- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (1094) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org SINDROME GIAPPONESE,di Giorgio Ferrari e Angelo Baracca

SINDROME GIAPPONESE

di Giorgio Ferrari e Angelo Baracca

Analisi e prime valutazioni dell’incidente di Fukushima


Ringraziamo Angelo Baracca e Giorgio Ferrari per averci inviato questo report contenente analisi e prime valutazioni dell’incidente di Fukushima. "Cause di forza maggiore - scrivono gli autori nella introduzione - ci costringono a fare uscire per ora questo report provvisoriamente incompleto: le parti riguardanti gli aspetti tecnici degli incidenti e le loro conseguenze è completa e aggiornata a questa data, mentre manca per ora la parte riguardante i rilasci radioattivi e i danni per la salute (Par. 6), per il quale ci avvaliamo della collaborazione del Dott. Ernesto Burgio, temporaneamente impossibilitato a svolgere questo compito. Appena sarà possibile faremo circolare una versione completa anche di questa parte.". Ci auguriamo la massima diffusione possibile di questo documento per aiutare tutti a comprendere che cosa è veramente accaduto a Fukushima e cosa significhi effettivamente l'energia nucleare.


Scarica sul tuo PC il documento
SINDROME GIAPPONESE - Analisi e prime valutazioni dell’incidente di Fukushima

di Giorgio Ferrari e Angelo Baracca (giorgio.giorgio@alice.it, baracca@fi.infn.it)



Mercoledì 20 Luglio,2011 Ore: 21:28
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
Aldo Maggion Montebelluna 23/7/2011 01.07
Titolo:Grazie per il vostro sforzo nel cercare di creare cultura
Ho letto con attenzione il vostro documento sul disastro di fukushima. Ho seguito per quello che ho potuto il disastro su internet, i giornali e le tv fanno ridere, e quindi ho ritrovato nel vostro report molti dati interessanti.

Leggendo, e ormai arrivato a 38 anni, sto' cercando di capire come mai dei poveri cittadini indifesi, devono subire cosi pesanti torture per scelte e decisioni di persone politiche e tecniche che poi poco hanno a che fare con queste impressionanti calamita'.


Personalmente, ho progettato impianti per fonderia, e quindi conosco un po' le alte temperature e il trasformarsi di acqua in idrogeno ..... Da qui la mia intuizione che cio' che stava succedendo al di la' del mondo ( che poi non e' proprio cosi grande come sembra) fosse al di fuori delle possibilita' di controllo degli esseri umani ..... Allora mi chiedo come puo sentirsi tutta quella schiera di grandi ingegneri, progettisti che hanno sostenuto il nucleare come energia a basso costo ..... Mi chiedo quelli che hanno scritto della possibilita' di guasti ai reattori 1 volta su migliaia di anni ..... Che presuntuosi e arroganti, o forse che strumentalizzati..... Spero che qualche figlio di ingegnere vada a lavorare in questi mostri di tecnologia progettati dal padre ..... Che avra' la presunzione di essere stato un grande.....


Vergogna, vergogna .... Che l'uomo sia arrivato a creare dei mostri incontrollabili ..... Come in altri settori d'altronde, come l'alimentare, dove conosco bene le cose.... E mi batto tutti i giorni, con questa licenza gratuita di uccidere che qualche grossa azienda / governi si sono permessi di creare ....

Un saluto e controllero' aggiornamenti....

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Ambiente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info