- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (2)
Visite totali: (302) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org L'ICONA, LA "CARITAS" ("RICCHEZZA"), E LA VERITA': CHE FIGURA, E CHE AFFARI!!! Il Papa si inginocchia davanti alla “Sindone icona” (e non sente che la parola "Sindone" s'intona con la parola "Sindona"). Sul tema, chiarimenti di Armando Torno e una nota di Guido Vecchi sull'evento torinese,a cura di Federico La Sala

LA GAIA SCIENZA, LA FILOLOGIA - L'AMORE DELLA PAROLA, E UN OMAGGIO A NIETZSCHE. AL GOVERNO DELLA CHIESA UN PAPA CHE PREDICA CHE GESU’ E’ IL FIGLIO DEL DIO "MAMMONA" ("Deus caritas est") E CHE LA SUA CHIESA E' LA CHIESA DEI "SACERDOTI DI AMMONE" (Freud)!!!
L'ICONA, LA "CARITAS" ("RICCHEZZA"), E LA VERITA': CHE FIGURA, E CHE AFFARI!!! Il Papa si inginocchia davanti alla “Sindone icona” (e non sente che la parola "Sindone" s'intona con la parola "Sindona"). Sul tema, chiarimenti di Armando Torno e una nota di Guido Vecchi sull'evento torinese

Nell’epoca delle immagini digitali e delle icone mediatiche papa Benedetto XVI è andato oltre. Anzi, forse ha ripreso in chiave teologica la Teoria estetica di Theodor W. Adorno. In essa il loro compito, più che di riprodurre il mondo, è quello di offrire il «contenuto di verità» che si è sedimentato nella forma stessa dell’immagine o dell’icona. E ne costituisce la storicità immanente.


a cura di Federico La Sala

La Sindone, non reliquia, ma icona

di Armando Torno (Corriere della Sera, 3 maggio 2010)

Benedetto XVI a Torino per l’ostensione della Sindone ha parlato di icona e non di reliquia. Nel celebre lenzuolo il Papa vede riflessa la vicenda di Cristo; anzi il telo permette di osservare, come specchiati, i nostri patimenti nelle sue sofferenze. Sono state così lasciate in un canto le diatribe sulla datazione. Inoltre, il richiamo a Maria, all’inizio del mese a lei dedicato, reca una riflessione di fede. Fu proprio Maria, del resto, la prima a riconoscere con certezza, oltre ogni prova, nel volto umano di suo figlio quello di Dio.

Viene ora da chiedersi se la distinzione avrà un seguito e se si scriveranno altri capitoli per questa storia millenaria. La «reliquia» (da reliquus, resto, residuo) è quel che rimane di un corpo umano o di parte di esso (in tal caso era detta ex ossibus).

In senso lato, la tradizione cattolica così chiamò anche gli oggetti che furono a contatto di una persona, giacché avevano quasi assorbito le sue «preclare virtù». Vi è un’antica prassi, nata nelle catacombe, che faceva porre delle reliquie entro l’altare, nell’atto della sua dedicazione al culto. Successivamente esse diventeranno oggetto di abusi e commerci, tanto che il Concilio Lateranense del 1215 comminò gravi pene contro i trafficanti. Quasi superfluo aggiungere che prosperavano ovunque e a Roma si ricordava ancora un falsificatore, il diacono Deusdona (prima metà del IX secolo), che spediva corpi di gente comune sino in Germania, trafugando i cadaveri dai cimiteri dell’Urbe e spacciandoli per martiri.

Finite in mille dispute e in altrettante opere letterarie, le reliquie si ritrovano in quasi tutte le religioni, come prova il culto tributato al pelo della barba di Maometto a Bijapur o il fatto che le ceneri del corpo del Buddha furono divise in otto parti e conservate in santuari.

È poi pratica antichissima. Diversamente non si spiegherebbe il perché gli egizi nel Serapeo di Alessandria meditassero sulla mummia del bue Api, considerata reliquia dell’Osiride ultramondano, né perché i greci conservassero la testa di Orfeo a Lesbo (in verità ce n’era una anche a Smirne, mentre la sua lira era ovunque), né perché i romani si recassero in pellegrinaggio alla tomba di Romolo nel Foro e venerassero i sandali e la conocchia di Tanaquilla (la moglie, secondo la tradizione, di re Tarquinio Prisco).

