- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (309) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Brescia, città pericolosamente inquinata,di Guglielmo loffredi

Lettera
Brescia, città pericolosamente inquinata

di Guglielmo loffredi

Lettera ai candidati a Sindaco della città di Brescia


Gent. direttore,

E’ accaduto un disastro ambientale di grandi proporzioni a Brescia, RAI 3 con la trasmissione PRESA DIRETTA ha dato un grande risalto alla vicenda. Ritengo il silenzio la malattia più insidiosa sia a livello personale che sociale. Se cresce la consapevolezza su ciò che è accaduto possiamo prevenire altre catastrofi. Un gruppo di persone informate possiede una grande forza rispetto al singolo individuo; la forza diventa pressione su chi ha il potere gestionale-politico del cambiamento.


La lettera che le invio è indirizzata ai candidati a Sindaco della città di Brescia, Le sarai grato se volesse pubblicare:

Come cittadino bresciano chiedo a tutti i candidati a Sindaco della città di Brescia alle lezioni Comunali 2013 prossimi 26 e 27 Maggio: Emilio Del Bono, Laura Castelletti, Marco Fenaroli, Francesco Onofri, Laura Gamba, Adriano Paroli

ad impegnarsi costituendo un gruppo di lavoro tecnico-scientifico che affronti seriamente la problematica inquinamento PCB area Caffaro e le altre gravi questioni ambientali come la ex cava Piccinelli di S. Polo, contaminata da Cesio 137 da polveri di fusione di rottami ferrosi. L’istituzione di un gruppo di lavoro con esperti anche internazionali eviterebbe di partire con una bonifica approssimata mossa solo dall’aspetto emotivo. Penso che un piano di lavoro costruttivo dovrebbe contenere anche la prospettiva, oltre la bonifica, dei terreni e del loro riutilizzo. Un piano inteso come sostantivo piuttosto che come avverbio potrebbe essere accolto positivamente dalla Comunità Europea favorendo l’accesso ai fondi di solidarietà europei … che sicuramente ci sono.


La mia storia:

Nel quartiere 1° Maggio di Brescia, zona inquinata da PCB (policlorobifenile) prodotto dalla Caffaro, la mia famiglia ha vissuto quattro anni e mia figlia ha frequentato la prima elementare nella scuola del quartiere.
Nella zona è stata riscontrata un’ alta incidenza di tumori alla tiroide, al fegato, al seno. Si imputa alla Caffaro il disastro ambientale provocato dall'azienda di via Milano, a Brescia.
(vedere trasmissione Presa Diretta Rai 3 del 31.3.2013 al link: rai.tv

Non ci sono parole per descrivere l'assurdo. La collera mi scuote quando penso che nella zona inquinata da PCB vivono tutt’ora 25.000 persone e i bambini non possono giocare sui prati e nei giardini. Anche dove ci siamo trasferiti, 25 anni fa, nella zona di San Polo (periferia est di Brescia) la situazione è grave, anche se non è comparabile con la zona avvelenata dal policlorobifenile della Caffaro.
A San Polo ci sono state problematiche con l’amianto, volevano fare una grande discarica in Via Brocchi, ma grazie all’impegno costante dei comitati ambientalisti bresciani la Procura di Brescia ha valutato e disposto il sequestro della discarica per accertate irregolarità nella modalità di smaltimento rispetto alla normativa della Regione Lombardia.
Siamo venuti a conoscenza, nel quartiere, di contaminazioni da Cesio 137 e altri radionuclidi prodotti da fusione di rottami ferrosi situati nell’ex cava di sabbia Piccinelli.
dal TT-TG delle ore 12.30 di lunedì 10 dicembre 2012 al link:
teletutto.it

Questo materiale andrebbe asportato, con costi sostenibili, e collocato in siti appositi. Si spendono invece soldi per monitorare una situazione ad altissimo rischio, al punto che è stato ipotizzato che la falda acquifera possa essere venuta a contatto nel tempo con il materiale contaminato da Cesio 137. Una riflessione per il candidato sindaco di Brescia alle prossime elezioni del 26-27 Maggio 2013:
Per la MM di Brescia si sono spese cifre enormi, penso di non collocarmi contro la modernità dicendo che la salute pubblica è una priorità non negoziabile e che dovrebbe essere trasversale a qualsiasi colore politico.

Guglielmo loffredi guglielmo.loffredi@alice.it

sites.google.com

facebook.com




Venerdì 05 Aprile,2013 Ore: 23:06
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info