- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (272) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Una ventina di sacerdoti ugandesi forma setta separatista dei chierici sposati,

Preti sposati
Una ventina di sacerdoti ugandesi forma setta separatista dei chierici sposati

Traduzione di Stefania Salomone


Catholic Information Service for Africa.

La setta è capitanata dall'ex prete cattolico Luciano Anzanga Mbewe, che venne scomunicato per aver fondato la Chiesa Cattolica Apostolica Nazionale dello Zambia, che prevede anch'essa la presenza di preti sposati.

Secondo la CISA, la chiesa separatista d'Uganda è basata nella città orientale di Jinja. E' previsto che Mbewe si rechi in città per lanciare ufficialmente la nuova chiesa e ordinare nuovi preti, secondo il Rev. Leonard Lubega, eletto vescovo del gruppo dallo stesso Mbewe.

Mbewe ha spiegato di essersi ispirato all'ex archivescovo dello Zambia, Emmanuel Milingo, so in matrimonio nel 2001 con una donna sud-coreana dal Rev. Sun Myung Moon della Chiesa dell'Unificazione.

L'arcivescovo Milingo è stato scomunicaato nel 2006 dopo aver consacrato quattro vescovi sposati negli Stati Uniti. Nel dicembre 2009 è stato ridotto allo stato laicale e interdetto alle funzioni ministeriali.

Lubega afferma che la nuova setta ugandese conta più di 12.000 seguaci.

"Siamo cattolici, ma non romani", ha dichiarato alla CISA, aggiungendo che la nuova chiesa non risponde a papa Benedetto XVI, ma che lo riconosce e prega per lui.

Lubega non è mai stato ordinato prete cattolico in Uganda, mentre un altro prete del gruppo, Fr. Matoyu Seguya, era prete ortodosso a Mityana, anch'egli mai cattolico.

Il governo ugandese ha dichiarato di avere in corso indagini sulla setta e di volerla bandire se venisse dichiarata illegale. La chiesa  ha protestato col governo. L'arcivescovo di Kampala, Cyprian Kizito Lwanga, ha esortato il governo a non riconoscere questo gruppo di rinnegati, dicendo che potrebbe creare confusione tra gli ugandesi e "portare conflitti religiosi".

Il cardinale Emmanuel Wamala, arcivescovo emerito di Kampala, ha descritto la Chiesa Apostolica Nazionale come un gruppo di "falsi profeti".

"Non conosco questi cosidetti preti e la chiesa non dovrebbe temerli", ha riferito alla CISA. "In Uganda ci sono spesso persone del genere che vanno e vengono. Avverto sempre gli ugandesi di non seguire né ascoltarle poiché intendono dividere la chiesa".

Ha detto che in due millenni la Chiesa Cattolica è stata attaccata da gruppi del genere ma non ne ha  mai risentito.

Il rispetto del celibato obbligatorio è sempre stato un problema in Africa, che ha il tasso di crescita maggiore nella popolazione cattolica. Ci sono stati alcuni casi di preti africani che vivevano con donne alla luce del sole, e che avevano figli.

Il celibato è stato un tema di discussione chiave durante il Sinodo Africano del 2009.

La dottrina cattolica sostiene che i preti non possono sposarsi. Uomini sposati possono essere ordinati con rito cattolico orientale e in alcuni casi clero sposato protestante si converte al cattolicesimo. 

_________________________

Testo originale

Twenty Ugandan priests form breakaway sect of married clerics

.- Twenty priests in Uganda have formed a breakaway sect which does not require celibacy. The priests, who are either married or want to marry, have formed a body called the Catholic Apostolic National Church in Uganda. Vatican officials said the priests are now considered outside the Catholic Church and would likely be excommunicated, the Catholic Information Service for Africa (CISA) reports.

The sect is headed by a former Zambian Catholic priest Rev. Luciano Anzanga Mbewe, who was excommunicated for founding the Catholic Apostolic National Church of Zambia, which allows married priests.

According to CISA, the breakaway Ugandan church is located in the eastern town of Jinja. Mbewe is expected to visit the town to officially launch the church and ordain new priests, according to Rev. Leonard Lubega, who Mbewe appointed bishop-elect of the group.

Mbewe explained that he was inspired by former Zambian archbishop Emmanuel Milingo, who was married in 2001 to a South Korean woman by the Rev. Sun Myung Moon of the Unification Church.

Archbishop Milingo was excommunicated in 2006 after installing four married men as bishops in the United States. In December 2009 he was defrocked and stripped of his priestly functions.

Lubega claims the new Ugandan sect has over 12,000 followers.

''We are Catholics but not Roman Catholics,” he told CISA, adding that the new church is not under Pope Benedict XVI but recognizes him and prays for him.

Lubega was never ordained a Catholic priest in Uganda while another priest in the group, Fr. Matoyu Seguya, was an Orthodox priest in Mityana but never a Catholic priest.

The Uganda government has said it is investigating the sect and would ban it if it is found to be illegal. The church has registered with the government.

Archbishop of Kampala Cyprian Kizito Lwanga called on the government to avoid registering such renegade groups, saying they might cause confusion among Ugandans and can “bring about religious conflicts.”

Cardinal Emmanuel Wamala, archbishop emeritus of Kampala, described the Catholic Apostolic National Church as a group of “false prophets.”

“I don’t know these so-called priests, and the Church should not be scared,” he told CISA. “Many such people have emerged in Uganda and gone. I advise Ugandans neither to follow nor listen to them because they intend to divide the church.”

He said that over two millennia the Catholic Church has withstood the emergence of such groups before and has not been shaken.


 

Maintaining clerical celibacy is reportedly a problem in Africa, which has the world’s fastest-growing Catholic population. There have been several cases of African priests living openly with women and fathering children.

Celibacy was a key topic of discussion during the 2009 Synod for Africa.

Catholic teaching holds that priests cannot marry. Married men may be ordained in the Eastern rites of the Catholic Church and in some cases when married Protestant clergymen convert to Catholicism.



Marted́ 12 Gennaio,2010 Ore: 10:34
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Pretisposati si' grazie!

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info