E c’è dell’altro. Le reliquie laiche dei personaggi del nostro tempo, più o meno trasformati in miti, vengono disputate sulla rete. Si va dalla biancheria intima di Marylin Monroe al pettine di Elvis Presley, dalle magliette dei calciatori a qualcosa che non è il caso di segnalare.

«Icona», invece, dal greco eikón, ci porta al significato di immagine, anche se la tradizione bizantina ne ha fatto qualcosa di più (e di meno di una reliquia). Nel libro dell’Esodo (20,4) si legge la proibizione: «Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra»; tuttavia qualche eccezione ci fu, come provano i cherubini dell’arca dell’alleanza (Esodo 25,18) o il serpente di bronzo (Numeri 21, 8-9).

Di certo agli inizi del cristianesimo vi sono le molteplici pitture delle catacombe, le sculture dei sarcofagi; nel IV e V secolo l’uso si rileva ovunque, anche se, in un primo tempo, il culto era rivolto alla Croce. Tra gli altri, Eusebio di Cesarea nella sua Storia ecclesiastica (7,18), dice di aver visto con i propri occhi dipinti dei santi Pietro e Paolo e dello stesso Gesù. L’inizio della libertà portò con sé casi di idolatria verso talune rappresentazioni: se così non fosse, sarebbe difficile spiegare i discorsi di Leonzio, vescovo a Cipro alla fine del VI secolo, che appunto difende dall’accusa i cristiani e traccia le prime linee di una teologia del culto della Croce e delle immagini.

Poi, si sa, nel 726 l’imperatore bizantino Leone III Isaurico fece rimuovere un’icona venerata del Cristo, dando avvio al movimento degli iconoclasti. Da allora, anche se le figure sacre popolano buona parte dell’arte occidentale, la tentazione di abolirle non si è spenta e periodicamente invoca il versetto dell’Esodo.

Nell’epoca delle immagini digitali e delle icone mediatiche papa Benedetto XVI è andato oltre. Anzi, forse ha ripreso in chiave teologica la Teoria estetica di Theodor W. Adorno. In essa il loro compito, più che di riprodurre il mondo, è quello di offrire il «contenuto di verità» che si è sedimentato nella forma stessa dell’immagine o dell’icona. E ne costituisce la storicità immanente.


Il Papa si inginocchia davanti alla “Sindone icona”

 

di Gian Guido Vecchi (Corriere della Sera, del 3 maggio 2010)

Ci voleva un Papa tedesco di vasta cultura per citare La gaia scienza di Nietzsche davanti alla Sindone. «Dio è morto! E noi l’abbiamo ucciso!», ripete Benedetto XVI e spiega: «Questa celebre espressione, a ben vedere, è presa quasi alla lettera dalla tradizione cristiana, spesso la ripetiamo nella Via Crucis, forse senza renderci pienamente conto di ciò che diciamo». Il pontefice fissa in ginocchio il lino per cinque minuti e muove le labbra in una preghiera silenziosa prima di cimentarsi in una meditazione che affronta il tema centrale del suo pontificato, il «nascondimento di Dio» nel tempo che viviamo, «dopo le due guerre mondiali, i lager e i gulag, Hiroshima e Nagasaki, la nostra epoca è divenuta in misura sempre maggiore un Sabato Santo».

La «Sacra Sindone», dice Benedetto XVI, è una «icona straordinaria» del «mistero del Sabato Santo», nei Vangeli la «terra di nessuno» tra la crocifissione e morte del venerdì e la risurrezione della domenica, il «tempo oltre il tempo» nel quale Cristo «è disceso agli inferi» e ha condiviso «l’abbandono totale, la solitudine assoluta dell’uomo», il giorno oscuro del Dio nascosto che riguarda l’intera umanità e anche i credenti, «anche noi abbiamo a che fare con questa oscurità». Specie dopo gli orrori del Novecento: «Il nascondimento di Dio fa parte della spiritualità dell’uomo contemporaneo, in maniera esistenziale, quasi inconscia, come un vuoto nel cuore che è andato allargandosi sempre di più».

