Conoscere l'Islam

Confraternita dei sufi

Jerrahi-Halveti in Italia

Casa madre: Nurettin Cerrahi Caddesi 15, KaragŘmrŘk Duragi/IstÓnbul (Turchia).

 

Islam Il Dialogo Home Page Scrivici


Sito internet internazionale (11 nazioni): http://www.Jerrahi.org/location.htm

khalyfa: lo shaykh prof. dott. comm. Gabriel Mandel khÔn; tel e fax: 02-719439

Sala di riunione (esclusivamente solo su invito): Viale Piceno 23a. Telefono e fax (02) 733882

Sede legale: Viale Piceno 18, 20129 Milano (esclusivamente solo su invito),

telefono e fax 02-719439.

Sito Internet: http://www.sufijerrahi.it

Codice fiscale: 97217770151

E-mail: posta@sufijerrahi.it

gabriele.mandel@fastwebnet.it

╬Yj╗A ┼└Yj╗A ╔╝╗A A ┴nI

La Confraternita (tariqa) Halveti (Khalwatiyya) Ŕ stata fondata nel KhorasÔn nei primi anni del XIV░ secolo dal Maestro turco Zahţr ÔlDţn `Umar ÔlKhalwatţ; il suo ramo Jerrahi (Jerrahiyya) Ŕ stato fondato a IstÓnbul nel 1704 dal Maestro turco Nűr ÔlDţn ÔlJerrahţ.

Il khalyfa (Vicario generale) della Confraternita Jerrahi-Halveti in Italia:

Gabriele Mandel, docente universitario, scrittore, pittore, psicologo. Corsi di Laurea in linguistica, lettere classiche, psicologia, medicina e chirurgia; tre specializzazioni, dottorato di ricerca in archeologia. Diploma di violino (armonia con Arrigo Pedrollo al Conservatorio Cannetti di Vicenza) e specializzazione di flauto con Gastone Tassinari. Laurea Honoris Causa dell'UniversitÓ Statale di Konya (Turchia), che successivamente ha dedicato al suo nome la Biblioteca della FacoltÓ di Lettere. Membro fondatore e membro del Consiglio direttivo dell'UniversitÓ internazionale islamica Averroes di Cˇrdoba (Spagna); giÓ docente di entipologia alla FacoltÓ di Architettura di Torino; giÓ docente di Storia dell'Arte e direttore dell'Istituto di Discipline artistiche all'UniversitÓ IULM di Milano; Ŕ direttore della FacoltÓ di Psicologia all'UniversitÓ Europea del Lavoro di Bruxelles (Belgio).

Commendatore al merito della Repubblica italiana per motu proprio del presidente Leone, Gran premio di cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, medaglia d'oro del presidente della Repubblica Sandro Pertini, medaglia d'oro per i benemeriti della Pubblica Istruzione, targa d'onore della Regione Lombardia, targa d'oro e Ambrogino d'oro del Comune di Milano, premio Mario Gromo alla FacoltÓ d'Architettura di Torino, targa d'onore di Martina Franca, premio San Valentino del Comune di Terni per la Letteratura, cittadino onorario di Agrate Brianza. Medaglia d'onore del Parlamento turco; targa d'onore del Ministero turco della Cultura. In Francia: medaglia d'onore della CittÓ di Parigi, cavaliere del Bene e Merito Pubblico, medaglia d'oro dell'Accademia d'Arti, Scienze e Lettere, palme accademiche, medaglia d'oro di San Luca. Premio Dag Hammarshkoeld per la Pace. Numerose targhe, premi d'arte e onorificenze ufficiali in Italia e all'estero. Membro dell'Accademia Islamica di Cambridge e di numerose Accademie internazionali. GiÓ primo vice-presidente del Lions Club Milano Host; presidente fondatore del Lions Club Milano al Cenacolo.

Autore di 186 libri pubblicati dai maggiori editori italiani (Rizzoli, Mondadori, Rusconi, Longanesi, Edizioni San Paolo, Franco Maria Ricci, Bompiani, eccetera), molti dei quali tradotti in pi¨ lingue. Giornalista pubblicista, segretario onorario della Organizzazione Mondiale della Stampa Diplomatica.

Come pittore, incisore e ceramista ha esposto in numerosi Musei ed Enti Pubblici (dalla Biennale di Venezia al Museo d'Arte Moderna di Parigi, di Liegi, Galliera di Parigi, eccetera). 156 mostre personali in Musei e Istituti pubblici, tra cui il Museo d'Arte di San Paolo di Brasile, i Musei di Tokyo, di Nuova Delhi, di Ankara, di Konya, di `Amman, di Samarkanda, di Belluno, Nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci di Milano, della CittÓ di Milano, Centro san Fedele di Milano, Civico museo della CittÓ di Milano, della Ceramica di Lodi, Civico Museo di Crema, della Basilica di Sant'Ambrogio di Milano, all'Abbazia di Chiaravalle, al Palazzo dell'Ayuntamiento di Cˇrdoba, al Palazzo Dolmabahce di Istanbul (primo Museo di Stato turco), Lorenzelli Arte Milano.

