- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (647) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Profitti senza produzione      ,di Paul Krugman

Profitti senza produzione      

di Paul Krugman

Con una nota di Gianni Mula


New York Times - 21 giugno 2013

Gianni MulaNell’articolo che vi propongo Paul Krugman ritorna sul tema della “follia” della politica economica praticata in questo periodo da tutti, chi più chi meno, i governi del mondo occidentale. Aveva già trattato questo tema in termini essenzialmente politici ne Le marce della follia, al termine del quale aveva scritto:
“Quello che dovremmo aver imparato dal nostro fallimento in Iraq è che si dovrebbe sempre essere scettici e che non bisognerebbe mai fare affidamento su presunte autorità. Quanto si sente dire che "tutti" sostengono una certa politica, che si tratti di una guerra che si sceglie di fare o di austerità fiscale, ci si dovrebbe chiedere se "tutti" non significhi significa “tutti, tranne chi ha un parere diverso”. E gli argomenti di politica dovrebbero sempre essere valutati nel merito, non sulla base dell’autorità di chi li esprime; ricordate quando Colin Powell ci rassicurò sull’esistenza delle armi di distruzione di massa irachene?
Purtroppo, come ho detto, non sembra che abbiamo imparato la lezione. Ci riusciremo mai?”
Ora Krugman, visto che nemmeno la storia sembra indurre i governi a scegliere linee d'azione meno distruttive, passa ad argomenti più concreti (ma anche di più lunga portata) di quelli usati in precedenza. Infatti, pur ribadendo la necessità e l’urgenza di adottare una politica monetaria e fiscale espansiva, almeno sino a quando la recessione economica non sia superata, analizza la trasformazione radicale che l'economia del mondo sviluppato sta attraversando: da beni il cui prezzo è direttamente legato ai costi di produzione e distribuzione a beni il cui prezzo è quasi interamente determinato da logiche speculative. L’analisi di Krugman non è moralistica: infatti non fa leva sul fatto (che sarebbe moralmente inaccettabile) che per questo tipo di beni la gran parte dei profitti non premi né lavoro né qualche particolare capacità. Constata invece che nella situazione così generata i detentori di ingenti capitali possono benissimo non avere incentivi a reinvestire nella propria attività economica, visto che i profitti non dipendono da miglioramenti o innovazioni. Detto brutalmente: se la gran parte dei miei profitti dipende dalle rendite chi me lo fa fare a rischiare il mio capitale in prodotti e processi innovativi?
Abbiamo trovato così una ricetta garantita per far durare in eterno questa crisi, a meno che le persone normali (il 99%) non si sveglino e decidano che questo sistema gioca con carte truccate a favore dell’1%. Ma per questo possa avvenire sono forse necessarie le provocazioni intellettuali alla Derrida di cui ho parlato nel post Si può essere in ritardo per la fine della storia?
Buona lettura!
Gianni Mula


New York Times - 21 giugno 2013

Profitti senza produzione

Paul Krugman

I recenti problemi economici ci hanno ricordato l'utilità della storia. All’inizio di questa crisi gli economisti di Harvard Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff - purtroppo diventati famosi per il loro lavoro peggiore - pubblicarono un brillante libro dal titolo sarcastico "Questa volta è diverso", che sosteneva la tesi che tra le crisi economiche c’è una forte somiglianza. Infatti, i paralleli storici - non solo con gli anni 1930, ma col Giappone degli anni 90, la Gran Bretagna degli anni 20 e altri - sono stati guide vitali per il presente.

Eppure le economie cambiano nel tempo, e talvolta in modo fondamentale. Quindi, che cosa c’è di veramente diverso nell’America nel XXI secolo?

Direi che la risposta più significativa è la crescente importanza delle rendite di monopolio: i profitti non rappresentano più i ritorni sugli investimenti, ma riflettono invece il valore della posizione dominante sul mercato. A volte la posizione dominante sembra meritata, a volte no, ma in entrambi i casi l'importanza crescente degli rendite di posizione sta producendo un nuovo scollamento tra profitti e produzione e può essere un fattore che prolunga la crisi.

Prendiamo in considerazione, ad esempio, le differenze tra due aziende simbolo di due epoche diverse: General Motors degli anni 1950 e 1960, e Apple oggi.

