- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (246) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org l'Italia bombarda l'Afghanistan,di Laura Picchi

l'Italia bombarda l'Afghanistan

di Laura Picchi

Premesso che: La Costituzione esplicita tutti i compiti e i poteri del Presidente della Repubblica, che in dettaglio sono: dichiarare lo stato di guerra, deliberato dalle Camere. (art. 78 e 87 della Costituzione)

Dov'è bisogna subito chiedere al Presidente del consiglio Mario Monti il pronunciamento delle Camere di autorizzazione della guerra all'Afghanistan? Dov'è bisogna chiedere al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano la Sua dichiarazione di guerra all'Afghanistan e in base a quali motivazioni? Se non ci sono sono forse degli ignobili eversori colpevoli di alto tradimento Napolitano, Monti e i vertici italiani delle Forze Armate? Non basta certo informare le commissioni difesa per autorizzare il bombardamento e quindi la guerra contro un paese straniero come l'Afghanistan come ha fatto il Ministro della Difesa De Paola. Ci vuole la delibera delle Camere e la dichiarazioni di guerra del Presidente della Repubblica secondo la Costituzione del 1948. Dove sono?

Questa è la notizia:

UFFICIALE : L 'ITALIA BOMBARDA IN AFGHANISTAN
Il Sole 24 Ore, organo di Confindustria, rivela quel che tutti sospettavano: l'Italia è in guerra, bombarda le postazioni ritenute "talebane" e quindi ammazza anche i civili che dice di voler proteggere.
I quattro cacciabombardieri italiani AMX Acol del 51° Stormo dell'Aeronautica militare schierati a Herat effettuano diverse operazioni di bombardamento contro gli insorti. Le fonti del Sole 24 Ore non rivelano il numero di raid messi a segno né il numero di bombe sganciate o di talebani uccisi ma è certo che le incursioni sono state effettuate sia nel settore occidentale del Paese posto sotto il comando italiano sia in altre aree su richiesta del comando alleato di Kabul. Il pieno coinvolgimento dei jet italiani nei raid aerei condotti dalle forze aeree alleate è stato autorizzato in gennaio dal ministro della Difesa, Giampaolo di Paola, dopo due anni di impiego dei velivoli limitato alla ricognizione o, in caso di emergenza, all'attacco con i soli cannoncini di bordo. Già l'anno scorso l'allora ministro Ignazio La Russa aveva cercato invano il consenso del Parlamento ad autorizzare l'impiego di bombe sui nostri velivoli schierati a Herat.
Dopo aver informato le Commissioni Difesa di Camera e Senato il 28 gennaio scorso Di Paola annunciò che «tutti i mezzi che abbiamo useranno tutte le loro capacità perché abbiamo il dovere, oltreché il diritto, di difendere i nostri militari, gli amici afghani e gli alleati».
Sottoliniamo che l'"ammiraglio tecnico", Giampaolo De Paola, è contemporaneamente responsabile politico e vertice militare. Alla faccia della divisione dei poteri che dovrebbe essere obbligatoria in un paese liberale.
il Sole 24 Ore e Contropiano.org

Laura Picchi


Luned́ 09 Luglio,2012 Ore: 16:01
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
No guerra

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info