- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (251) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Ancora razzismo in Padania,Bruno Gambardella

Ancora razzismo in Padania

Bruno Gambardella

Non c’è che dire: come dicevano gli antichi, a seminare vento si raccoglie tempesta. Nella civile e laboriosa Padania, dove populismo berlusconiano e razzismo bossiano si sono legati in un preoccupante connubio ed hanno spazzato via il vecchio solidarismo cattolico e il miglior pensiero riformista e liberale, capita sempre più frequentemente di assistere a fatti degni della “migliore” tradizione sudafricana. Secondo quanto riportato dai giornali, a Clusone, in provincia di Bergamo, un gruppetto di ragazzini (tutti minorenni) nell’indifferenza generale  ha  insultato e deriso una signora disabile dentro un autobus di linea. Il “gioco” si è fatto così pesante e insopportabile da    costringere l’autista a fermare il pullman e a chiamare la forza pubblica.

Le sei belve feroci travestite da ragazzini incivili sono stati identificate dagli agenti della polizia locale e semplicemente rimproverate. Tale sconcertante episodio (che non può essere sottovalutato) testimonia il fatto che nelle giovani generazioni il germe del disprezzo verso il cosiddetto diverso continua a farsi sentire e che, anzi, a causa di una certa propaganda politica, attecchisca sempre più facilmente.

Non vivo al nord e non so se è il caso di proclamare già lo stato di emergenza democratica, ma so di certo che, oltre a vergognarci, dovremmo fare finalmente qualcosa.                                                                                                                                             

 



Sabato 06 Febbraio,2010 Ore: 17:13
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Cittą Giorno Ora
Augusta De Piero Udine 07/2/2010 06.54
Titolo:ancora razzismo
Condivido pienamente lo sdegno e la preoccupazione.
Quanto all'espressione 'spazzato via' ho delle riserve.
Il "vecchio solidarismo cattolico e il miglior pensiero riformista e liberale" in qualche modo permangono e non reggono al confronto con i diritti dei soggetti contrattualmente deboli.
Nella cultura diffusa certamente dal "populismo berlusconiano e razzismo bossiano ... legati in un preoccupante connubio" non è diffuso invece il senso dell'art. 3 della Costituzione dove quella parola 'Repubblica' -e non 'stato'- impegna ogni livello dell'ordinamento e ogni cittadino.
Il solidarismo cattolico sostiene la 'carità' (anche nel suo senso più nobile), il 'pensiero riformista' la pietà, ma nè l'uno nè l'altro reggono al sostegno di un contratto sociale ugualitario e democratico.
Le responsabilità vanno oltre le due tragiche B. e "il vecchio solidarismo cattolico e il miglior pensiero riformista e liberale" non sono una difesa adeguata e sufficiente al diffondersi dell'orrore.

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Sparta e Atene

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info