«Questo è per me un momento molto atteso», ha esordito ieri pomeriggio nel silenzio sospeso del Duomo. Ratzinger aveva già visto la Sindone «ma questa volta vivo il pellegrinaggio con particolare intensità», ha detto, «forse perché il passare degli anni mi rende ancora più sensibile al messaggio di questa straordinaria icona».

Icona. Giovanni Paolo II arrivò a definirla la « reliquia più splendida della Passione e Resurrezione». Benedetto XVI usa la stessa parola che scelse il cardinale Ballestrero, «una veneranda icona di Cristo». Come spiegava la storica Barbara Frale, ne I Templari e la sindone di Cristo, «icona» significa molto più d’una immagine: e richiama il pensiero dei teologi del secondo Concilio di Nicea (787 d.C.), per i quali «l’immagine prodigiosa del Cristo è luogo del contatto col divino», esprime «reverenza e stupore». Benedetto XVI ha scelto un’espressione alta ma insieme rispettosa delle diverse opinioni e della fede.

Parla di «un telo sepolcrale in tutto corrispondente a quanto i Vangeli ci dicono di Gesù», che «testimonia» quell’«intervallo irripetibile della storia» e parla di oscurità ma insieme di «consolazione e speranza», di Risurrezione: «Mi sembra che, guardando questo sacro telo con gli occhi della fede, si percepisca qualcosa di questa luce».

Nella messa in piazza San Carlo, al mattino, Benedetto XVI aveva ricordato disoccupati, anziani soli, emarginati, immigrati. La sera ha visitato tra lacrime e ovazioni i malati del Cottolengo. «Porto nel mio cuore tutta l’umanità», aveva detto davanti al sudario dell’«Uomo dei dolori». Se tanti arrivano, due milioni per l’ostensione, è perché in quell’«icona scritta col sangue» vedono «la vittoria della vita sulla morte». Nel libro su Gesù citava il Salmo 27, «il tuo volto, Signore, io cerco. Non nascondermi il tuo volto».

_____

 CATTOLICESIMO E BERLUSCONISMO: LA FAMIGLIA CATTOLICA, UN’ICONA DEL DIO "MAMMONA"("Deus caritas est": Benedetto XVI, 2006), VENDUTA A "CARO-PREZZO" COME UN’ICONA DEL DIO-AMORE ("CHARITAS", "AGAPE") DI GESU’, GIUSEPPE, E MARIA.

 



Lunedì 03 Maggio,2010 Ore: 13:34
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
Federico La Sala Milano 03/5/2010 16.18
Titolo:La Sindone secondo Ratzinger.
“Sindone, simbolo degli orrori del XX secolo”

di Giacomo Galeazzi

in “La Stampa” del 3 maggio 2010

La Sindone secondo Ratzinger. In un silenzio irreale il Papa teologo e pastore alza gli occhi verso
«il mistero che spinge a cercare il volto di Dio» e sussurra a fior di labbra: «Pater noster». Karol
Wojtyla la considerava una reliquia, Benedetto XVI un’icona ma ieri per cinque interminabili,
commoventi minuti si è inginocchiato a pregare davanti al «simbolo dell’umanità oscurata del XX
secolo». Di fronte al Sacro Lino, nell’oscurità del duomo di Torino, Benedetto XVI ha confessato di
essere diventato, con il passare degli anni, ancor più sensibile al «messaggio di questa straordinaria
icona», simbolo del Sabato santo, del «nascondimento di Dio», ma anche prefigurazione della sua
resurrezione.

Il Pontefice evidenzia come tutti abbiano sentito la sensazione «spaventosa di
abbandono» della morte, però «Cristo ha oltrepassato la porta della solitudine umana per guidarci
con Lui».

