- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (233) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Siria, protestiamo per email contro il ministro Terzi! ,di marco palombo

Siria, protestiamo per email contro il ministro Terzi! 

di marco palombo

Il 28 febbraio il ministro tecnico e uscente Terzi convoca a Roma undici paesi sostenitori dell'opposizione armata in Siria e proporrà un maggiore aiuto militare, che fomenterà la guerra e prolungherà la tragedia (v. qui: http://www.ilmanifesto.it
http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=1306). 

Terzi agisce disinformando e nascondendo i crimini commessi dai gruppi armati. 

La Rete No War Roma chiede a cittadini e gruppi di mandare agli uffici del ministro Terzi 
(segreteria.terzi@esteri.it; gabinetto.ministro@cert.esteri.it; gabinetto@esteri.it; giulio.terzi@esteri.it e chi ha facebook vada sulla pagina del Terzi e mandi) il seguente messaggio: 

nell'oggetto mettere (per dargli subito un'idea): 

A Terzi: è illegale il sostegno a gruppi armati in Siria! 

Ed ecco il testo da mandare con le vostre firme 

CITTADINI ITALIANI AL MINISTRO USCENTE E TECNICO TERZI E AL GOVERNO TECNICO E USCENTE MONTI: 
E' ILLEGALE E IMMORALE ARMARE L'OPPOSIZIONE IN SIRIA. BASTA FOMENTARE LA GUERRA E I GRUPPI JIHADISTI! SI' A UN VERO NEGOZIATO DI PACE! 

Il ministro tecnico e uscente Terzi ha già dichiarato che il 28 febbraio 2013 alla riunione degli «undici paesi più coinvolti nella gestione della crisi siriana» proporrà maggiori aiuti militari («assistenza tecnica, addestramento, formazione») ai gruppi armati dell'opposizione. 

Il ministro agisce disinformando e nascondendo dietro intenti umanitari quel che umanitario non è, perché appoggiare l'opposizione armata significa a) fomentare la guerra e prolungare la tragedia in Siria, b) aiutare gruppi responsabili di attentati, massacri di c! ivili, torture ed esecuzioni come ormai affermano perfino i media (anche se il ministero degli Esteri italiano nasconde tutto ciò), c) boicottare ogni spazio negoziale serio sulla base degli accordi di Ginevra del giugno 2012. 


Invitiamo, come cittadini italiani, il ministro uscente Terzi e il suo governo tecnico a non prendere decisioni così gravi che impedirebbero qualunque spiraglio negoziale e finirebbero per armare gruppi stragisti. 

Ricordiamo al governo uscente e al ministro uscente che questo operato non solo fomenta gli scontri ma viola leggi italiane e internazionali. Fra queste la legge italiana 185/1990 sul commercio delle armi. 

Ricordiamo al governo uscente e al ministro uscente che l’art. 286 del Codice penale italiano punisce con l’ergastolo “Chiunque commette un fatto diretto a suscitare la guerra civile nel territorio dello Stato”, norma che, per analogia, dovrebbe applicarsi anche a paesi terzi. 

Ricordiamo al governo uscente e al ministro uscente che non solo la Carta dell'Onu impone ai paesi di perseguire politiche estere di pace anziché fomentare guerre, ma la fornitura di armi e risorse a forze che combattono contro un governo riconosciuto dall' ONU è illegale ed è una grave violazione del diritto internazionale. 

Data..... Firma.....................

marco palombo




Mercoledì 27 Febbraio,2013 Ore: 15:44
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
No guerra

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info