- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (313) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org NUOVO MARTIRE PER LA CHIESA BRASILIANA.,di GIUSEPPE CAVALLINI, A CURA DI CARLO CASTELLINI.

Il 29 settembre scorso, nella cattedrale di Padova, č stato dato l’ultimo saluto a don RUGGERO RUVOLETTO, il missionario ucciso a MANAUS (BRASILE), il 19 settembre scorso. Ucciso con un solo colpo di pistola alla nuca, č divenuto testimone del Vangelo senza confini
NUOVO MARTIRE PER LA CHIESA BRASILIANA.

di GIUSEPPE CAVALLINI, A CURA DI CARLO CASTELLINI.

Il funerale č stato presieduto dal vescovo MONS. ANTONIO MATTIAZZO, attorniato da altri dieci vescovi provenienti dal BRASILE, da centinaia di sacerdoti e da una grande folla. La sera prima poi era stata organizzata in cattedrale una VEGLIA DI preghiera dal CENTRO MISSIONARIO DIOCESANO, DI CUI RUGGERO era stato Direttore dal 1995 al 2003.


    La bara semplice appoggiata per terra. Sopra una rosa bianca e il Vangelo aperto. DON RUGGERO RUVOLETTO, è stato salutato così da tantissima gente di cui era stato amico. Come accadde nel 1985 a PADRE EZECHIELE RAMIN, ucciso in RONDONIA, in un agguato mentre tornava da un’opera di pace, DON RUGGERO si è aggiunto alla schiera dei tanti martiri che la chiesa brasiliana conta tra le sue fila. Divers amente da PADRE LELE, crivellato lungo la strada, DON RUGGERO è stato colpito da un solo colpo di pistola alla nuca, sparato da alcuni giovani che conoscevano bene la sua opera a favore dei giovani emarginati di MANAUS, in AMAZZONIA. Nell’omelia, dopo avere accostato la figura del missionario ucciso a quella di SAN PAOLO , MONS. ANTONIO MATTIAZZO, ha voluto ricordare soprattutto l’attività svolta con grande generosità da don RUGGERO in favore dei poveri e degli emarginati.
      “Come ogni autentico missionario – ha detto – si era integrato con la gente, condividendone sacrificio e sofferenza, per offrire il bene più prezioso, Gesù e il suo vangelo”. PADRE ROGERIO, come lo chiamavano i suoi parrocchiani, era uno degli 800 missionari padovani sparsi nel mondo. La salma è stata sepolta nel cimitero di GALTA DI VIGONOVO, NEL Veneziano, dov’era nato. 52 anni sacerdote DIOCESANO ORIGINARIO DI VIGONOVO (VENEZIA), DON RUGGERO era partito nel luglio di 6 anni fa per il BRASILE,, come MISSIONARIO DELLA FIDEI DONUM, poi due anni fa, aveva raggiunto la periferia di MANAUS, un luogo di confine  tra la città e la foresta dove la criminalità è particolarmente aggressiva.
 
     “Era uomo e prete di animo buono, sereno, sempre sorridente, di una disponibilità totale” – ha affermato il vescovo, che ha poi rivolto il suo pensiero a “tutti i missionari che vivono il loro servizio, consapevoli di rischiare la vita per annunciare il Vangelo”. Ricevuta la notizia della morte violenta di DON RUGGERO, venne letto da DON VALENTINO SGUOTTI alla chiesa diocesana di PADOVA il seguente messaggio:”Il CENTRO MISSIONARIO DIOCESANO con gli animatori della Pastorale Missionaria di Padova, riuniti per l’assemblea diocesana missionaria, in cui si è ricordato DON RUGGERO RUVOLETTO, ringraziando il Signore per il dono della sua vita e del suo impegno, contraddistinto sempre da grande disponibilità, entusiasmo, passione, e generosità, esprimono coralmente e con viva fraternità la vicinanza alle sorelle GIULIANA, ROSANNA, VILMA, LUISA  e ai familiari tutti, e solidarietà a tutti i missionari, religiosi, laici, FIDEI DONUM della chiesa padovana, che operano nel mondo per annunciare il Vangelo, a servizio degli ultimi. L’esperienza di fede di DON RUGGERO, giunta fino al dono totale della vita, è testimonianza reale di quel “VANGRELO SENZA CONFINI” su cui proprio quest’anno invita a riflettere l’OTTOBRE MISSIONARIO. DON RUGGERO E’ TESTIMONE E MARTIRE di questo proclamare il Vangelo ai confini del mondo, senza confini di sorta”. (GIUSEPPE CAVALLLINI)    
 A CURA DI CARLO CASTELLINI


Domenica 22 Novembre,2009 Ore: 14:27
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Testimoni del nostro tempo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info