- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (183) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org EUTANASIA CATTOLICA,di Alberto Senatore

Lettera
EUTANASIA CATTOLICA

di Alberto Senatore

Lettera aperta al Vescovo della Diocesi di ORVIETO - TODI


Spettabile Mons. GIOVANNI SCANAVINO,

il mio nome è Alberto Senatore, di fede cristiana, ho 46 anni, sono sposato e sono padre di due figli.

Le scrivo riguardo l’omelia funebre da Lei celebrata giovedì 2 dicembre 2010 nel duomo di Orvieto, in occasione del funerale di Luca Seidita, il giovane diacono venuto a mancare in un modo così tragico lunedì 29 novembre. A riguardo esprimo le mie sentite condoglianze.

Comprendo che officiare il funerale del giovane aiutante non è stato facile e che Lei nel tentativo di consolare i parenti , abbia voluto utilizzare delle parole che infondessero fede e speranza; fermo restando però, che le parole siano opportunamente calibrate.

Capisco che anche per un ministro esperto come Lei trovare le giuste parole non è cosa facile, ma arrivare al punto di avallare un suicidio, questo sinceramente mi sembra assurdo e fuori luogo.

Ho letto sul quotidiano “ la Nazione ” il sunto della sua omelia, probabilmente al redattore dell’articolo deve essere sfuggito qualcosa, perché io ne sono rimasto sconvolto. Non riuscivo a credere a ciò che era scritto! L’articolo riportava una sua dichiarazione, che mi ha scioccato:

Luca andrà incontro a Cristo che è come la roccia, la nostra salvezza ”.

Con questa frase, Lei ha lasciato intendere che Luca andrà in Paradiso.

Ma se questo è il credo della chiesa cattolica, allora anche Giuda Iscariota, che morì suicida, è andato incontro a Cristo, quindi anche Giuda è in Paradiso con Gesù.

A parte l’assoluta infondatezza teologica della Sua affermazione, che è addirittura contraria all’ideologia cristiana, in quanto Dio condanna categoricamente il suicidio, Le scrivo per comunicarle un mio timore circa le possibili conseguenze di tale affermazione.

Mi rendo conto che celebrare il funerale di chi ha volontariamente deciso di porre fine alla sua vita non è né facile né semplice, ma arrivare al punto di “ premiare un suicida con il Paradiso ” oltre ad essere un’affermazione anticristiana, mi sembra socialmente e culturalmente anche “ molto pericolosa ”.

La Sua affermazione evidenzia anche un chiaro paradosso dottrinale.

Da una parte la chiesa cattolica combatte e punisce l’eutanasia, esempi emblematici come i casi di Eluana Englaro e di Piergiorgio Welby, dall’altra parte approva coloro che si tolgono la vita.

Non solo li approva, addirittura li premia con l’entrata in Paradiso.

Dio non voglia che la sua affermazione a qualcuno possa sembrare un incentivo al suicidio e le sue parole abbiano eliminato “ l’unico freno per i credenti cattolici ”: la paura di commettere un peccato contro Dio, che in qualche modo, trattiene chi nella disperazione arriva a pensare al suicidio.

Il mio timore è che questa Sua dichiarazione possa diventare “ la stura alle acque del suicidio ”;

praticamente una specie di eutanasia autorizzata e benedetta dalla Chiesa Cattolica.

Certo della Sua buona fede penso sarebbe opportuno un chiarimento della Sua affermazione, affinché questo spiacevole imprevisto non danneggi ulteriormente la Sua persona e la Chiesa che lei rappresenta.

In attesa di una pronta risposta, cordialmente La saluto.

Giffoni Valle Piana - 6 dicembre 2010

f.to Alberto Senatore

via De Cataldis, 29, - Giffoni Valle Piana - 84095 - SA. E-mail albertosenatore@hotmail.it

 

Risponde il direttore

Gentile Alberto,

al di la di altre questioni su cui sarebbe molto interessante intervenire, mi preme soprattutto commentare la sua affermazione secondo la quale " Dio condanna categoricamente il suicidio" condanna che fungerebbe da freno per i credenti cattolici ingenerando in essi "la paura di commettere un peccato contro Dio".

Ecco io non credo in un "dio della paura" nè credo che ci sia qualcuno, sia essa persona singola sia essa  istituzione, che possa arrogarsi il diritto di parlare in nome di questo "dio". L'espressione "dio lo vuole" ci ricorda troppe brutte cose e nessuno dovrebbe mai più pronunciarle.

Ma su una cosa lei ha perfettamente ragione: la chiesa cattolica pratica la doppia morale. Ci sono cose che sono proibite ai poveri mortali, che devono vivere nella paura di un "dio" irascibile e violento, ma le stesse cose non sono proibite ai potenti della terra e gli esempi sono veramente tanti. Vedi tutto ciò che è consentito a personaggi pubblici come il nostro presidente del consiglio pluridivorziato o al pluridivorziato Sarkosy, che non solo fanno la comunione ma nel caso di Sarkosy, sono stati benedetti addirittura "canonici di Francia" da Benedetto XVI in san Pietro. Per non dire di altro.

Allora che un vescovo dica parole buone durante il funerale di un giovane suicida mi sembra una piccola riparazione per le ingiurie gravi che questa chiesa gerarchica continuamente commette ai danni dell'umanità.

Cordiali saluti

Giovanni Sarubbi



Domenica 12 Dicembre,2010 Ore: 16:33
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info