- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (292) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Cominciamo dal disarmo... le proposte della nonviolenza,di Movimento nonviolento

Cominciamo dal disarmo... le proposte della nonviolenza

di Movimento nonviolento

Congresso del Movimento Nonviolento. Torino, 31 gennaio – 2 febbraio 2014


Cominciamo dal disarmo... le proposte della nonviolenza.
E' questo il tema del 24° Congresso nazionale del Movimento Nonviolento, che si terrà a Torino dal 31 gennaio al 2 febbraio 2014. Un momento importante di riflessione ed organizzazione per tutti gli amici e le amiche della nonviolenza che vedono nel Movimento Nonviolento, fondato da Aldo Capitini nel 1961, un punto di riferimento.
La politica del disarmo e per il disarmo è una delle direttrici di azione del Movimento Nonviolento che da più di 50 anni opera nel nostro paese. L'opposizione integrale alla guerra e alla sua preparazione (cioè opposizione a tutti gli eserciti e alla produzione di armi), e dunque la scelta del disarmo unilaterale, per il Movimento Nonviolento è l'unica strada per dare vera attuazione all'articolo 11 della Costituzione itaiana, che “ripudia la guerra”; e se la difesa della patria è “sacro dovere” per ogni cittadino (art. 52 della Costituzione), c'è assoluta urgenza di finanziare ed organizzare una “difesa civile”, non armata e nonviolenta, che sappia neutralizzare i veri nemici che oggi minacciano l'integrità e le fasce deboli della nostra comunità: la povertà, la disoccupazione, l'insicurezza.
Le enormi spese impiegate per mantenere la difesa armata del nostro Paese, oltre 25 miliardi di euro, sono sottratte direttamente ai diritti essenziali della nostra vita – il diritto al lavoro, alla casa e all'istruzione, le protezioni sociali e sanitarie, l'ambiente, l'aria, l'acqua, la legalità e la partecipazione, la convivenza civile e la pace- dunque le armi anche se non utilizzate stanno già uccidendo e togliendo il futuro alle nuove generazioni.
Dal congresso nonviolento di Torino verrà lanciata anche l'iniziativa “Arena di pace e disarmo” che il 25 aprile 2014 vedrà riunito nell'anfiteatro di Verona l'intero popolo della pace, associazioni laiche e religiose, singole persone, per convergere in una comune capagna per il “disarmo militare e la difesa civile”.
I lavori del Congresso si articoleranno in quattro commissioni di lavoro (disarmo/difesa, diritti/doveri, democrazia/politica, decrescita/semplicità volontaria) e saranno preceduti da un dibattito pubblico su “L'Europa che vogliamo” nel corso del quale si affronteranno anche le questioni legate alla difesa eurpea e alla proposta dei corpi civili europei di pace.
A conclusione dei tre giorni torinesi, aperti a tuti gli interessati, verranno eletti gli organi rappresentativi ed esecutivi del Movimento Nonviolento.
Movimento Nonviolento
www.nonviolenti.org
Verona
via Spagna, 8
15 gennaio 2014

24° CONGRESSO NAZIONALE del MOVIMENTO NONVIOLENTO
COMINCIAMO DAL DISARMO
le proposte della Nonviolenza
TORINO, 31 GENNAIO / 1-2 FEBBRAIO 2014
Sala Gabriella Poli c/o Centro Studi Sereno Regis
Via Garibaldi 13
Programma
Venerdì 31 gennaio:
- ore 15,30 Percorsi di Pace
(visita guidata di alcune tappe della città)
- ore 18,00 “L’Europa che vogliamo” disarmo, difesa, diritti, democrazia...
Roberto Burlando (economista), Francesco Vignarca (RID), Paolo Bergamaschi (funzionario Parlamento europeo), Roberto Palea (Mfe), saranno intervistati da Mao Valpiana
a seguire buffet conviviale
Sabato 1 febbraio:
- ore 10,00 accoglienza
- ore 10,15 insediamento Presidenza (P. Racca, R. Mendolia, P. Pugliese, M. Valpiana)
e saluto di Nanni Salio del Centro Sereno Regis
- ore 10,30 relazione della segreteria (Pasquale Pugliese) e della presidenza (Mao Valpiana)
- ore 11,30 interventi e dibattito sulle relazioni
- ore 13 pausa pranzo
- ore 15,00 ripresa lavori, interventi, formazione delle commissioni
- ore 16,00 lavori delle commissioni
  1. Diritti/doveri (Daniele Taurino)
  2. Disarmo/difesa (Massimiliano Pilati)
  3. Democrazia/politica (Elena Buccoliero)
  4. Decrescita/semplicità volontaria/stili di vita (Raffaella Mendolia)
- ore 21,30 proiezione del docu/film
“in marcia”. 50 anni del Movimento Nonviolento, di Roberto Rossi e Roberta Mani
Domenica 2 febbraio
- ore 9 presentazione dei lavori delle commissioni, dibattito, presentazione mozioni
- ore 11 votazione delle mozioni congressuali, nomine e adempimenti.
- ore 14 termine e chiusura del 24° congresso nazionale

