- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (252) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Lo Stato ha porte chiuse, le mafie le spalancano,di Danilo D'Antonio

Lettera
Lo Stato ha porte chiuse, le mafie le spalancano

di Danilo D'Antonio

Terminate le tradizionali celebrazioni antimafia, si conferma l'osservazione che le innumerevoli associazioni coinvolte continuano a non far nulla per democratizzare il Pubblico Impiego, per far sì che le persone trovino porte aperte verso buone direzioni. Mentre le associazioni mantengono i loro membri all'oscuro del diritto d'ogni cittadino di equa partecipazione alle attività della Res Publica, le mafie offrono porte aperte per le loro attività criminose. Mentre lo Stato, tirannicamente, continua ad avere porte chiuse, le mafie le spalancano.

Se gli ormai tanti esclusi trovano le porte dello Stato sprangate dagli assunti a vita, che non vogliono mollare i pubblici incarichi pur questi appartenendo al popolo ed al popolo dovendo, in democrazia, periodicamente ritornare, come possono le associazioni, se non irragionevolmente, pretendere che scompaia la criminalità?

Con chiacchiere pretine? Con esorcismi, miracoli?!

In realtà a perpetuare le mafie ed ogni altro male sociale son proprio coloro che mai si degnano di fare ciò ch'è giusto e necessario: aprire il Pubblico Impiego alla partecipazione generale, di modo che ognuno possa beneficiare delle pubbliche risorse e servirsene per crescere e nessuno sia più costretto a darsi al crimine.

Non devono dormire la notte coloro che, pur lamentando in continuazione i mali sociali, mai si degnano di reclamare un Pubblico Impiego Partecipato a Rotazione. La responsabilità dei mali sociali è in gran parte proprio loro. Sono proprio le associazioni ad allontanare tante energie umane dalla nostra centralità pubblica.

Danilo D'Antonio

Rocca S. M. (TE)

Ridefiniamo il nostro Patto Sociale

hyperlinker.com

Il miraggio/placebo dell'Alternativa
hyperlinker.com




Mercoledì 05 Giugno,2013 Ore: 19:08
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info