In un’altra occasione il Papa si è «trovato davanti alla Sacra Sindone», ma stavolta «vivo
questo pellegrinaggio e questa sosta con particolare intensità». La Sindone, segno del
«nascondimento di Dio», di una «terra di nessuno», è un’icona che interpella, in tutta la sua
attualità, l’umanità oscurata dalle guerre, dalle violenze, e in particolare dagli orrori del secolo
scorso. Un simbolo che si rivolge al cuore lasciando luce per credere e tenebra per dubitare.

Il Papa
cita la famosa frase di Nietzsche: «Dio è morto. E noi lo abbiamo ucciso».
L’espressione deriva quasi alla lettera dalla tradizione cristiana. «Dopo le due guerre mondiali, i
lager e i gulag, Hiroshima e Nagasaki, la nostra epoca è diventata in misura sempre maggiore un
sabato santo - osserva -. L’oscurità interpella quanti si interrogano sulla vita. Anche noi credenti
abbiamo a che fare con l’oscurità».

Nei malati del Cottolengo, sulle cui carrozzelle e lettighe il Papa
si è chinato per abbracciarli, come nella Sindone, davanti alla quale si è inginocchiato come un
umile pellegrino «possiamo leggere tutto il dramma della sofferenza, ma anche, alla luce della
Risurrezione di Cristo, il pieno significato che essa assume per la redenzione del mondo». «Tutti i
poveri sono i nostri padroni, ma questi che all’occhio materiale sono così ributtanti sono i nostri
padronissimi, sono le nostre vere gemme», ha chiarito con le parole di San Giuseppe Benedetto
Cottolengo quasi rispondendo allo scrittore Giorgio Bocca che l’anno scorso aveva suscitato sdegno
nel mondo cattolico per aver criticato il «culto della vita a ogni costo che lascia perplessi i visitatori
della Piccola casa della divina Provvidenza, la pia istituzione del Cottolengo, dove tengono in vita
esseri mostruosi e deformi».

Per Benedetto XVI, invece, l’Istituto torinese incarna il motto
dell’apostolo Paolo («La carità di Cristo ci spinge») che il Cottolengo «volle tradurre in totale
dedizione al servizio dei più piccoli e dimenticati». E voi malati, ha aggiunto, «svolgete un’opera
importante: vivendo le vostre sofferenze in unione con Cristo crocifisso e risorto, partecipate al
mistero della sua sofferenza per la salvezza del mondo».


In Duomo, senza entrare nella disputa sulla datazione del lenzuolo donato dai Savoia, Benedetto
XVI ha definito la Sindone «un telo sepolcrale, che ha avvolto la salma di un uomo crocifisso in
tutto corrispondente a quanto i Vangeli ci dicono di Gesù, il quale, crocifisso verso mezzogiorno,
spirò verso le tre del pomeriggio». Però, se «l’immagine impressa è quella di un morto, il sangue
parla della sua vita. Ogni traccia di sangue parla di amore e di vita. Specialmente quella macchia
abbondante vicina al costato, versata dalla ferita procurata da un colpo di lancia», ha puntualizzato
soffermandosi sul tema della visita a Torino e dell’ostensione: «Passio Christi, passio hominis».


Prima di salire sull’aereo papale per tornare a Roma, commenta Giovanni Maria Vian, direttore
dell’Osservatore Romano: «Il Papa ha toccato le corde più profonde dell’anima di ciascuno
paragonando la paura del bambino alla discesa agli inferi e inserendo la Sindone nella teologia
orientale dell’immagine. Un messaggio universale, condiviso da milioni di persone».
Autore Città Giorno Ora
Federico La Sala Milano 05/5/2010 10.10
Titolo:LA PAROLA E LA SINDONE
La Parola e la Sindone

di Piero Stefani (Koinonia-forum, n. 203 del 4 maggio 2010)

Fa parte del nostro destino di eredi della moderna cultura occidentale aver introiettato un approccio storico ai testi antichi (siano o non siano sacri). Nella post-modernità si è colto il limite di questa impostazione critica senza tuttavia ritrovare l’innocenza di un commento capace di leggere le parole arcaiche a prescindere dalle circostanze in cui furono dette o scritte. Non per nulla, il nostro tempo culturale è indicato con un venir dopo («post») che dichiara la propria implicita incapacità di ignorare quanto lo precede.