INDICAZIONI LOGISTICHE PER IL CONGRESSO
Il 24° congresso del Movimento Nonviolento si svolgerà a Torino nei giorni 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2014.
Luogo: il congresso si terrà nei locali del Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi 13 – 10122 Torino – Tel. 011 532824. Siamo nel centro storico di Torino, zona pedonale, non accessibile alle auto.
Come arrivare: in treno dalle stazioni di Torino Porta Nuova (autobus 11 o tram 4); da Torino Porta Susa (tram 13 o autobus 56). A piedi da entrambe le stazioni 15 minuti. Per chi arriva in auto (autostrada da Piacenza) consigliamo di lasciarla parcheggiata in piazza Caio Mario e proseguire con il tram 4. Per chi arriva in auto (autostrada Milano) consigliamo di lasciarla nei parcheggi all’uscita dell’autostrada e proseguire con il tram 4. I parcheggi in centro sono tutti a pagamento.
Pernottamenti:
- in albergo (prezzi da 70-75 euro camera doppia) vicino alla stazione di Torino Porta Nuova: Albergo Bologna – C.so Vittorio Emanuel 60 - 011 5620193; Albergo Roma – P.za Carlo Felice 60 – 011 5612772 questo albergo offre anche “camere turistiche” a 60 euro; Hotel Ibis Styles (011 5620653). Per le camere singole i prezzi sono 45-55 euro.
- in ostello: open 11 – C.so Venezia 11 (011 250535), camere con bagno: doppie euro 49, triple euro 58, quadruple euro 74. Camera doppia uso singola euro 35. Posto letto in camera collettiva euro 19,50. La dotazione di asciugamani (facoltativa) costa 2,50 euro.
Sito web dell’ostello: www.cooperativadoc.it
Dall’ostello alla sede del congresso autobus 11 (frequenza ogni 12 minuti – tempo di percorrenza 10 minuti). L’ostello è raggiungibile dalla stazione di Torino Porta Nuova con l’autobus 11 e dalla stazione di Torino Porta Susa con l’autobus 10, fermata stazione Dora GTT; dall’aeroporto di Torino con il treno GTT. In auto possibilità di parcheggio nelle vie adiacenti.
- alberghi vicino alla sede del congresso (prezzi da 70-90 euro camera doppia): Le petit hotel (011 5612626); Hotel Dogana Vecchia (011; 4366752).
Antico Distretto, dista 1 Km. (camere doppie 60 euro) Tel. 011 5213713.
Per tutte queste soluzioni potete prenotare con booking.com o venere.com a prezzi spesso più convenienti che non l’accesso diretto.
- in sede potete dormire gratuitamente con il vostro sacco a pelo e materassino.
Pasti:
I pasti saranno liberi in quanto nelle vie adiacenti la sede congressuale ci sono molte possibilità di pranzare con 8-10 euro.
Trasporti in città: il biglietto di trasporto urbano costa euro 1,50 vale 90 minuti, il biglietto giornaliero costa euro 5 e vale 24 ore, il biglietto 2 giorni costa euro 7,50 e vale 48 ore, il biglietto 3 giorni costa euro 10 e vale 72 ore. I biglietti si acquistano nelle edicole, tabaccai, bar.



Mercoledì 15 Gennaio,2014 Ore: 18:55
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Pace dal basso

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info