Trasmissione sulla rete Svizzera di lingua italiana

“Non è bene che l’uomo sia solo…” (Gen 18)

Questo blog nasce dall’esigenza di portare alla luce la sofferenza, i problemi, le contraddizioni e gli ostacoli o i divieti che derivano dalla legge del celibato obbligatorio dei preti, così come previsto nell’ordinamento della chiesa cattolica romana.
Vuole essere principalmente un punto per lo scambio di esperienze e per il sostegno reciproco di quanti sono coinvolti in questa problematica:

• Le donne, che sono costrette a nascondersi, talvolta a vergognarsi di ciò che provano, subendo i cambi continui di umore di una immaturità affettiva dei chierici

• I preti, che vivono uno stato di confusione tra ciò che sembra essere il loro obbligo di fedeltà verso la chiesa a cui appartengono, e la bellezza di una nuova scoperta.

• I figli nati da queste relazioni, che hanno tutto il diritto di essere figli come tutti gli altri e quindi amati e cresciuti da entrambi i genitori. Soprattutto, come la gerarchia sosteneva a riguardo del referendum sulla legge 40, hanno il diritto di conoscere chi è il loro padre

E’ evidente che il celibato obbligatorio sia solo uno dei sintomi di una rigidità dottrinale che non contempla il bene dell’uomo e, per questo, la chiesa stessa (il popolo di Dio) deve trovare la forza e la libertà di andare oltre la legge, proprio sulle orme dell’uomo Gesù che ha avuto il coraggio di sfidare i mali del Tempio.

Trasmissione sulla rete Svizzera di lingua italiana

Messaggiodi Stefania » 12 dic 2011, 18:44

Vi segnalo il link di questa trasmissione andata in onda sulla rete della Svizzera italiana, il canale La1.
http://la1.rsi.ch/falo/welcome.cfm?idg= ... &idc=42513

Una donna del nostro gruppo ha partecipato alle riprese, pur se in forma anonima. E la ringraziamo per il suo prezioso contributo alla causa.

Mi piacerebbe avere da voi un parere su questo servizio, a mio parere ben fatto.
Appena possibile farò un commento anch'io.

saluti
Stefania
Avatar utente
Stefania
 
Messaggi: 306
Iscritto il: 2 ott 2008, 22:28

Re: Trasmissione sulla rete Svizzera di lingua italiana

Messaggiodi sergiogrande » 13 dic 2011, 0:03

Del filmato, che ho visto solo parzialmente perchè ad un certo punto la mia rete internet si è piantata, mi hanno colpito tre frasi:
"la chiesa di oggi è disumana", detto da Laura che ha voluto tenere nascosto il suo volto, e le accuse di "doppia morale" a quelli che fanno il "mestiere di prete" del ragazzo che a 9 anni scopre di essere figlio di un prete, che ha poi sempre rifiutato di avere a che fare con lui.
Tre frasi che dovremmo scolpirci in testa tutti: la chiesa è disumana, la chiesa ha una doppia morale, quello del prete è un mestiere.
Tre frasi lapidarie in cui è racchiuso tutto ciò che è oggi la chiesa. Una struttura molto, ma molto, ma molto lontana dall'evangelo di Gesù di Nazareth.
sergiogrande
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 2 ott 2008, 22:25

Re: Trasmissione sulla rete Svizzera di lingua italiana

Messaggiodi Stefania » 19 dic 2011, 13:19

Una amica del blog che preferisce restare anonima mi ha autorizzato alla pubblicazione di questo suo commento al video:

Ho visionato il filmato e lo rifaro' in seguito con più distacco.
Sono d'accordo con il tuo commento sul sito "sembrano tutti molto tristi". Ciò che alla fine sembra risaltare anche se probabilmente non è un effetto studiato da chi ha montato il servizio o lo ha presentato è che la chiesa, nella figura del vescovo, non sottovaluta il dolore e non condanna (e quindi non è poi cosi disumana).
E non cede per un bene più grande (in questo è fedele al vangelo che propone lo stesso motto). Colpisce l'aspetto bonario, la sicurezza e la capacità
di rispondere con chiarezzaa del vescovo in studio che nonostante tutto non riesce ad essermi antipatico.
Mentre barcolla un po' la giustificazione del primo intervistato che pur azzecca perfettamente il profilo tipico del prete (educato ad essere isolato, altero, esigente in forza del sacrificio che assume su di se....) anche perchè dichiarando come si è sentito nel momento della consacrazione lascia intendere che forse non era del tutto convinto e l'essere emozionato tradiva che quell'aspetto che di solito in un prete viene fatto spegnere, in lui era ancora radicato e indisioso....infatti poco dopo si innamora.
Mi colpisce molto la storia dell'uomo figlio del prete, ma anche qui alla fine non si puo che sentenziare che nonostante tutto il calvario vissuto non gli è stato impedito di avere una vita normale e dei figli e restare cattolico.
Chiunque vedesse questo filmato, soprattutto se prete con coda di paglia o che in futuro creasse situazione simile, si consolerebbe e si sentirebbe assolto e al sicuro. Un figlio non riconosciuto non si metterà mai contro il padre, non lo ridicolizzerbbe, non lo potrebbe perseguire stalkeggiare etc... perchè in fondo farebbe del male a sè stesso rubandosi la speranza che, magari anche in punto di morte, un padre possa tornare sui suoi passi..... infatti i figli tacciono ed incassano.
e questo i PRETI LO SANNO BENISSIMO e ne approfittano,
Dovrebbero essere le madri e chi sa di questa situazione a creare un pandemonio per fare cio che un figlio non arriverà mai a far, ma di cui ha assoluto bisogno, ma anche qui, le madri mettendosi contro e dichiarando "guerra" a quell'uomo rischiano di incrinare il rapporto e rinunciare cosi alla speranza che domani qualcosa possa cambiare...
Cosi optano per il silenzio e la speranza.... e magari restano decenni a sperare...vanamente.

QUESTO, x me , E davvero CRUDELE...questo "gioco" perverso di attese speranze senza alcuna base che erode la tua vita inutilmente impedendoti anche altre storie. Pertanto, l'unico invito che mi sentirei di rivolgere alle donne è valutare i rischi di una storia clandestina- con prete o meno - e.... gravidanza.
Se la storia è con un prete non ci sarà nessuno che potrà testimoniare a vs favore. Ed il prete stesso potrebbe arrivare a negarsi e poi negarvi. Avrà dalla sua fedeli, confratelli, e superiori. E tu no. Dal momento che nessuno, neppure la tua famiglia o amica più cara, sa di questa storia. Anche di questo si sentono forti preti e superiori Sarai da sola, contro tutti, lui e anche....dio (cioè il senso di colpa che ti porterai dietro per aver rischiato di aver allontanato un uomo di dio, dal suo altare).
Come già detto: una storia che per paura (della donna) ed intersse (dell'uomo) rimane nascosta finisce per nutrirsi di questi 2 ingredienti che sono l'esatto contrario dell'amore o cmq anche del semplice rispetto, cura, affetto.

Se non abbiamo occasione di risentirci Auguro a Te e Tutte le donne l'avvento di un nuovo Tempo e Rinnovata umanità.

C.
Avatar utente
Stefania
 
Messaggi: 306
Iscritto il: 2 ott 2008, 22:28


Torna a CELIBATO OBBLIGATORIO: LA DURA LEGGE CHE VIETA L'AMORE - Una legge disumana e antievangelica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron