- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (298) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org "Incontriamoci per abbattere insieme i muri del pregiudizio",di GionataNews

Quattro gruppi di cristiani omosessuali cattolici e evangelici scrivono ai loro pastori:
"Incontriamoci per abbattere insieme i muri del pregiudizio"

di GionataNews

“Basterebbe poco per non far andare via un ragazzo omosessuale dalla propria chiesa. Basterebbe una mano tesa, un sorriso, una parola che lo faccia sentire voluto, amato, che non lo facciano vergognare della sua identità” perchè  “l’omofobia non è solo violenza fisica, sono parole non dette, abbracci non dati, in società, in famiglia, ma anche nella sua chiesa”.
In vista della Giornata mondiale contro l’omofobia (17 maggio 2010), alcuni gruppi di credenti omosessuali cattolici ed evangelici di Roma, Milano, Firenze e Palermo hanno scritto ai parroci e ai pastori evangelici delle loro città chiedendo d'incontrali per confrontarsi con loro e a pregare con loro, vincendo il pregiudizio radicato perchè “Ci sentiamo parte di questa Chiesa – scrivono i cristiani omosessuali di Nuova Proposta di Roma –, popolo di Dio in cammino, nonostante molti di noi siano ancora oggi emarginati, costretti a nascondersi e a vivere una vita di ipocrisia”.
Poiché, aggiunge il gruppo Kairòs di Firenze “anche nelle nostre comunità ‘cristiane’ sono ancora troppi gli episodi di omofobia sociale, di violenza fisica e morale, di disperazione a cui sono sottoposti molti fratelli e sorelle omosessuali... Una situazione che rappresenta uno scandalo per tutta la cristianità”.
Invece il gruppo Ali d’Aquila di Palermo si rivolge ai “pastori che vorrebbero conoscere e capire di più” sul cammino dei cristiani omosessuali raccontando il percorso del loro gruppo nella parrocchia San Francesco Saverio di Palermo e la loro piena integrazione nelle attività e nelle celebrazioni comunitarie.
Perché, come scrive il gruppo evangelico del Varco-Refo di Milano, “È tempo di vegliare nelle nostre chiese per fare memoria del ‘peccato dell’omofobia’” e unirsi “nella preghiera e nell’azione affinché nelle nostre Chiese e nella società vengano meno le discriminazioni, l’esclusione e tutte le violenze fisiche e verbali nei confronti delle persone omosessuali e transessuali” per trasformare "le nostre chiese in un luogo aperto e accogliente per tutti”.

 
Lettere in cerca di destinatario. Parole, speranze e richieste che dal 10 al 17 maggio 2010 risuoneranno nelle tante veglie per le vittime dell’omofobia che i gruppi di cristiani omosessuali organizzeranno in numerose chiese evangeliche ed anche in alcune parrocchie cattoliche italiane perchè "Chi ci separerà dunque dall'amore di Cristo?" (Romani 8,35) 

 

 

 
Le veglie ecumeniche contro il “peccato dell’omofobia”. Qualcosa stà cambiando! Articolo di Giampaolo Petrucci tratto da Adista Notizie n. 37 del 8 Maggio 2010
Il 17 maggio 1990, l’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) riconosceva che l’omosessualità non può essere considerata una patologia psicologica.
Per questa ragione, dal 2007, la data del 17 maggio è stata scelta per celebrare la “Giornata mondiale contro l’omofobia”. E sempre da quattro anni, nella settimana che precede la ricorrenza, in tutta Italia si celebrano veglie ecumeniche di preghiera in ricordo delle vittime della violenza omofobica.
Gentile parroco, i cristiani omosessuali di Nuova Proposta vogliono incontrarla per infrangere insieme i muri del pregiudizio. Lettera inviata ai parroci romani da Nuova Proposta l'8 aprile 2010
Gentile parroco, forse si ricorderà di noi: siamo le donne e gli uomini dell'associazione "Nuova Proposta”, omosessuali cristiani di Roma. Le scriviamo anche quest’anno, sempre più convinti che solo il dialogo e l’informazione riusciranno a sconfiggere il pregiudizio e a favorire il confronto e la riconciliazione.Ci sentiamo parte di questa Chiesa, popolo di Dio in cammino, nonostante molti di noi siano ancora oggi emarginati, costretti a nascondersi e a vivere una vita di ipocrisia.

Cari Pastori. I cristiani omosessuali del gruppo Kairos di Firenze vi scrivono...
Lettera inviata dal gruppo Kairos di Firenze ai parroci cattolici ed ai pastori evangelici delle chiese fiorentine il 29 aprile 2010
Siamo un gruppo di donne e uomini che, dal 2000, si ritrovano a Firenze per condividere un cammino spirituale e umano, per confrontarsi sulla Parola di Dio, per pregare e dialogare. La maggior parte di noi sono cattolici, altri appartengono a diverse confessioni cristiane.
 
A Palermo i gay e lesbiche del gruppo Ali d'Aquila scrivono ai sacerdoti palermitani. Lettera inviata dal Gruppo Ali d'Aquila di Palermo l’8  aprile 2010, presentazione della lettera di Roberto del gruppo palermitano
Carissimi, vorrei condividere con voi tutti, l'iniziativa che il mio Gruppo Ali d'Aquila, lesbiche e gay cristiani di Palermo ha realizzato proprio in questi giorni e che vi accennavo ad Albano Laziale nella mia personale testimonianza.
E’ tempo di vegliare nelle nostre chiese per fare memoria del "peccato dell'omofobia" Lettera aperta del gruppo evangelico Varco-Refo di Milano del 21 aprile 2010
Care sorelle e cari fratelli, il 17 maggio 1990 l’Organizzazione mondiale della sanità cancellava l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali: qualche anno dopo la comunità gay e lesbica internazionale scelse la data del 17 Maggio per la celebrazione della Giornata Mondiale contro l’omofobia (ovvero l’odio e la paura verso le persone omosessuali e transessuali).
Dal 10 al 17 maggio 2010 preghiamo insieme per ricordare le vittime dell’omofobia
Come cristiani possiamo "rimanere in silenzio” quando tanti uomini e donne soffrono vittime della violenza e delle ipocrisie della società e delle loro chiese? Noi diciamo di no!
Ecco perchè, per il quarto anno consecutivo, da lunedì 10 a lunedì 17 maggio 2010 (giornata internazionale contro l'omofobia) cristiani di diverse confessioni religiose (cattolici, valdesi, battisti, metodisti, etc...) pregheranno insieme ai gruppi di credenti omosessuali italiani per ricordare le vittime della violenza dell’omofobia.

---~------~----~------~--~------~------~----~------~--~---

GIONATAInfo> Dal 10 al 17 maggio 2010 Vegliamo insieme per ricordare le vittime dell’omofobia
---~------~----~------~--~------~------~----~------~--~---

Gionata, progetto su Fede e omosessualità  -  Gionata, Ecumenical Project on faith and homosexuality
Gionata, projet œcuménique de la foi et l'homosexualit  -  Gionata, Proyecto Ecuménico en la fe y la homosexualidad

Gionata aderisce all'European Forum of Gay, Lesbian Bisexual and Transgender Christian Groups (Forum Europeo dei Gruppi Cristiani GLBT)

Website: http://www.gionata.org  - Email: gionatanews@gmail.com

GionataBlog: http://gionata.wordpress.com/  -  NoemBlog: http://losguardodinoemi.wordpress.com/


Mercoledý 05 Maggio,2010 Ore: 16:55
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Cristianesimo ed omosessualita'

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info