Hanno parlato di lui, tra gli altri: F.T.Marinetti 1944, Giulio Cisari 1946, Alberto Martini 1948, Maurice Utrillo 1949, Gregorio Sciltian 1951, Carlo CarrÓ 1951, Henri Matisse 1953, Luigi Bartolini 1953, Jean Cocteau 1953, S.E. Si Hamza Boubakeur 1985, S.E. il cardinale arcivescovo Carlo Maria Martini 1991, Roberto Guiducci 1991, Vittorio Sgarbi 1992.

Sito internet: http://www.sufijerrahi.it

Notizie biografiche: Who’s Who in Italy

European Who’s Who

Dictionnaire Biographique EuropÚen

Gabriele Mandel ha pubblicato a tutt’oggi 186 libri, con varie Case editrici (Mondatori, Rizzoli, Franco Maria Ricci, SugarCo, Longanesi, Rusconi, Edizioni San Paolo, eccetera). Quattro suoi testi sono stati tradotti in quattordici lingue; molti in sei lingue.

Tra questi diamo un elenco di testi relativi all’╬slÔm:

Il Corano. Versione e commenti di Gabriele MANDEL; dedicato a Si Hamza BOUBAKEUR. Edizioni Universitarie COOPLI, Milano, 1979 e ss. Edizione riveduta e ampliata (dodici volumi, 1.400 pagine in-4░): UniversitÓ Internazionale Islamica di Cˇrdoba, 1998 e ss.

Quattro novelle sufiche. In "Il Corrierino dei Piccoli". Milano 1947.

Maometto (collana "I grandi di tutti i tempi"; riedito nella collana "I grandi della Storia"). Mondadori, Milano 1976. Seconda edizione riveduta 1978.

Il Sufismo vertice della piramide esoterica. SugarCo, Milano 1977.

I detti di alHallaj. (introduzione, traduzione e note.) Edizioni Alkaest, Genova 1980.

Un sufi e il potere (il primo libro del GulistÔn di Sa`di. Introduzione, traduzione e note). Edizioni del Fiore d' oro. Milano 1981.

Come riconoscere l' arte islamica. Rizzoli, Milano 1979. Sta anche in: Essere e fare. Edizioni COOPLI-IULM, Milano 1984 e ss.

Trecento quartine di Rumi. (Introduzione, traduzione e note.) Prefazione di Halil Cin. Edizioni dell' UniversitÓ Islamica, Casamassima 1986.

Petali di un fiore sufi. Edizioni d'Arte Mantegazza, Milano 1987. Traduzione in tedesco con commento di Arpad Klein, Edizioni Coopli UniversitÓ IULM, Milano.

I caravanserragli turchi. Lucchetti Editore, Bergamo 1988.

Il Maestro di Konya. Sta in: Teatro Sufi. COOPLI Edizioni UniversitÓ IULM, Milano

Storia del parato ceramico nell' architettura islamica. In "Ca", ni 1-8. Faenza Editrice, Faenza 1990.

Mamma li Turchi. Lucchetti Editore, Bergamo 1990.

Storia dell' Harem. Rusconi, Milano 1991.

Il Corano senza segreti. Rusconi, Milano 1991 ed ediz. seguenti. Una edizione in poket-book, 1994.

Saggezza islamica; le novelle dei sufi. Edizioni Paoline, Milano 1995.

Storia del Sufismo. Rusconi, Milano 1995.

I moduli del parato ceramico nell' architettura dell' IslÓm. "Ca" ni 22-25. Faenza Editrice, Faenza 1995

I novantanove Nomi di Dio nel Corano. Edizioni San Paolo, Milano 1995.

R¨mý e il Sufismo. ILG, Gorle di Bergamo 1996.

Maometto, breviario (gli ahÓdýth del Profeta; storia, traduzione, studio critico e florilegio). Rusconi, Milano 1996.

La magia nell'IslÔm. Simonelli Editore, Milano1997.

Le parabole del Corano. Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 1988.

La saggezza dei Sufi: Rűmţ e altri maestri. (introduzione, traduzione e note.) Rusconi, Milano 1988.

Sufismo e poesia. Dodici poesie mistiche in arabo, con versione italiana a fronte. Edizione Confraternita dei Sufi Jerrahi-Halveti, Milano 2000.

L’alfabeto arabo. Mondadori, Milano 2000.

Sufismo e poesia. 44 poesie mistiche in italiano con versione a fronte in arabo. Edizione d’arte con 44 calligrafie di LassaÔd MÚtoui e CD con quattro poesie musicate da Lorenzo Palmeri. Confraternita dei Sufi Jerrahi-Halveti in Italia & Cooperativa Editrice Libraria UniversitÓ IULM, Milano 2001.

Maometto, il Profeta. Mondadori, Milano 2001.


"Il Dialogo - Periodico di Monteforte Irpino" - Direttore Responsabile: Giovanni Sarubbi

Registrazione Tribunale di Avellino n.337 del 5.3.1996