dipende da più fattori. I principali sono: costo iniziale dell’investimento, quantità di radiazione solare disponibile, scaglione del contributo a cui si accede e risparmio sulla bolletta dell’ENEL. La vita utile dei pannelli è garantita dal costruttore generalmente per 25 anni con un abbassamento del rendimento fino al 90% per i primi dieci anni e fino all’80% per gli ulteriori 15 anni. Dopo i 20 termina l’erogazione del contributo ma l’impianto comunque continuerà a produrre, anche se con un rendimento minore. Da quel momento si avrà soltanto il beneficio dell’energia prodotta e consumata.
Il contributo viene erogato ogni due mesi purché di importo superiore a circa 250,00 €, altrimenti al raggiungimento di tale somma. L’impianto fotovoltaico non può essere spostato in altro sito, pena la perdita di diritto al contributo (Delibera dell’AEEG n. 40/06).
Ho montato sul tetto di casa un impianto fotovoltaico da 2,94 kW di picco e dal 2 ottobre 2008 produco energia elettrica pulita e sto ricevendo un contributo anno di 1800, 00 €, oltre al risparmio dell’energia scambiata.
Gesualdo, 18 dicembre 2010

 
Michele Zarrella
 


Sabato 18 Dicembre,2010 Ore: 12:46
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Ambiente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info