- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (385) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org ALDO CAPITINI: CINQUE PRINCIPI,

Educazione alla pace
ALDO CAPITINI: CINQUE PRINCIPI

[Da Aldo Capitini, Scritti sulla nonviolenza, Protagon, Perugia 1992, pp. 244-245, riprendiamo il testo dei cinque "principi" contenuti, insieme a dieci "applicazioni concrete", nella "mozione del popolo per la pace" letta e approvata a conclusione della Marcia svoltasi da Perugia ad Assisi domenica 24 settembre 1961.
Biografia di Aldo Capitini ]

Primo - Nell'idea di "fratellanza dei popoli" si riassumono i problemi urgenti di questo tempo: il superamento dell'imperialismo, del razzismo, del colonialismo, dello sfruttamento; l'incontro dell'Occidente con l'Oriente asiatico e con i popoli africani che aspirano con impetuoso dinamismo all'indipendenza; la fratellanza degli europei con le popolazioni di colore; l'impianto di giganteschi piani di collaborazione culturale, tecnica, economica.
Secondo - Per preparare la pace durante la pace e' necessario diffondere nell'educazione e nei rapporti con tutti a tutti i livelli, una capacita' di dialogo, una sincera apertura alla coesistenza ed alla pacifica competizione di ideologie e di vari sistemi politici e sociali, nel comune sviluppo civile, ed affermare il lavoro come elemento costruttivo fondamentale.
Terzo - La pace e' troppo importante perche' possa essere lasciata nelle mani dei soli governanti; e' percio' urgente che in ogni nazione tutto il popolo abbia il modo di continuamente e liberamente informarsi, e sia convocato frequentemente ad esprimere il proprio parere.
Quarto - Nel pericolo che la pace sia spezzata da una guerra immane, e' urgente l'unione di tutti coloro che nel mondo sono disposti a resistere alla guerra.
Quinto - L'umanita' e' giunta al punto che e' in grado di apprezzare altamente un tipo di educazione aperta, rinnovatrice delle strutture legate a privilegi e pregiudizi, una educazione eroicamente nonviolenta.

TELEGRAMMI DELLA NONVIOLENZA IN CAMMINO
Numero 656 del 23 agosto 2011
Telegrammi della nonviolenza in cammino proposti dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo a tutte le persone amiche della nonviolenza
Direttore responsabile: Peppe Sini. Redazione: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac@tin.it, sito: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/



Marted́ 23 Agosto,2011 Ore: 19:38
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Educazione alla pace

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info