- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (301) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org LETTERA A TE, VITTIMA DI UN PRETE PEDOFILO,

LETTERA A TE, VITTIMA DI UN PRETE PEDOFILO

COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO “LACOLPA” VITTIME DEI PRETI PEDOFILI


Le trasmettiamo una Lettera destinata alle vittime di abusi sessuali da parte di sacerdoti.
E’ una lettera invito per un incontro che si terrà a Verona il 25 settembre 2010.
L’incontro avrà luogo presso una sala del Palazzo della Gran Guardia in piazza Bra.
Dalle ore 9,30 alle 10,30 ci sarà spazio per gli organi di informazione.
Dalle ore 10.30 alle 13,00 il confronto sarà riservato alle vittime con richiesta di tutela della privacy. Saranno allestiti tavoli con materiali di approfondimento sul problema e saranno esposti lavori artistici degli ex alunni dell’Istituto Sordi Provolo di Verona.
Le saremmo grati se diffondesse la Lettera di invito e se ci comunicasse la Sua partecipazione.
Cordiali saluti.
Per il gruppo “La Colpa”.
Salvatore Domolo     cell. 339 5263632
Marco Lodi Rizzini   cell. 348 4200949
 
  
LETTERA A TE, VITTIMA DI UN PRETE PEDOFILO
 
Caro amico o cara amica,
anche Tu, come noi sei la vittima di un prete che Ti ha abusato sessualmente.
Già solo dirlo e scriverlo diventa pesante.
Quanti sentimenti. Vergogna, rabbia, paura, sensi di colpa.
E quanti silenzi. Con sé stessi, con i familiari, con amici e colleghi.
Lui però Te lo ricordi bene, e Ti ricordi bene anche tutte le volte che Ti si è avvicinato.
Lo stimavi, tutti lo stimavano. Quando ne approfittava non capivi, non capivamo,eravamo confusi.
Pensavamo di essere noi sporchi e cattivi. E siamo rimasti segnati per sempre.
Con quante fatiche, con quante fragilità e traumi abbiamo convissuto.
Solo dopo, da grandi, abbiamo compreso che era un “porco”. Che era lui il cattivo e il carnefice.
Che la colpa era sua.
Solo dopo abbiamo capito che non aveva approfittato solo di noi, ma di chissà quanti altri. Che si sapeva del suo vizio, della sua depravazione.
Alcuni di noi avevano avuto la forza o l’innocenza di rivelarlo a casa o con gli amici o in parrocchia o in collegio. E’ stato un altro dramma. Non si poteva parlarne apertamente, ci spiegavano che erano fantasie morbose, che bisognava tacere. Ancora una volta eravamo noi a sbagliare.
Solo dopo, da grandi, abbiamo capito che nella chiesa non si poteva accusare un sacerdote per aver abusato di un bambino. Che tutto veniva coperto. Che lui era stato trasferito ad altra destinazione, con altri bambini.
In questi mesi tutti i giornali parlano di noi. Ma noi continuiamo a non parlare.
Abbiamo vergogna, ci sentiamo impotenti. Sono passati tanti anni, meglio lasciare perdere. Abbiamo già sofferto e pagato tanto.
Lui, il nostro carnefice magari è morto o vecchio, ma nessuno lo ha mai accusato. Oppure è ancora con altri bambini in Italia o in missione. E come lui altri preti pedofili proseguono la loro caccia.
Sanno che il ruolo e l’autorità li favoriscono nel trovare le prede e nell’essere protetti.
La chiesa italiana riconosce che esiste il problema della pedofilia al proprio interno, ma sembra che non esistano i preti pedofili. Quando si fanno i nomi tutto diventa incerto, impronunciabile.
In altre nazioni le vittime di abusi sessuali da parte di persone consacrate si sono riunite. Hanno iniziato a parlarsi e a denunciare. In alcuni stati sono state istituite commissioni indipendenti, alcune individuate dai governi . Le vittime sono state ascoltate, tutelate anche legalmente.
In Italia il percorso di riconoscimento è complicato, una parete verticale . Ognuno di noi ne ha sperimentato le difficoltà. Ma sappiamo e sentiamo di essere in tanti. E aspiriamo a una qualche giustizia.
Alcune vittime come Te hanno deciso di tentare un collegamento.
Abbiamo formato un gruppo di coordinamento, stiamo allestendo un sito www.lacolpa.it, e abbiamo organizzato un incontro.
A Verona il 25 settembre ci si ritroverà per uno scambio di esperienze e per valutare come agire a favore delle vittime dei preti pedofili in Italia .
Non è facile muoversi e aver voglia di parlare, ma pensiamo sia utile per Te e per tutti noi.
Il 25 settembre ci saranno dei momenti riservati, con tutela della privacy, alle vittime e ai loro familiari. Ai giornalisti che hanno richiesto di partecipare dedicheremo uno spazio apposito.
E’ la prima occasione in Italia. La Tua presenza sarebbe proprio importante.
Per informazioni o contatti:
Salvatore Domolo   cell. 339 5263632
Marco Lodi Rizzini cell. 348 4200949
 



Venerdì 30 Luglio,2010 Ore: 15:15
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
La questione dei preti pedofili

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info