- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (246) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Il testamento spirituale di Piergiovanni Palminota,

Il testamento spirituale di Piergiovanni Palminota

Compiendo oggi, per grazia di Dio, il mio cinquantesimo anno di età, revoco ogni testamento procedo con la nomina di un erede universale di mia cugina ……… , sicuro che si prenderà cura, così come fecero sua mamma e sua nonna, della nostra tomba di famiglia a Ventimiglia, dove sono stati e saranno sepolti i nostri cari e dove io pure voglio essere sepolto, nel loculo contiguo a quello in ove giace mia Mamma, Silvia Laurina Odetto. Sulla lapide dovrà scriversi solo il nome e cognome, la data di nascita e quella di morte.
Nei limiti consentiti dalla legge rifiuto ogni consenso al trapianto di organi e ad ogni altra manomissione delle mie spoglie.
A tutti i parenti e a tutti gli amici, esprimo affetto e gratitudine senza limiti, su tutti invoco la benedizione dell’altissimo.
 
Professo la fede in Gesù Cristo e intendo morire in comunione con la chiesa cattolica, ma rifiuto i cosiddetti funerali religiosi i quali sono, a mio avviso, nell’attuale momento storico e soprattutto in Italia, segno di una religione ridotta, nella maggior parte dei casi, a un fenomeno meramente esteriore e di convenienza sociale. Funerali religiosi, matrimoni religiosi, prime comunioni, battesimi dei bambini sono tutte cerimonie alle quali pochi sanno sottrarsi, anche fra i non praticanti. Questa situazione nuoce all’autenticità e credibilità dell’annuncio evangelico. Essa contribuisce a consolidare il potere politico e sociale delle istituzioni ecclesiastiche in un paese che, stando alle statistiche dei battesimi, dei matrimoni e dei funerali, appare religioso e cattolico nella quasi totalità dei suoi abitanti, mentre invece la realtà è ben diversa.
 
Per quanto ho potuto, mi sono impegnato nella lotta per una chiesa libera e senza potere in una società dalla quale fossero banditi ingiustizie e compromessi. Non voglio che il mio funerale sia in contraddizione con la mia vita. Perciò, se qualche persona delle comunità cristiane di base ( i cosiddetti «cattolici del dissenso»), l’impegno delle quali ho condiviso, vorrà leggere qualche passo della Sacra Scrittura, recitare qualche preghiera, suonare e cantare qualche pezzo, il tutto con la convinta partecipazione di alcuni almeno dei presenti, sarà ben fatto. Se ciò non fosse possibile, si metta soltanto la croce e non si compia alcun rito, salvo qualche preghiera. Meglio, comunque, il silenzio, piuttosto che qualcosa di inappropriato. In nessun caso, poi, ministri di culto, eventualmente presenti al funerale, potranno indossare paramenti o stole, impartire benedizioni, compiere aspersioni. In nessun caso, infine, il funerale potrà svolgersi dentro una chiesa o cappella.
 
Oltre a ciò, voglio che il funerale si compia nel modo più semplice, con pochissimi fiori, e che in esso sia data lettura, pubblicamente ed ad alta voce, del presente testamento dalla prima all’ultima parola. Inoltre una copia integrale del testamento dovrà essere consegnata a tutti i presenti, oppure, se ciò non fosse possibile, si provvederà in un momento successivo a spedirla per posta. In ogni caso si spedirà tale copia a tutti i miei parenti, amici e conoscenti che non siano intervenuti al funerali i cui nomi e indirizzi si riusciranno a ricavare dalle mie carte.
 
Mi sia permesso ora di esprimervi alcune considerazioni conclusive.
Magistrato, credo di non aver commesso ingiustizie e di non aver mai prestato ascolto a voci di lusinga o di minaccia, né assecondato calcoli politici. Se ho commesso errori, per ignoranza o negligenza, ne chiedo perdono a Dio e a chi ne ha subito danno.
Uomo non immune da debolezze e da difetti, ho saputo accettare il mio destino. Credo di avere, non tanto offeso, quando piuttosto infastidito e sconcertato molti con le asperità e le eccentricità del mio carattere, nonché con la mia pedanteria. Mi si voglia, se è possibile, compatire e perdonare, pensando che mai, in nessun caso, ho voluto male a qualcuno e che, quando erano in gioco beni primari, ho saputo superarmi.
 
Esprimo infine la mia speranza con le seguenti frasi (che mi riescono più familiari in latino) tolte dalle sacre scritture o dalla liturgia..
«Vita mutatur, non tallitura et, dissoluta terrestri huis incolatus domo, aeterna in coelis habitatio comparatur»«Dilexi iustitiam, odi iniquitatem» «In te Domine speravi, non confundar in Aeternum»
 
Scritto interamente di mia mano e sottoscritto in Roma, addì quindici gennaio millenovecentoottantotto.
Piergiovanni Palminota
 
 


Domenica 19 Luglio,2009 Ore: 17:04
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Cristianesimo ed omosessualita'

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info