- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (228) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Appello per una moratoria universale della pena di morte,

Appello per una moratoria universale della pena di morte

UFFICIO STAMPA  ACAT

www.acatitalia.it  - ufficiostampa@acatitalia.it 

in collaborazione con l’Agenzia stampa NEV della Federazione delle chiese evangeliche in Italia

tel. 06.4825120/06.483768, fax 06.4828728 - nev@fcei.it

COMUNICATO STAMPA

Roma, 31 ottobre 2011 (ACAT/NEV-11) – ACAT Italia (Azione dei Cristiani per l’Abolizione della Tortura) lancia nel nostro Paese una nuova petizione per una moratoria universale della pena di morte. L'iniziativa si inserisce in una campagna a livello globale sostenuta dalla Federazione Internazionale delle ACAT (FIACAT) e dalla Coalizione Mondiale contro la Pena di Morte in vista della 4° votazione dell'Assemblea generale dell'ONU per una risoluzione sulla materia.

Il testo della petizione riprende le fila di un precedente appello, lanciato dalla Comunità di S. Egidio in collaborazione con Amnesty International e altre organizzazioni di tutto il mondo, che nel 2007 aveva portato all'ONU le firme di 5milioni di persone. Come in quella petizione, FIACAT e la Coalizione rinnovano la richiesta all'ONU di "una moratoria sulle condanne e le esecuzioni, in vista dell’abolizione universale della pena di morte", nella convinzione "che questa pena è inumana" qualunque sia il reato e il metodo di esecuzione impiegato. In particolare, la petizione sottolinea la disumanità dei cosiddetti "bracci della morte", assimilabili ad una forma di tortura aggravata dalle deplorevoli condizioni di vita; infatti, "qualunque ne sia la durata, l’attesa della morte rende disumani i condannati a morte e li uccide prima della loro esecuzione".

Oggi circa i due terzi dei Paesi del mondo (139) hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica. Il numero dei Paesi abolizionisti ha superato quello dei mantenitori, ma il cammino verso un mondo libero dalla pena capitale è ancora lungo.

Infine, in occasione della 4° votazione all’Assemblea Generale dell’ONU per una risoluzione che instauri una Moratoria Universale, la Coalizione e FIACAT chiedono agli Stati ritenzionisti di applicare spontaneamente una moratoria, in vista della totale abolizione della pena capitale.

Per scaricare il modulo o firmare la petizione on line: http://www.acatitalia.it

  «Noi non dobbiamo mai dare la morte poiché non sappiamo cosa sia» (Cocteau)

Stefania Sarallo
Ufficio Stampa
ACAT - Azione dei Cristiani per l’Abolizione della Tortura
Via della Traspontina,15,00193, Roma
e-mail ufficiostampa@acatitalia.it
tel. 06 6865358


Marted́ 01 Novembre,2011 Ore: 22:37
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Campagne: No penamorte

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info