- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (280) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Obiezioni di un ignorante di filosofia al filosofo Umberto Galimberti,di Carmelo Dini

Lettera
Obiezioni di un ignorante di filosofia al filosofo Umberto Galimberti

di Carmelo Dini

Il filosofo Umberto Galimberti, su D – La Repubblica del 9 maggio, scrive: «Ma come si fa a discutere di Dio con coloro che credono in Dio, se ciascuno di loro con la parola “Dio” pensa una cosa diversa? Qui non mi riferisco al fatto che il Dio dei cristiani non è il Dio degli ebrei o dei musulmani o degli induisti [...]  ma al fatto che nel cristianesimo stesso ciascuno si è costruito un Dio personale che risponde alle sue esigenze psicologiche, le quali, essendo diverse da individuo a individuo, creano tanti volti di Dio quanti sono i sentimenti e i pensieri che lo riguardano. Ma quando Dio diventa una risposta alle istanze psicologiche di ognuno di noi, non è più il Dio trascendente che ha creato il mondo, che guarda e provvede alle vicende umane, che promette una salvezza in una vita ultraterrena, ma un Dio degradato a consolazione delle nostre ansie, a rassicurazione delle nostre incertezze [...]. Costruire un Dio che risponde ai nostri bisogni psicologici, non è il modo migliore per negare Dio proprio mentre si testimonia la propria incrollabile fede in Lui? Non è, questo Dio, un idolo che ci siamo costruiti?». Ora, poiché da quell’ignorantissimo che sono di filosofia, non mi sembra questa una ragione sufficiente per impedire di discutere di Dio e per definire Dio un idolo da noi costruito, la mia sicuramente sbagliata obiezione, perlomeno per quanto riguarda cristiani, ebrei e musulmani, sarebbe: “Attribuire a Dio caratteristiche che rispondono alle nostre esigenze psicologiche, diverse da individuo a individuo, non significa cancellare caratteristiche comuni che cristiani, ebrei e musulmani attribuiscono a Dio, vale a dire: Dio trascendente che ha creato il mondo, che guarda e provvede alle vicende umane, che promette una salvezza in una vita ultraterrena. Non mi sembra che le caratteristiche fondamentali mutino da individuo a individuo.
Carmelo Dini  



Domenica 10 Maggio,2015 Ore: 10:42
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info