Nel suo periodo di massimo splendore General Motors aveva un grande di potere di mercato. Ma il suo valore veniva in gran parte dalla sua capacità produttiva: possedeva centinaia di fabbriche e dava lavoro a circa l'1 per cento della forza lavoro totale non agricola.

Il legame di Apple col mondo materiale è invece molto più sfumato. È la società americana di maggior valore, (oppure la seconda, dipende dalle oscillazioni della borsa) ma impiega meno dello 0,05 per cento dei nostri lavoratori. Questo fatto è in buona parte dovuto all’esternalizzazione di quasi tutta la sua produzione all'estero. Ma i cinesi non stanno facendo molto denaro dalla vendita di prodotti Apple perché, in larga misura, il prezzo che si paga per un iPad, o iPod ecc., è scollegato dal costo di produzione dell’oggetto. Nello stabilire il prezzo Apple bada semplicemente a massimizzare il profitto che ne può trarre, e, data la forza della sua posizione di mercato, di solito ci riesce.

Qui non sto dando un giudizio morale. Ad esempio si può sostenere che Apple si è guadagnata la sua posizione di forza - anche se non sono sicuro che molti farebbero una simile affermazione per Microsoft, che pure ha fatto enormi profitti per molti anni. E probabilmente nessuno lo farebbe per il settore finanziario, che è anch’esso caratterizzato da ciò che assomiglia molto a rendite di monopolio, e in questi giorni assorbe circa il 30 per cento del totale dei profitti aziendali. In ogni caso, che le società meritino o meno il loro status privilegiato, quando i profitti di un’azienda ne riflettono il potere di mercato, anziché quello produttivo, l'economia è influenzata, e non in senso buono.

Ecco un esempio. Come molti economisti hanno sottolineato di recente, il vecchio mito che le crescenti differenze di reddito corrispondono a crescenti differenze di capacità, ha perso oggi qualsiasi rilevanza abbia avuto in precedenza. Dal 2000 in poi c’è stato invece, in generale, un forte spostamento nella distribuzione del reddito, dai salari a favore dei profitti. Ma c’è un problema: dato che i profitti sono alti, mentre gli oneri finanziari sono bassi, perché non assistiamo a un boom di investimenti aziendali? E no, la risposta non è che non si fanno investimenti perché Obama ha ferito i sentimenti degli uomini d’affari o perché la gente è terrorizzata dalla prospettiva dell’assicurazione sanitaria universale.

La risposta è che il problema scompare se l'aumento dei profitti riflette le rendite, non i ritorni sugli investimenti. In questo caso un monopolista può, dopo tutto, far grandi profitti e non vedere alcun buon motivo per espandere la propria capacità produttiva. E Apple ancora una volta fornisce un esempio calzante: fa altissimi profitti, ma nonostante questo mare di contante non sente alcun bisogno di reinvestire nella propria attività.

O, per dirla in modo diverso, l’aumento delle rendite monopolistiche può avere, e probabilmente ha avuto, l'effetto di deprimere contemporaneamente sia i salari che le aspettative di ritorno degli investimenti.

Si può sospettare, con ragione, che questo non sia un bene per l'economia in generale. Se al lavoro va una quota sempre minore del reddito nazionale il reddito delle famiglie, e quindi la loro capacità di spesa, si contrae. Contemporaneamente le imprese, nonostante l'impennata dei profitti, sono poco incentivate​​ a investire. il risultato è una ricetta per una domanda costantemente depressa. Questo non è l'unico motivo della debolezza della nostra ripresa - dopo le crisi finanziarie i recuperi sono di norma deboli - ma è probabilmente un fattore che a questa debolezza contribuisce.

Giusto per essere chiari, niente di ciò che ho detto rende irrilevanti le lezioni della storia. In particolare, l'allargarsi dello scollamento tra profitti e produzione non rende meno necessaria una politica monetaria e fiscale espansiva, almeno fino a quando l'economia rimane depressa. Ma l'economia sta cambiando, e in futuro cercherò di dire qualcosa su ciò che questi cambiamenti significano in termini politici.

(Traduzione di Gianni Mula)




Sabato 22 Giugno,2013 Ore: 16:16
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Scienza e Umanita'

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info