- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (311) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Mi sta a cuore Convertirci come chiese all’amore,di Alessandro Esposito

Omofobia
Mi sta a cuore Convertirci come chiese all’amore

di Alessandro Esposito

Alcuni ricorderanno ancora le parole del nostro premier, secondo cui è «meglio essere appassionati di belle ragazze che essere gay»: di questa ennesima perla di saggezza il Nostro ci aveva generosamente omaggiati nel corso della Fiera del Motociclo di Milano: contesto assolutamente adeguato al tenore dell’affermazione; un po’ meno, forse, alla carica istituzionale da lui rivestita. Ma in un Paese in cui passano sotto silenzio le inqualificabili dichiarazioni effettuate da un noto porporato, secondo cui sarebbe la stessa scienza ad aver dimostrato che esiste una stretta relazione tra omosessualità e pedofilia, forse non dovremmo stupirci di nulla. Più che sorpresi, dovremmo sentirci indignati, se non fosse che si tratta di un sentimento in via di estinzione dinanzi alla prevaricazione del diritto altrui. A levare la voce, infatti, dovremmo essere, anzitutto, noi che omosessuali non siamo e che, proprio a motivo di ciò, non intendiamo avallare l’ignoranza e la violenza che quotidianamente investono chi, con pieno diritto e secondo natura, è gay o lesbica. Aggiungo che a protestare contro queste reiterate vessazioni dovremmo essere – prima di chiunque altro – noi che ci professiamo cristiani e che non di rado predichiamo l’amore mentre pratichiamo la discriminazione. È tempo di uscire allo scoperto e di affermare a chiare lettere e senza tentennamenti che il messaggio dell’evangelo è incompatibile con l'omofobia, la quale trova terreno fertile nella battuta fuori luogo, nel commento finto-scherzoso che vorrebbe far passare per ironia quella che, in realtà, è pura imbecillità. Eppure il cristianesimo ossequioso delle sacrestie e quello ottuso degli integralismi si guarderà bene dal condannare dichiarazioni aberranti e, dietro un sorriso malcelato, continuerà a palesare la sua complicità con simili bassezze. Chi si professa cristiano, invece, dovrebbe indignarsi due volte: come essere umano, prima e come credente, poi; e dovrebbe dire apertamente a tutti i paladini dei valori tradizionali e alla folta schiera di atei devoti, imbonitori di folle e benpensanti, che il loro maschilismo troglodita rappresenta un duplice, inaccettabile insulto all’intelligenza e alla dignità umane. A voi, infine, che venite ripetutamente ed ingiustificatamente offesi a motivo del vostro legittimo orientamento affettivo e sessuale, voglio dire che l’evangelo è tutt’altra cosa: è denuncia dei soprusi che subite, è ferma presa di distanza dalle discriminazioni di cui siete oggetto senza motivo e con il beneplacito di svariate realtà ecclesiastiche. A voi tutte e voi tutti, pertanto, mi rivolgo, chiedendovi di insegnare a noi Chiese che Dio chiama per l’appunto noi, e non certo voi, a compiere attraverso di voi un cammino di conversione: quel Dio che rivela il Suo volto nei vostri sguardi e nelle vostre vite e che là desidera che anche noi impariamo a scorgerlo.Un Dio che vi ama e vi vuole così come siete.

* Pastore della Chiesa Valdese di Trapani e Marsala

Articolo tratto da
ADISTA
La redazione di ADISTA si trova in via Acciaioli n.7 - 00186 Roma Telefono +39 06 686.86.92 +39 06 688.019.24 Fax +39 06 686.58.98 E-mail info@adista.it Sito www.adista.it



Luned́ 26 Settembre,2011 Ore: 18:45
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Cristianesimo ed omosessualita'

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info