- Scrivi commento -- Leggi commenti ce ne sono (0)
Visite totali: (289) - Visite oggi : (1)
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori Sostienici!
ISSN 2420-997X

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito

www.ildialogo.org Basterebbe la visita diun vigile urbano,di Renato Pierri

Lettera
Basterebbe la visita diun vigile urbano

di Renato Pierri

Gentile direttore, trascrivo la lettera di una signora, riguardo alla mia lettera "Razzismo al contrario" da voi pubblicata con lo stesso titolo, e la mia risposta.
 
Gentile sig. Pierri,
ho letto la sua lettera su Repubblica e mi permetto di fare alcune considerazioni su quanto da Lei scritto.
La maggior parte dei datori di lavoro delle grandi città, compresa Roma, città da me frequentata per motivi professionali, preferisce assumere personale extracomunitario.
I gestori di bar costringono le lavoranti ad orari stressanti ed a mansioni inique, come pulire i bagni sporcati dai clienti, cosa che, invece, spetterebbe ad un'impresa di pulizie o ad altro personale addetto.
Non riesco a pensare ad una bella ragazza straniera che, con le stesse mani, sgrassa e disinfetta lavabi e w.c. e, poi, mi serve un bel cornetto alla crema.
 
Le italiane stentano a trovare lavoro nella capitale, perché si oppongono a mansioni di questo genere, che nascondono sfruttamento, orario in nero, assenza di contributi.
E gli imprenditori non le assumono perché pensano di poter subire una vertenza sindacale, non rispettando la legge.
Con le straniere questo problema non c'è.
Altro che ragazze fenomeno!
 
Cordiali saluti,
(lettera firmata) 
 
Risposta di Renato Pierri
Gentile signora, la ringrazio per avermi scritto, anche se ciò che mi dice non è piacevole. Le unisco il testo integrale della mia lettera, citata in parte da Augias, ma pubblicata per intero su altri quotidiani e su un settimanale. Io mi riferivo ad un determinato locale, dove non credo che Rachele, la signorina che ho definito "fenomeno" non solo per come lavora, ma anche per la rara bellezza, sia trattata nel modo che lei descrive. Però cercherò di informarmi meglio.
Qualora fosse vero quanto lei afferma, bisognerebbe imputarne la colpa ai sindaci, giacché basterebbe la visita di un vigile urbano ora in questo, ora in quel locale, per evitare che il personale straniero sia sfruttato. 
Riguardo poi alla sua considerazione: "Non riesco a pensare ad una bella ragazza straniera che, con le stesse mani, sgrassa e disinfetta lavabi e w.c. e, poi, mi serve un bel cornetto alla crema", mi perdoni, ma mi sembra un po' una sciocchezza. Ammesso che alla ragazza tocchi pulire i bagni, ritengo che non lo farà senza guanti. Tra l’altro, nel locale oggetto della mia lettera, i cornetti, così come le paste,  sono portati al banco dal pasticcere, e le signorine che servono ricorrono alle apposite pinze.
 
Un cordiale saluto
Renato Pierri


Mercoledý 05 Maggio,2010 Ore: 16:50
 
 
Ti piace l'articolo? Allora Sostienici!
Questo giornale non ha scopo di lucro, si basa sul lavoro volontario e si sostiene con i contributi dei lettori

Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF -- Segnala amico -- Salva sul tuo PC
Scrivi commento -- Leggi commenti (0) -- Condividi sul tuo sito
Segnala su: Digg - Facebook - StumbleUpon - del.icio.us - Reddit - Google
Tweet
Indice completo articoli sezione:
Lettere

Canali social "il dialogo"
Youtube
- WhatsAppTelegram
- Facebook - Sociale network - Twitter
Mappa Sito


Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l’obbligo di citare la fonte (www.ildialogo.org), non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.
Gli abusi saranno perseguiti a norma di legge.
Per tutte le NOTE LEGALI clicca qui
Questo sito fa uso dei cookie soltanto
per facilitare la navigazione.
Vedi
Info