- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (264) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Frammenti di resurrezione,di pe. Dário

Sud America
Frammenti di resurrezione

di pe. Dário

Ogni giorno la nostra comunitá missionaria cerca segni di resurrezione, dispersi tra i frammenti di molte battaglie, parecchie sconfitte ed un certo senso di impotenza.
Gli stessi discepoli hanno avuto bisogno di molto tempo per comprendere ed assumere la resurrezione di Gesú: é stato necessario raccogliere una buona serie di indizi e testimonianze chiare.
Mi sono chiesto: in questo anno, che testimonianza di resurrezione può dare la nostra comunità? Abbiamo qualche parola di speranza, un messaggio concreto e fecondo da condividere?
Il nostro modo di testimoniare la resurrezione dipende molto dal tipo di morte che stiamo sperimentando.
La peggiore é la morte del sogno collettivo, sconfitto dall’interesse istantaneo di piccoli vantaggi individuali.
É morte politica di chi desiste da uno sguardo più profondo ed ampio e si lascia comprare o convincere da soluzioni immediate e a buon prezzo, convenienti solo per un momento.
In questa regione giunsero, quasi contemporaneamente, imprese ricche, voraci e determinate ad investire nelle risorse della nostra terra; fu difficile, per la gente, resistere alla tentazione di poche ‘perline colorate’ che promettevano d’immediato.
E così industrie minerarie, di cellulosa e grandi investimenti in idroelettriche ed allagamenti provocarono forti impatti, con il ‘rattoppo’ di pochi progetti d’investimento sociale, puntuali e discontinui.
É resurrezione, quindi, tutte le volte che esiste una ribellione contro questa dipendenza e, malgrado sproporzionata, la voce delle comunità si alza per garantirne diritti e sogni. Con una immagine biblica, é resurrezione tutte le volte che troviamo una di quelle cinque pietre che hanno permesso al piccolo Davide di sconfiggere (o perlomeno intontire) il gigante Golia.
Se questo si ripetesse varie volte, i ‘giganti’ di oggi si accorgerebbero poco a poco che non si possono calpestare i territori delle comunità senza una seria ed effettiva interazione con le popolazioni che vi abitano.
Cinque pietre, dicevamo:

- una é stata la nostra recente partecipazione all’assemblea degli azionisti dell’impresa mineraria Vale, in minoranza rappresentando le comunità più colpite dalle sue operazioni. Nel cuore della logica incondizionata del guadagno, si sta sollevando sempre più forte la voce di chi denuncia l’impatto socio-ambientale ed esige rispetto per i piccoli;
- un’altra sarà la ‘Romaria da Terra e das Águas’, incontro di preghiera e pellegrinaggio che raccoglierà nella nostra città di Açailândia in settembre comunità cristiane del Maranhão intero: migliaia di persone, segno di una chiesa vigilante e coraggiosa, che viene a criticare un modello di sviluppo a senso unico, per il quale il guadagno é privato ma gli impatti pubblici;

- un’altra é la missione di maggio, in Maranhão, della Federazione Internazionale dei Diritti Umani, che ha studiato gli effetti nefasti di Vale in due casi emblematici della nostra regione ed appoggia le rivendicazioni della gente: priorità assoluta e condizione primaria di un reale sviluppo é il diritto alla vita, alla salute e ad una abitazione dignitosa;
- ancora una la troviamo nei vari momenti di articolazione delle comunità vittime di queste violazioni: si sta rafforzando una rete di gruppi e piccole comunitá che scambiano esperienze, strategie, appoggi e solidarietà. Le imprese tendono a dividere la gente per indebolirla, ma questo dialogo tra i movimenti rafforza la resistenza;
- l’ultima é il successo di alcune azioni giuridiche o popolari che finalmente obbligano le imprese ed il governo a rispettare gli interessi della gente: lo sciopero dei lavoratori delle siderurgiche e degli abitanti vittime dell’inquinamento, l’indennizzazione della famiglia di una persona travolta dal treno che trasporta il minerale per l’esportazione, la condanna di Vale ad indenizzare quasi 800 famiglie tradizionali (quilombolas) a causa del conflitto per un minerodotto...
Sono questi i nostri piccoli frammenti di resurrezione; li aggiungiamo umilmente agli altri che voi, che state leggendo, potrete incollare nel mosaico della vita dei figli di Dio, piú forte della morte che si vuole installare in mezzo a noi!


Mercoledě 27 Aprile,2011 Ore: 16:36
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Notizie dal sud del mondo

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info