- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (229) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org “Addio Sasą. Bentivegna un eroe della Resistenza italiana”,di Ass.Naz.Ex Deportati Politici nei Campi Nazisti

“Addio Sasą. Bentivegna un eroe della Resistenza italiana”

di Ass.Naz.Ex Deportati Politici nei Campi Nazisti

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia – Comitato Provinciale di Roma e del Lazio

Comunicato Stampa

La camera ardente allestita presso la sala “Peppino Impastato” della Provincia di Roma sarà al pubblico il 4 aprile alle ore 10,30.

“La scomparsa di Rosario Bentivegna è una grossa perdita per l’Anpi, di cui era presidente onorario, per l’antifascismo e per il Paese. E’ stato un grande eroe della Resistenza italiana e un testimone straordinario della Memoria di quel periodo”. E’ quanto ha dichiarato l’Anpi Roma e Lazio in un comunicato stampa.

“Bentivegna - si legge nella nota - è stato uno dei principali protagonisti della Resistenza a Roma e nel Lazio, partecipando a numerose azioni contro i nazisti e i fascisti sia nella capitale, nell’ambito dei Gap comunisti, che in altre località della provincia (ad esempio sui Monti Prenestini). Ha poi coerentemente continuato in tutta la sua vita l’impegno in politica per la libertà e la democrazia e nel sindacato per la prevenzione della salute dei lavoratori e per migliori condizioni di lavoro, testimoniando sempre con determinazione e coraggio la sua netta contrarietà ad ogni tipo di violenza, terrorismo e integralismo religiosi o politici”.

“Bentivegna è stato un intellettuale di primo ordine, un giornalista impegnato, un medico sensibile, un sindacalista difensore dei deboli. Non va ricordato solo per via Rasella, che pure è stato il più efficace attacco partigiano compiuto in una capitale occupata dai nazisti e contribuì a mostrare agli uomini liberi di tutta Europa che i nazisti non potevano sperare di restare impuniti per i loro misfatti. L’Anpi difenderà in ogni sede la sua memoria e quella degli altri gappisti che parteciparono a quell’azione partigiana, che ciclicamente vengono ingiustamente accusati di aver compiuto un attentato e di viltà per non essersi consegnati. In realtà erano combattenti per la libertà”.

“La giustizia italiana, a tutti i livelli - conclude il comunicato dell’Anpi - ha sanzionato che l’azione di via Rasella fu un legittimo atto di guerra contro l’esercito occupante straniero, eseguito in pieno raccordo con il comando alleato, che non vi fu alcun invito da parte del Comando tedesco a consegnarsi  e che la rappresaglia fu eseguita da Kappler in tempi così rapidi (meno di 24 ore) che non vi sarebbe neppure stato il tempo di farlo. Il battaglione Bozen, obiettivo dell’attacco, era costituito da altoatesini di età compresa tra i 26 e i 43 anni che avevano optato per la nazionalità germanica, avevano scelto di far parte del corpo di polizia nazista delle SS ed attraversavano armati la città di Roma in violazione degli accordi”.

Il Partigiano ‘Sasà’, medaglia d’argento per la Resistenza, ha continuato a combattere per tutta la sua vita, come testimoniato nel suo ultimo libro, dove ricorda le sue battaglie, quelle vinte in tribunale contro le diffamazioni e le mistificazioni a mezzo stampa, non per difendere se stesso, ma il valore del contributo della Resistenza alla costruzione della pace e della democrazia.

Domani 4 aprile alle ore 10,30 sarà aperta al pubblico la camera ardente allestita presso la sala “Peppino Impastato” della Provincia di Roma.

Roma, 3 aprile 2012

ANPI Roma e Lazio - Casa della Memoria e della Storia, via S. Francesco di Sales 5 - 00165 ROMA

ANED 
Ass.Naz.Ex Deportati Politici nei Campi Nazisti
Sezione di Roma
Tel/fax 06.68804772 
roma@aned.it



Giovedģ 05 Aprile,2012 Ore: 15:44
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Testimoni del nostro tempo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info