- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (327) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org CARA MINEO 16/02: ... Eppur si muove il fronte antirazzista,di Domenico Stimolo

CARA MINEO 16/02: ... Eppur si muove il fronte antirazzista

di Domenico Stimolo

Molte“ zeppole” avvelenate pervase di odio e di perversa discriminazione contro gli essere umani, sui “nuovi diversi”, i migranti, ( rom) , in travagliata ricerca di pace, giustizia e libertà, sono stati scientificamente seminati nel corso degli ultimi anni. Sono stati stravolti i valori fondativi costituzionali della nostra Repubblica, sui dettami dei diritti civili, dell’accoglienza e della solidarietà. Tante nuove, mute ed egoiste indifferenze si sono consolidate. Troppe “civili coscienze” dormono sonni tranquilli di fronte ai grandi atti reclusori in atto.
Andando indietro nella memoria recente e persecutoria della nostra storia, avvenne già nel 38, ai danni di altri “diversi”, imperando, in quei nefasti dì, dittatura, censure e violenze.
Eppure si muove, pur con difficoltà, in maniera attiva e propositiva, il Fronte antirazzista e solidale.
E’ avvenuto ieri nel catanese, davanti al CARA di Mineo. La mega area di “richiusura” - la più grande in Europa - per migliaia di migranti, uomini e donne che, sfidando le “ire” mortali del Mar Mediterraneo, dopo lunghi attraversamenti in terra d’Africa, sono approdati in Sicilia….i sopravvissuti, fuggendo da guerre, dittature e fame. Così come avviene in tant’altri luoghi sparsi nell’isola e nel territorio nazionale, chiusi dalle sbarre integrali ( CIE).
Quattromila e più in quest’oggi sono lì “giacenti”. Rimangono “posteggiati” per lunghi tempi, anche oltre l’anno e mezzo, per cercare di avere riconosciuto il diritto d’asilo; in una quotidianità travagliata, asfittica e sofferente. Poi, con la carta in mano, vengono di fatto lasciati in strada, privi di adeguati supporti per l’integrazione sociale per realizzare la nuova agognata vita.
I cittadini democratici, “ non dormienti”, in diverse centinaia, provenienti da località del catanese e di altre zone siciliane, hanno manifestato domenica 16 febbraio, al grido di “Per la chiusura del Cara di Mineo e di tutte le galere etniche”. Le bandiere delle associazioni si sono mischiate a quelle della Pace e del No Muos.
Una mattinata di intensa ed attiva solidarietà, di mischiamento dei colori umani – il bianco e il nero -, di protesta e rivendicazioni. Un’iniziativa promossa da un cartello di circa quaranta Soggetti della rappresentazione associativa, politica e sindacale.
In parecchi dei migranti, pur nel quadro intimidatorio quotidianamente subito, hanno partecipato. Hanno raccontato, urlato, le sofferenze, le speranze, le gravi insufficienze della propria vivibilità, a partire dai diritti più elementari.
Non hanno Libertà, sono impauriti, sgomenti del trattamento subito.
La lotta, per il riscatto degli Umani, continua.
Domenico Stimolo



Lunedì 17 Febbraio,2014 Ore: 22:56
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Osservatorio sul razzismo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info