Ciò vale anche quando ci si trova di fronte alla pagina biblica. Per il credente, e solo per lui, si apre una specie di alternativa in virtù della quale ci si chiede se sia la «parola eterna» a risuonare come storica o se sia quest’ultima a trasmettere risonanze dell’Eterno. Se prevale la seconda ipotesi il senso della presenza di Dio si scopre unicamente attraverso l’atto dell’interpretazione.

La rivelazione sta non nella Scrittura presa in se stessa ma nel modo di porsi di fronte a essa accogliendola come parola che ci interpella pur provenendo da un tempo che non è più il nostro. In questo caso la dimensione del circolo ermeneutico può dirsi nei seguenti termini: ci si inchina davanti a un testo perché è sacro, mentre esso diviene tale anche in virtù del fatto che ci si inchina di fronte a lui.

Nell’interpretazione la pagina eccede la temporalità che l’ha originata non a motivo della sua astoricità, bensì a causa di una paragonabilità di circostanze in cui la distanza storica è mantenuta e negata a un tempo. La situazione di partenza è «loro» e non «nostra»; soltanto il modo di intendere la Parola, venerandola, la rende anche e soprattutto nostra.

È proprio di una fede adulta essere interpellati da una Parola che si sa storicamente distante. Se il punto di partenza fosse costituito da avvenimenti, la lontananza sarebbe incolmabile. In realtà, noi lettori siamo messi di fronte non a dei fatti ma ai modi in cui essi vennero vissuti e interpretati ed è stato proprio lo sforzo volto a dare a essi un determinato senso che rende la Parola attestazione di un significato eccedente offerto al suo attuale lettore. Se la Bibbia fosse cronaca, descrizione letterale e fedelissima di quanto è avvenuto non sarebbe parola di Dio.

Se è questo il modo autentico di leggere nella fede la Parola è facile comprendere perché chi accetta su di sé il primato della Bibbia sia per lo più distante dalla maniera corrente di intendere i miracoli e la venerazione delle reliquie. Né è occasionale notare l’incompatibilità, su questo terreno, tra la tradizione cattolica e il mondo della Riforma. Le norme di canonizzazione che (salvo nel caso dei martiri) richiedono di provare che siano effettivamente avvenuti dei miracoli sono penose. Esse infatti fanno dipendere l’accertamento di questi eventi dalla mancanza di spiegazioni di ordine scientifico. Spesso si cade perciò nell’assurdo che, almeno in una certa misura, a determinare la canonizzazione sia l’incapacità dei medici di trovare una qualche spiegazione a un fenomeno. Se Dio entrasse in quest’ambito sarebbe, per definizione, consegnato alla funzione di tappabuchi.

Si possono venerare le reliquie? Forse sì, a motivo della simbologia, a volte molto alta, che trasmettono. Tuttavia questa possibilità è data in modo autentico soltanto quando si riesce a prescindere dal problema della loro autenticità. Se invece esso irrompe in modo prepotente il discorso si avvita su se stesso: negatori e sostenitori si trovano schierati su sponde opposte solo perché collocati sullo stesso terreno. Entrambi, per stabilire il vero e il falso, dipendono, volenti o nolenti, dalle scienze storiche o da quelle della natura. Essi perciò, per sostenere la loro tesi, tendono ad assolutizzare quanto è relativo e questa operazione si riflette, per forza di cose, nella sopravvalutazione dell’oggetto a cui si riferisce la loro venerazione o la loro confutazione. Solo se fosse possibile prescindere da ogni discorso circa la sua autenticità o la sua falsità avrebbe senso andare a Torino per vedere la Sindone. C’è da dubitare che ci si trovi in queste condizioni.

Resta in ogni caso certezza di fede che leggere e meditare la narrazione della morte di Gesù secondo i quattro evangeli costituisca l’accesso più autentico per cogliere il senso della morte di Gesù. Nel credere, l’ascoltare prevale sempre sul vedere. Scrisse Kafka: «Chi crede non vedrà mai un miracolo. Di giorno non si vedono le stelle».

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (2) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Dottrina della fede secondo Ratzinger

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info