- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (246) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org GIU’ LE MANI DALLA COSTITUZIONE !,di Giovanni Dotti

Lettera
GIU’ LE MANI DALLA COSTITUZIONE !

di Giovanni Dotti

Egregio Direttore,
  il Parlamento attuale, pieno di persone inquisite o già condannate nei primi gradi di giudizio e di conservatori incalliti che pensano più a perpetuare i loro mandati che al rinnovamento e al bene del Paese, è il meno idoneo ad apportare modifiche alla nostra Carta Costituzionale, e tantomeno all’ART. 138 che detta le modalità per la revisione della Costituzione e di altre leggi costituzionali.
  Perché se lo facesse lo farebbe sicuramente a vantaggio suo e della “casta” dei privilegiati e non del popolo italiano.  Se ne è avuto sentore dal tentativo di varare, su invito del P. d. R., una legge di AMNISTIA e INDULTO estensibile ai più vari reati (compresi quelli finanziari tipo corruzione, concussione, evasione fiscale, ecc.) di cui si è macchiata buona parte dei Parlamentari nazionali e regionali ed uno stuolo innumerevole di loro amici, siano essi parenti, collaboratori o faccendieri ad essi legati) con tagli lineari di pena o con l’estinzione degli stessi reati.  Sarebbe un provvedimento IMMORALE, deleterio per l’onorabilità delle Istituzioni e ulteriormente DISEDUCATIVO per il popolo (purtroppo già da tempo avvezzo a vedere impuniti o prescritti tanti reati), e se ne avvantaggerebbe soprattutto quella “élite” di personaggi del ceto dirigente, ora sulla cresta dell’onda, che si ritiene superiore alle leggi e che le ha calpestate a proprio vantaggio nel corso degli anni, disinteressandosi del cosiddetto “bene comune” ma interessandosi attivamente a quello delle proprie tasche.
  Se ad un’amnistia e ad un indulto si dovesse procedere (c.d.“legge svuota carceri”)  si dovrebbe valutare con cura il TIPO di REATO e vagliare attentamente a quali reati applicare tali strumenti, escludendo evidentemente quelli più efferati e quelli più odiosi, tra cui metterei senza alcun dubbio quelli finanziari di un certo spessore e sopratutto quelli contro lo Stato e la Pubblica Amministrazione, che hanno in larga misura concorso al depredamento delle finanze pubbliche e all’aumento delle diseguaglianze sociali, arricchendo indebitamente pochi a svantaggio della maggioranza degli Italiani.
Varese, 14 ottobre 2013                      Giovanni Dotti



Lunedì 14 Ottobre,2013 Ore: 19:47
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info