- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (220) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org La bufala dei missili iraniani a "lungo raggio",di Alessandro Marescotti

La bufala dei missili iraniani a "lungo raggio"

di Alessandro Marescotti

 Alla redazione di Rainews


Vorrei segnalare che la notizia...

Iran, testato con successo missile a lungo raggio
http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=160191

...contiene una evidente inesattezza. Parlare di missili a "lungo raggio" per un missile terra-aria che ha una gittata di 200 chilometri è completamente fuori dai sistemi di classificazione militare che definiscono a corto raggio missili di gittata fino a 300 chilometri, come è ad esempio per gli SCUD, si veda:

http://it.wikipedia.org/wiki/SS-1_Scud

Per una definizione dei missili e della loro gittata si veda la Treccani: http://www.treccani.it/vocabolario/missile/
Solamente se ci si riferisce ad una classificazione della gittata dei missili aria/aria dei caccia da intercettazione si può parlare di lunga gittata. Ma per questo caso è assolutamente confondente per il lettore. Non è escluso che sia stato lo stesso regime iraniano a definire "di lunga gittata" il suo missile, ma sarebbe curioso che i media occidentali usassero la stessa informazione manipolata "di regime" per confondere le idee all'opinione pubblica. In ogni caso se l'informazione non veritiera proviene da fonte iraniana dovrebbe essere virgolettata la frase e attribuita alla fonte.

Affermare poi, come è scritto sull'articolo, che questi missili iraniani "sono in grado di colpire le basi Usa" senza specificare che ci si riferisce alla base Usa della Quinta Flotta in Qatar non è un sistema di fare informazione che offra al lettore tutti gli elementi per comprendere ciò che legge. Semmai ci si dovrebbe chiedere come mai gli Usa abbiano deciso di spostare una propria base navale così vicino all'Iran per poi lamentarsi di sentirsi "minacciati". La realtà si capovolge!

Come contribuente del servizio pubblico chiederei che voi giornalisti verifichiate le informazioni "nel rispetto della verità e con la maggiore accuratezza possibile", così come prevede la Carta dei Doveri del Giornalista (sottoscritta dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana l’8 luglio 1993).

Cordali saluti

Alessandro Marescotti
www.peacelink.it

 



Luned́ 02 Gennaio,2012 Ore: 16:50
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
No guerra

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info