- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (213) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org CRISI SIRIANA E CRONICA INSTABILITÀ IRACHENA,di Agenzia MISNA

CRISI SIRIANA E CRONICA INSTABILITÀ IRACHENA

di Agenzia MISNA

Una intervista ad Adel Jabbar


luglio 24, 2012 - 16:17 MEDIO ORIENTE

“Da dieci anni in Iraq attentati e violenze sono all’ordine del giorno e, a volte, come capitato ieri, sono più cruenti ed eclatanti. Quelli di ieri – 107 morti e 214 feriti – però non possono non essere letti anche alla luce dei recenti avvenimenti siriani”: Adel Jabbar – sociologo e saggista iracheno – lo dice alla MISNA invitando a guardare una cartina geografica e tenendo conto di indispensabili elementi di geopolitica. “Il primo ministro iracheno Nouri al Maliki – prosegue Jabbar – sul capitolo siriano ha allineato la propria politica a quella dell’Iran. Ma ci sono forze, anche all’interno della compagine governativa, che la pensano diversamente e che sono più vicine alle posizioni di Turchia e Arabia Saudita. Gli attentati coordinati di ieri possono dunque essere un messaggio rivolto proprio ad Al Maliki. Anzi, un avvertimento: potrà anche continuare a governare, ma avrà maggiori difficoltà a farlo di quanto non ne abbia avuta fino ad ora”.

Che la situazione interna alla Siria abbia riflessi sull’Iraq è dovuto anche alla storia recente del paese mediorientale: “In seguito all’invasione statunitense – continua Jabbar – l’Iraq si è progressivamente frammentato in tanti piccoli potentati che possono anche seguire orientamenti diversi a livello regionale. Così se Al Maliki è vicino all’Iran, altre correnti come quella che fa capo a Massoud Barzani è più vicina alla Turchia e ai sauditi”.

L’altra faccia della medaglia è però quella di un paese che ha di fatto perso la propria sovranità. “L’Iraq di oggi – conclude il sociologo – è un mercato aperto di violenze esercitate da tutti. E il paese è guidato da un governo di larghissime intese, di cui fanno praticamente parte tutti e in cui ognuno fa allo stesso tempo opposizione. Un modo per difendere interessi di parte a scapito della maggioranza della popolazione e che non riesce a difendere gli interessi nazionali con evidenti vantaggi – tra gli altri – per Turchia, Iran e Kuwait”.

[GB]

Da: http://www.misna.org



Mercoled́ 25 Luglio,2012 Ore: 16:22
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
No guerra

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info