- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (308) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org SULLE OSSERVAZIONI E I RICHIAMI DELL’ONU AL VATICANO,ASSOCIAZIONE SORDI ‘ANTONIO PROVOLO’ ONLUSVERONA

Pedofilia clericale
SULLE OSSERVAZIONI E I RICHIAMI DELL’ONU AL VATICANO

ASSOCIAZIONE SORDI ‘ANTONIO PROVOLO’ ONLUS
VERONA

COMUNICATO
E’ doveroso da parte nostra ringraziare il Comitato ONU sui Diritti dell’ Infanzia di Ginevra, il suo presidente sig.ra Kirsten Sandberg, la sig.ra Maria Rita Parsi, membro del Comitato e la sig.ra Sue Cox, presidente dell’Ong Survivor’s Voice Europe, per la precisione e la puntualità con le quali è stata portata avanti l’opera di verità sui crimini di pedofilia della Chiesa cattolica.
Un piccolo contributo è stato da noi dato con il colloquio, sollecitato dall’ONU, che abbiamo avuto a Milano il 20 gennaio 2012 presso l’Università Bicocca, con lo special reporteur sig.ra Rashida Manjoo, incaricata di far luce su fatti di pedofilia e violenze alle donne avvenute in Italia.
Possiamo rendere noto che abbiamo scritto, in data 31 dicembre 2013, a Papa Francesco chiedendo un incontro e siamo in attesa di risposta.
Infine è del tutto evidente che se la Santa Sede, in particolare Papa Francesco e Papa Benedetto XVI (non il cardinale Ratzinger quando era Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede), abbiano detto parole chiare, la CEI fa orecchie da mercante (del Tempio) alla richiesta di istituire una commissione di inchiesta indipendente che abbia accesso agli archivi segreti delle Diocesi italiane come peraltro accaduto in altre parti del mondo (America, Irlanda, Belgio), richiesta già da tempo da noi inoltrata in collaborazione con l’on. Maurizio Turco.
Vogliamo solo sommessamente fare presente che quanto detto dall’ONU in relazione all’allontanamento dalla Chiesa dei preti coinvolti e sospettati di abusi sessuali su minori rispecchia esattamente quanto a noi espressamente richiesto.
Per quanto riguarda il caso Provolo, i preti, nonostante siano stati riconosciuti colpevoli dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, sono ancora al loro posto.
Associazione Sordi “Antonio Provolo” e gli ex allievi dell’Istituto Provolo vittime degli abusi
Verona, 06 febbraio 2014

 



Giovedì 06 Febbraio,2014 Ore: 22:50
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
La questione dei preti pedofili

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info