- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (265) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Grande soddisfazione della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) per la sentenza della Corte europea di Strasburgo,di Agenzia NEV del 24/02/2012

RESPINGIMENTI IN LIBIA
Grande soddisfazione della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) per la sentenza della Corte europea di Strasburgo

di Agenzia NEV del 24/02/2012

Franca Di Lecce, direttore del Servizio rifugiati e migranti della FCEI: "Una bussola non solo per l'Italia, ma anche per l'Europa"


COMUNICATO STAMPA

Roma, 24 febbraio 2012 (NEV-CS07) - "Grande soddisfazione" per la storica sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo sui respingimenti verso la Libia è stata espressa dal direttore del Servizio rifugiati e migranti (SRM) della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), Franca di Lecce. Con la sentenza, resa nota ieri, i 17 giudici della Grande Camera della Corte di Strasburgo all'unanimità hanno condannato l'Italia per aver respinto degli immigrati in mare nel maggio del 2009, in seguito all'accordo di cooperazione tra Italia e Libia.

"La FCEI, insieme a numerose associazioni, aveva espresso in varie sedi e occasioni seria preoccupazione per quell'accordo", ricorda Di Lecce, precisando che il caso si riferisce a "13 cittadini eritrei e 11 cittadini somali, che facevano parte di un gruppo di circa 200 persone intercettate in mare e respinte in Libia senza aver avuto alcuna possibilità di chiedere protezione internazionale in Italia".

Per Di Lecce la sentenza è "un passo fondamentale per il riconoscimento dei diritti umani e un importante indicazione per il futuro; auspichiamo che possa essere la bussola per il Governo Italiano per orientare i nuovi negoziati e gli accordi con la Libia e con gli altri paesi in materia di immigrazione. Una bussola non solo per l'Italia, ma anche per l'Europa".

Nella fattispecie l'Italia è stata condannata per aver violato la Convenzione europea dei diritti dell'uomo, in particolare l'art. 3 (divieto di tortura e di trattamenti inumani e degradanti), l'art. 13 (diritto ad un ricorso effettivo) e l'art. 4 del Protocollo aggiuntivo n. 4 alla Convenzione stessa (divieto di espulsioni collettive).

AGENZIA NEV – NOTIZIE EVANGELICHE
SERVIZIO STAMPA DELLA FEDERAZIONE DELLE CHIESE EVANGELICHE IN ITALIA
tel. 06.4825120/06.483768, fax 06.4828728 - nev@fcei.it


Sabato 25 Febbraio,2012 Ore: 08:29
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Osservatorio sul razzismo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info