- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (1)
Visite totali: (406) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Il progetto sionista.,di Rosario Amico Roxas

Il progetto sionista.

di Rosario Amico Roxas

Perché meravigliarsi di ciò che sta accadendo in Israele e nella Striscia di Gaza ?  Si tratta di un progetto sionista antico che trova ogni occasione per aggiungere una tessera  all’intero progetto.
Un progetto dichiarato di cui esistono le prove, solo che nessuno osa ricordare e se qualcuno lo fa ecco che scatta l’accusa di antisemitismo, perché fa comodo ai sionisti di Israele assimilarsi al semitismo per godere del vittimismo per le persecuzioni naziste; ma quelle persecuzioni le subirono gli ebrei semiti, mentre i sionisti se ne stavano negli Usa a preparare la grande invasione della Palestina.  Anche i Palestinesi sono semiti, per cui se di antisemitismo  si vuole parlare, allora si tratta di una accusa da rivolgere agli estremisti sionisti che pensanoi solo alla eliminazione fisica dei Palestinesi.
************************** 
Il progetto di spartizione fu considerato come un compromesso provvisorio, utile fintantoché le condizioni non fossero mature per la realizzazione dell’obiettivo finale. Ben-Gurion, allora alla testa del movimento sionista, presentò ai suoi il progetto britannico di spartizione in questi termini:
Lo stato ebraico che oggi ci si offre non è l’obiettivo sionista. In questa ristretta regione non è possibile risolvere la questione ebraica. Ma  può servire come fase decisiva sulla strada di una più sostanziale realizzazione sionista. Esso permetterà di consolidare in Palestina, nel più breve tempo possibile, quella reale forza ebraica che ci porterà al nostro obiettivo storico. (Ben-Gurion, citato in Norman G. Finkelstein, Image and Reality of the Israel-Palestine Conflict,  Verso, Londra e New York, seconda edizione, 2003, p. 15).
******************************
E in una lettera al figlio lo stesso Ben-Gurion chiariva meglio il suo pensiero:
Lo stato ebraico, scriveva, avrà “un potente esercito – non dubito che il nostro esercito sarà uno dei più potenti del mondo – e così non ci si potrà impedire di stabilirci nel resto del paese,  cosa che noi faremo o con accordo e mutua comprensione con i vicini arabi o altrimenti….” (David Ben-Gurion, citato in Norman Finkelstein, . Image and Reality of the Israel-Palestine Conflict,  Verso, Londra e New York, seconda edizione, 2003, p. 18)
*********************************
La posizione di Ben-Gurion divenne subito la posizione di tutto il movimento sionista e il 10 ottobre 1937, il rappresentante sionista in Egitto, Feivel Polkes, ribadiva perentoriamente a due inviati del III Reich, uno dei quali era …. Adolf Eichman, che:
Lo stato sionista deve essere fondato con ogni mezzo e appena possibile ... Quando lo stato ebraico sarà stato fondato secondo le attuali proposte contenute nel documento della Commissione Peel, e in linea con le promesse parziali dell'Inghilterra, allora i confini potranno essere spostati ulteriormente in avanti secondo i nostri desideri” (citato in Lenni Brenner, “Zionism in the Age of the Dictators”, cap. 8.)
Rosario Amico Roxas



Domenica 27 Luglio,2014 Ore: 08:33
 
 
Commenti

Gli ultimi messaggi sono posti alla fine

Autore Città Giorno Ora
susanna sinigaglia milano 27/7/2014 15.40
Titolo:un paio di appunti sull'articolo di roxas
è inutile e dannoso tirare in ballo l'argomento dell'antisemitismo come se fosse anti-semitismo. il vocabolo è stato coniato nella seconda metà dell'800 da un tedesco a unico uso e consunmo degli ebrei. e infatti i tedeschi non ebbero problemi ad allearsi con alcuni lerader arabi.
secondo, non tutti i sionisti erano allineati con le posizioni di ben gurion, anche se hanno vinto nel tempo (ricordo l'hashomer hatzair che voleva a tutti i costi accordarsi con i palestinesi e gli arabi in genere; lo stesso weitzman, per non parlare di martin buber
susanna sinigaglia

Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (1) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Per la pace in medio oriente

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info